Cerca: riforma titolo V

Risultati 1 - 10 di 22

Risultati

In arrivo una nuova riforma della PA? Ecco i punti citati da Renzi in questi giorni

Tra le prime dichiarazioni del nuovo Presidente del Consiglio non è sfuggito l'annuncio di una nuova grande riforma della pubblica amministrazione, prevista, secondo lo strettissimo calendario automiposto, non più tardi di aprile di quest'anno. Non essendoci ancora nulla di certo abbiamo provato a raccogliere tutti gli spunti lanciati in questi giorni per vedere che forma potrebbe avere la nuova PA targata Matteo Renzi o Marianna Madia. Eccoli qui.

Leggi tutto

Lavoro pubblico e riforma costituzionale: l'errore del centralismo

Il recente disegno di legge di riforma del titolo V della Costituzione approvato pochi giorni fa in Consiglio dei Ministri, per altro apprezzabile nel suo obiettivo di ordinare una materia che la precedente riforma del 2001 aveva lasciato con enormi buchi, prevede il ritorno allo Stato della potestà legislativa esclusiva per quanto riguarda il lavoro pubblico. Introduce infatti la “disciplina giuridica del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni” nel punto g) dell'art 117 della Costituzione che elenca le aree di potestà esclusiva dello Stato. In parole povere né leggi regionali né norme o statuti degli enti locali avranno più possibilità di regolare temi quali assunzioni, valutazione, stabilizzazioni, ecc. Io credo che sia una scelta profondamente sbagliata sia nei suoi presupposti teorici sia nei suoi effetti pratici. Cercherò di argomentare questa convinzione…..

Leggi tutto

Non solo Big Society. L’ora della sussidiarietà in Italia

Elemento centrale nella declinazione italiana di anglofoni modelli emergenti - dall’open government alla big society alla social innovation - la sussidiarietà ha celebrato lo scorso 18 ottobre i suoi primi 10 anni in Costituzione. Un compleanno importante in un contesto difficilissimo per il nostro Paese. Nel discorso pubblico che fa da sfondo a questa crisi la sussidiarietà è entrata di prepotenza, ma nel Paese reale chi la conosce? E chi la fa? Gregorio Arena, professore di Diritto Amministrativo all’Università di Trento e presidente Labsus – Laboratorio per la Sussidiarietà ci aiuta a scoprire un principio avanguardistico di amministrazione partecipata per la cura dei beni comuni.

Leggi tutto

Ricambio generazionale e innovazione: accettare la sfida delle autonomie locali

Nel mezzogiorno, in particolare in alcune realtà locali, quello che serve per innovare profondamente la macchina dell’amministrazione non è centellinare gli ingressi dei giovani, ma introdurre un flusso forte di nuove leve che garantisca il ricambio generazionale. Questa la conclusione dell’intervento di Giovanni Speranza, che esamina la situazione del Comune di Lamezia Terme, sottolineando le differenze esistenti tra gli enti locali del mezzogiorno e l’importanza di accettare fino in fondo la sfida che si è aperta con la riforma del Titolo V della Costituzione.Leggi tutto

L'integrazione socio-sanitaria e socioassistenziale possibile

Dal punto di vista della sanità e dell'integrazione socio-sanitaria, l'Italia si presenta in modo frammentario: il titolo V ha concesso maggiori poteri alle regioni e alle realtà locali creando forti dislivelli tra una regione e l'altra. Secondo Mengozzi è importante trovare un punto di incontro a livello nazionale nella definizione dei livelli di assistenza.Leggi tutto

Responsabilità, risorse e competenze delle autonomie locali

Per Giacomo Santini autonomia locale non significa arbitrarietà né gestione indiscriminata di risorse, ma rappresenta un livello di responsabilità che va gestito con oculatezza, onestà e capacità interpretativa delle esigenze dei cittadini e delle comunità. Anche le autonomie più spiccate come quelle del Trentino Alto Adige o della Sicilia rispondono ad un disegno nazionale che va ad incidere sulle competenze dei territori.

Leggi tutto

Dimensione territoriale della politica e dimensione territoriale della gestione

Giordano Corradini affronta il tema della coerenza tra dimensione territoriale della politica e dimensione territoriale della gestione. Lo scopo degli Enti locali è quello di restituire le risorse alle proprie comunità in termini di sviluppo del benessere. Durante il processo di restituzione ai cittadini, il compito della politica è anche quello di ridistribuire, e ciò è reso possibile grazie alla dimensione gestionale.

Leggi tutto

La piattaforma UNCEM- Legautonomie sulle funzioni fondamentali degli Enti Locali

Da più di dieci anni si assiste a numerose iniziative di riorganizzazione delle funzioni fondamentali degli Enti Locali. In questo percorso, un’occasione importante è rappresentata dalla piattaforma di confronto che UNCEM e Legautonomie hanno voluto promuovere alla fine della scorsa legislatura, con l’obiettivo di formulare proposte e linee di indirizzo utili per una riforma razionale ed efficace.

Leggi tutto

Funzioni di Comuni e Province nel nuovo assetto costituzionale in attuazione del Titolo V

De Lucia parla delle funzioni che Comuni e Province hanno nel nuovo assetto costituzionale. Innanzitutto, la riforma del Titolo V impone che l’autonomia locale si fondi immediatamente sulla base della Costituzione e non presupponga alcun intervento legislativo che possa consentire il dispiegarsi dell’autonomia stessa. In particolare, lo Statuto Locale risulta essere l’atto fondativo della comunità che permette alle collettività ed alle loro esigenze di emergere come vero soggetto di autonomia.

Leggi tutto

Autonomia e Responsabilità, ne parliamo con Michele Bertola

foto michele bertola

 Autonomia e Responsabilità

Autonomia e Responsabilità sono i cardini dell’innovazione continua necessaria all’Ente locale. Michele Bertola, Direttore generale del Comune di Legnano e Presidente dell’Associazione Andigel, ci anticipa i temi portanti del convegno "Autonomia, trasparenza e responsabilità quale quadro di regole per permettere il buon governo degli enti locali?, il 4 aprile a Milano

Leggi tutto