Cerca: Saperi PA, Efficienza, Regione Lazio

Risultati 1 - 10 di 14

Risultati

Agenda Digitale: tanti cantieri - soprattutto nelle regioni - che vanno resi operativi

L’Agenda Digitale nazionale si potrà realizzare solo se scendiamo ad un livello maggiormente operativo e se si attua una piena collaborazione tra centro e territori, in primis le Regioni. Questi i due punti cardine per l'attuazione dell'Agenda Digitale, secondo Antonio Samaritani intervenuto oggi a Roma alla presentazione della strategia "Lazio Digitale", che ha proposto anche una lista di priorità su cui lavorare insieme.

Leggi tutto

Dematerializzazione del ciclo passivo dell'ordine, il caso Regione Lazio

Il Sistema Accordo Pagamenti, integrato con i sistemi contabili delle Aziende Sanitarie, avviano dalla Regione Lazio nel 2009, ha aperto la strada all'implementazione della fatturazione elettronica a tutti i settori da parte della Regione Lazio.

A settembre il valore del fatturato dell'anno 2014 raggiungeva quasi i 5 miliardi.

Leggi tutto

L’esperienza della Regione Lazio nella fatturazione elettronica

Nel 2009 la Regione Lazio e LAit avviano il Sistema Accordo Pagamenti, integrato con i sistemi contabili delle Aziende Sanitarie.E' unapiattaforma che gestisce tutto il ciclo passivo dell'ordine. Solo nel 2009 ha gestito più di 1 milione e 800mila fatture per quasi 3 miliardi di euro di fatturato. Un sistema efficiente che ha attirato l'attenzione di altre regioni italiane, interessante a riutilizzare la piattaforma sviluppata da LAit.

Leggi tutto

Riforma Brunetta e pari opportunità: l'espienza della Regione Lazio

Isabella Rauti presenta il percorso fatto della Regione Lazio per recepire la Riforma Brunetta. In particolare la legge regionale dello scorso febbraio proprio a seguito dell’intervento di Isabella Rauti riporta un emendamento sulle pari opportunità.

Leggi tutto

I frutti della riforma: l'esperineza della Regione Lazio

Renata Polverini presenta i dettagli del percorso di applicazione della riforma Brunetta all’interno della Regione Lazio. Punto di partenza il protocollo di intesa siglato dal Presidente della Regione Lazio e dal Ministro Brunetta nel 2010 e divenuto, poi, legge regionale. La riorganizzazione dei Dipartimenti, la nuova centrale acquisti, la Posta Elettronica Certificata, la partecipazione ai network Linea Amica e Mettiamoci la Faccia, Il protocollo informatico e la ridefinizione dei processi interni.

Leggi tutto

APQ (Accordi di Programma Quadro) Day 12 maggio 2011

Gli Accordi di Programma Quadro di Sostegno alla Cooperazione Regionale sono nella fase finale e la Regione Lazio che ha partecipato a diverse linee d’intervento ha organizzato un convegno che si svolgerà il 12 maggio 2011 nell’ambito del Forum della Pubblica Amministrazione alla Nuova Fiera di Roma.

Leggi tutto

Produttività, efficienza e trasparenza: la Giunta della Regione Lazio approva la proposta di legge

La Giunta del Lazio, presieduta da Renata Polverini, ha approvato nella riunione di ieri, 23 giugno, la proposta di legge regionale concernente ‘Norme in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle amministrazioni regionali’, che si inserisce nell'ambito delle misure adottate dalla Regione Lazio, una delle prime in Italia, al fine di dare attuazione al decreto legislativo 150/2009 (decreto Brunetta).

Leggi tutto

A FORUM PA Brunetta e Polverini firmano un protocollo per l’attuazione della riforma

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta e la Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini hanno firmato oggi 17 maggio, presso lo stand della Regione Lazio a FORUM PA, un Protocollo d’intesa per favorire l’attuazione del decreto legislativo 150/2009 di riforma della PA.

Leggi tutto

L’ANCEP come strumento di divulgazione e formazione

L’ANCEP è indirizzata a coloro che operano all’interno della PA. Bisogna rafforzare l’associazione per far sentire la nostra voce a livello nazionale e conoscersi fra colleghi, scambiandosi esperienze e competenze. Occorre che tutte le amministrazioni abbiano un ufficio del cerimoniale proporzionato alla struttura che devono rappresentare, per divulgare su tutto il territorio la conoscenza del cerimoniale.