Cerca: Saperi PA, Atti FORUM PA 2011

Risultati 91 - 100 di 816

Risultati

Il contributo della SSPA per la diffusione della cultura della trasparenza

Tra il maggio 2010 e il maggio 2011 la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione ha realizzato diverse attività formative sui temi dell’etica, della trasparenza e della prevenzione dell’illegalità, alle quali hanno partecipato 1.120 tra dirigenti e funzionari pubblici, per complessive 554 ore di didattica.

Leggi tutto

Il diritto alla piena accessibilità come garanzia dell’integrità: la prospettiva della CiVIT

L’eccesso di controlli preventivi non porta ad evitare gli illeciti, per questo – spiega Martone – ci si è spostati ai controlli successivi. Il contrappeso indispensabile all’eccesso anche di questi ultimi – che rischia di portare nei fatti a una mancanza di controllo – è quello della trasparenza, ovvero della piena accessibilità delle informazioni al di là della dimostrazione dell’interesse qualificato. Ciò porta ad un controllo sociale diffuso sull’operato della Pubblica Amministrazione, indispensabile per la prevenzione dei fenomeni corruttivi.

Leggi tutto

Nuove regole per l’integrità dei dirigenti pubblici

Francesco Merloni si sofferma sul tema dell’integrità dei dirigenti invitando a confrontare l’attività della CiVIT con quella di tre importanti istituzioni consorelle: La commission de déontologiefrancese, la Committee on Standards in Public Life inglese e l’United States Office of Government Ethics.

Leggi tutto

Il processo di dematerializzazione nel settore dell’edilizia

Massimiliano Spada parte da una constatazione: nell’ambito dell’edilizia è molto difficile mantenere la logica del processo. Conseguenza diretta  di questo – osserva - è che i “dirigenti hanno praticamente l’ufficio in procura e i professionisti passano l’80% del loro tempo a sbrigare pratiche amministrative”.  Dunque, dove e come intervenire per sanare la situazione? “Il primo punto – sostiene Spada - è mettersi attorno a un tavolo e stabilire le regole. Nel settore dell'ediliza abbiamo, più che altrove, bisogno di certezza nelle dichiarazioni e nelle responsabilità”.

Leggi tutto

Servizi digitali ai cittadini: dalla ricetta informatica al referto clinico on line

Mario Po’ illustra i servizi digitali per i cittadini messi a punto dalla Ulss 8 di Asolo, sottolinando il fatto che la tecnologia è l’ultimo dei problemi in questo processo di innovazione, mentre il primo punto è la convinzione dei vertici dell’azienda, da cui deve discendere necessariamente l’attenzione alla formazione e al coinvolgimento delle risorse umane sia organizzative, che cliniche, che infermieristiche e, infine, una corretta strategia di partnership tecnologica.

Leggi tutto

Il DIPINT: Esempio toscano di integrazione tra Università e Regione

Maria Grazia Catania presenta il Dipartimento Interistituzionale Integrato (DIPINT) del Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi che ha risposto all’esigenza di integrare i processi di didattica, ricerca e assistenza e i relativi processi tecnico-amministrativi di supporto. Una nuova struttura tecnico-amministrativa di supporto, integrata  nelle competenze dal know how universitario e da quello aziendale, in una logica di reingegnerizzazione di processi, funzioni e strumenti.

I provvedimenti attuativi della riforma

La riforma Brunetta è una riforma complessa, che non può prescindere da una attuazione attenta e partecipata da parte di tutti gli attori e i destinatari delle norme introdotte.

Leggi tutto

Il filo rosso dell'innovazione nella riforma: a che punto siamo?

Stefano Sepe prova a rispondere alle domande da cui ha preso le mosse il convegno. Prima di tutto, la riforma Brunetta è collegabile al ciclo dei precedenti tentativi di riforma? Negli intenti certamente sì. Secondo Sepe, infatti, la continuità delle proposte di riforma che si sono succedute negli anni è evidente negli intenti complessivi, altra cosa invece sono gli strumenti e le modalità. La seconda domanda è: c’è un sentire comune sulla possibilità di cambiare l’amministrazione e sul fatto che le leggi possano fare traino per questo cambiamento? Oggi non più.

Leggi tutto

Blue4promo. Il progetto di Parco nazionale della Sila

Constatando la rapida diffusione del bluetooth tra le tecnologie wireless, l’Ente parco Nazionale della Sila ha deciso di puntare sulle potenzialità di questa tecnologia innovativa per divulgare messaggi informativi sulle peculiarità naturalistiche del territorio, sui servizi e sulle opportunità d’intrattenimento presenti nel Parco. Nasce così Blue4promo che, tra i 6 progetti premiati nell'iniziativa "Turismo e cambiamento",  è stato presentato da Sonia Ferrari a FORUM PA 2011.

Lo Strumento APQ per le PMI laziali