Cerca: Saperi PA, Efficienza, Atti FORUM PA 2007, back office

7 risultati

Risultati

Risultati del Progetto "Sportelli per la Montagna e sperimentazione di uno Sportello per il Cittadino in area montana"

Russo presenta i risultati del progetto ed analizza le attività svolte nel territorio delle comunità coinvolte. L’obiettivo è stato quello di definire un modello operativo per le comunità montane, viste come gestore di servizi associati e come ente facilitatore in grado far leva ed individuare le esigenze di un territorio per creare una struttura d’incontro. Si è data, quindi, sostenibilità ai servizi, aggregando l’offerta dei servizi stessi e, di conseguenza, razionalizzando il back office.Leggi tutto

Nuovi strumenti di back office: il ‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’

Enrico Bollini presenta il ‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’, uno strumento di back office dedicato agli enti pubblici e privati che si occupano di internazionalizzazione. Per realizzare progetti più ricchi di contenuti, capaci di coinvolgere il maggior numero di imprese, è necessario mettere insieme le risorse e le capacità di tutti gli enti con il rischio, tuttavia, che diventi difficile orientarsi nella molteplicità di informazioni fruibile.Leggi tutto

‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’: funzionalità e obiettivi

Barbara Bono spiega le funzionalità e gli obiettivi del progetto ‘Luogo Virtuale e Gestione delle Idee’: in primo luogo, la condivisione delle informazioni necessarie per l’organizzazione di un evento, l’inserimento, la gestione e l’archiviazione delle idee progettuali, l’omogeneità delle informazioni disponibili nei contenuti e nei tempi, la diffusione capillare dei progetti. L’attivazione del forum, inoltre, consentirà di stimare l’interesse di un progetto, migliorare il dialogo tra gli enti e favorirne un’organizzazione coerente.

La PA digitale ha bisogno di passare dalla logica delle sperimentazioni a quella delle implementazioni

Beatrice Magnolfi ritiene che la pubblica amministrazione si trovi in una fase in cui l’informatizzazione non è accompagnata dall’innovazione. Per questo motivo occorre spostare gli investimenti dal front office al back office. Sottolinea il ruolo fondamentale dell’interoperabilità per il dialogo delle amministrazioni e fa riferimento alla Conferenza permanente per la PA centrale per l’individuazione delle priorità da realizzare entro il 2008.Leggi tutto

Il comune di Anzola e la realizzazione del protocollo informatico: il back-office e le sue problematiche

Patrizia Saggini ha curato nell’ambito del progetto DocArea la realizzazione del protocollo informatico. Si tratta di un’attività che attiene alla gestione del back-office e ha un forte impatto tecnologico e organizzativo. Le leve organizzative in questione sono: l’analisi dei procedimenti, il titolario per la classificazione dei documenti e il manuale di gestione. Sono tutti strumenti di natura archivistica che non appartengono alla cultura degli operatori per cui sulle difficoltà organizzative intrinseche si innestano deficit culturali.Leggi tutto

I bisogni e le aspettative degli utenti alla base delle scelte di interoperabilità

Jean Wodon sostiene che l’organizzazione in fatto di interoperabilità deve essere affrontata allo stesso livello della tecnologia, della semantica e della legislazione. Ritiene che l’organizzazione debba essere analizzata per servizio e per processo invece che per funzione come tuttora avviene. Prima di tutto, aggiunge, bisogna identificare il servizio e i suoi utenti per analizzare il processo nella sua interezza. Tra le aree su cui ritiene occorra investire ci sono l’innovazione e l’efficienza del back office, nonché disporre di una metodologia a supporto di ogni processo.

I progetti di e-government e di e-democracy della Provincia di Roma

Russotto presenta due progetti della Provincia di Roma: la prima iniziativa, in fase di avvio, è lo sportello virtuale che fa seguito al progetto di e-government COMNET; il secondo progetto, che si trova all’inizio della sua fase operativa, è PRODEAS per l’e-democracy. Le maggiori difficoltà nella loro implementazione sono state la difformità e l’eterogeneità dei servizi all’interno dei Comuni della Provincia.Leggi tutto