Cerca: tecnologie per la qualità della vita

Risultati 1 - 10 di 22

Risultati

A Pisa una città più smart per residenti e turisti

Tecnologie innovative al servizio del cittadino per una migliore qualità della vita: grazie all’accordo con IBM, la città toscana si prepara a diventare una delle “smarter town” italiane. Turismo, mobilità e gestione delle acque, i primi settori interessati.

Leggi tutto

Come saranno le città del futuro?

Lo abbiamo chiesto a Carlo Ratti, fondatore e direttore del SENSEable City Lab del Massachussets Institute of Technology (MIT). Nella sua visione, il digitale entra nello spazio fisico, bit e atomi si fondono per restituirci città più intelligenti e vivibili, e le reti possono essere utilizzate per studiare e capire meglio le dinamiche urbane.

Leggi tutto

Indagine su un campione di 800 iniziative della PA per l'integrazione dei disabili col supporto dell'ICT

Nell'ottica di offrire servizi efficaci e migliori ai cittadini, la Pubblica Amministrazione cosa fa per facilitare la fruibilità di servizi da parte delle fasce più svantaggiate e per promuovere una maggiore integrazione sociale? E come può la Pubblica amministrazione integrare al meglio al suo interno i dipendenti portatori di disabilità per far sì che siano delle risorse e non "obblighi"? Su questa tematica verte l'indagine svolta dalla Fondazione ASPHI, in collaborazione con FORUM PA, nell'ambito del premio P.A. Aperta.Leggi tutto

Le novità della nuova sede

Innovazione tecnologica, nuovi modelli organizzativi e benessere organizzativo: queste tre le principali novità introdotte dalla nuova sede del Ministero della Salute.

Leggi tutto

Il franchising del non-profit

lay for a while

by Alli

Non è una novità: anche nel campo, per non dire mercato, del non-profit ci si accapiglia per accedere a fondi di finanziamento, conquistare aree geografiche e fasce di popolazione. Quando poi il non-profit incrocia l’informatica la lotta è all’ultimo bit.

 

Leggi tutto

La tecnologia e i "pluriversi" della disabilità

Carlo Gulminelli - Vice Presidente Fondazione ASPHI onlus

Foto di Carlo Gulminelli - Fondazione ASPHILa Fondazione ASPHI  sperimenta e diffonde soluzioni informatiche per l'integrazione delle persone disabili. Con Carlo Gulminelli abbiamo cercato di capire quali sono i bisogni delle persone diversamente abili e come le tecnologie possono venire incontro a questi bisogni.

Leggi tutto

Robobraille: le parole da ascoltare

RoboBraille è un servizio dedicato ai ciechi e agli ipovedenti che permette di rendere più agevole l'accesso a libri, riviste, materiale di studio e, più in generale, a tutto ciò che è scritto. Consente di effettuare alcune interessanti operazioni su documenti di testo in svariati formati, in maniera veloce ed automatica. Il mondo della disabilità ha molte sfaccettature ed è complesso: non c'è una soluzione unica, ma la tecnologia aiuta.

Leggi tutto

Considerazioni sull'e-inclusion nell'amministrazione penitenziaria

Luigia Mariotti Culla - Direttore ISSP, Istituto Superiore Studi Penitenziari

Il contesto "carcere" richiede una gestione attenta nell'utilizzo dell'ICT per coniugare lo svolgersi regolare della vita comune e il reinserimento del detenuto nel contesto sociale. Sullo sfondo il tema della riforma in una situazione di emergenza che si ripresenta in tutta la sua gravità.

Leggi tutto

Quale e-Inclusion per i detenuti?

Crescono le esperienze di presenza sul web delle realtà carcerarie: esperimenti di networking tra il dentro e il fuori gridano un'esigenza di socialità e visibilità che l'amministrazione non può ignorare, se è vero che scrivere, lavorare, giocare, interrogarsi, conoscere vuol dire non morire. Vuol dire in una certa misura essere liberi. Lasciare aperta la categoria della possibilità. (E.Patrono, Responsabile Redazione ilDue) Ma come declinare il diritto alla e-inclusion del detenuto, nell'anno di e-Inclusion 2008?  Partiamo dalla riflessione sull'inclusione e l'integrazione tout-court. Che, nei nuovi paradigmi di giustizia, riguarda il detenuto ma anche la società. Il discorso si fa più ampio e complesso.

Leggi tutto

e-Inclusion 2008: le tecnologie non siano barriere

L'Unione Europea arriva al 2008 con differenze strutturali e regionali rilevanti. Altrettanto rilevanti sono le tendenze socio-demografiche comuni e assolutamente prioritari gli obiettivi condivisi a Lisbona. Aspettativa di vita media, tassi di immigrazione, domanda di welfare in crescita. Obiettivi al 2010: fare dell'UE l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, basata su sostenibilità, occupazione e inclusione sociale.

Leggi tutto