Cerca: gestione dei pagamenti

Risultati 1 - 10 di 23

Risultati

Gestione delle trasferte nella PA: servono efficacia e trasparenza. La ricerca presentata oggi a #FPA2015

Ottimizzare i processi e ridurre i costi è il compito che le Pubbliche Amministrazioni italiane oggi sono chiamate a svolgere mettendo in atto politiche di miglioramento degli investimenti a tutto campo, le quali devono anche essere in grado di preservare e garantire la qualità dei servizi pubblici erogati sia nei confronti dei cittadini, sia dei dipendenti. Il settore della gestione e del pagamento delle spese per viaggi e trasferte non fa eccezione. Oggi a FORUM PA 2015 è stata presentata la ricerca “Il Travel Management nella PA", sviluppata da AirPlus International Italia – multinazionale specializzata in soluzioni di pagamento e analisi delle spese di viaggio d’affari – in collaborazione con gli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano e FORUM PA.  

Leggi tutto

Servizi e tributi locali: quando per pagare basta scendere nel negozio sotto casa

Si chiama Pay-Box il sistema gestionale evoluto, raggiungibile attraverso interfaccia web, che consente ai cittadini e alle imprese di pagare comodamente i servizi comunali e i tributi locali presso tabaccherie, edicole, bar e altri pubblici esercizi locali abilitati, o tramite accesso diretto al web. Un esempio di utilizzo? Nel Comune di Bientina, in provincia di Pisa, l’occupazione temporanea del suolo pubblico ora si gestisce così.

Leggi tutto

Pagamenti elettronici nel nuovo CAD. Funzioneranno?

L’art. 5 del nuovo CAD affronta un nodo cruciale per le nostre vite di cittadini ergo contribuenti digitali: i pagamenti alla pubbliche amministrazioni. Già previsti nel 2005, hanno faticato a decollare - come rilevato da molti - per mancanza di regole tecniche e per il mancato coraggio dello switch-off che in generale rende sofferta e prolungata la nostra transizione verso l’amministrazione digitale. A Roma, la scorsa settimana abbiamo fatto il punto sull’argomento, partendo da tre novità introdotte dall’articolo in questione: l’estensione a regioni e enti locali, l’indicazione di strumenti operativi  di pagamento elettronico, l’apertura a soggetti privati per la riscossione, in qualità di payment service provider. Le banche non potevano mancare. Proprio con loro abbiamo avviato una riflessione su come procedere per rendere l’art. 5 del CAD finalmente operativo all’interno di un sistema normativo e organizzativo integrato.

Leggi tutto

Pagamenti europei anche per la Pubblica Amministrazione italiana

È stata completata la prima fase del progetto messo a punto dal CNIPA e e dall’ABI - Associazione Bancaria Italiana - per adeguare agli standard previsti dall’Area Unica dei Pagamenti in Euro (SEPA) le disposizioni che regolano i rapporti tra enti pubblici e settore bancario.

Leggi tutto

Un'indagine europea sui ritardi della PA nei pagamenti

La Commissione Europea ha avviato una indagine tra le imprese per indagare il fenomeno dei ritardi di pagamento da parte delle PP.AA. nei confronti dei “fornitori”. A partire dal 26 maggio ’08  l’Unione Europea ha avviato sul proprio sito web, una inchiesta tra le imprese di tutta Europa per conoscere le proporzioni e le caratteristiche del fenomeno dei ritardi di pagamento. L'inchiesta sarà on line fino a tutto agosto.

Leggi tutto

I pagamenti della P.A.: l’esperienza dell’Azienda Ulss n. 9 di Treviso

La testimonianza dell’Azienda Ulss9 di Treviso intende mostrare come una gestione finanziaria efficiente abbia dei riflessi positivi sulla gestione dell’azienda stessa e ovviamente sui fornitori. Sono ovvie le conseguenze di una buona capacità di rispettare i tempi di pagamento contrattualmente stabiliti con la controparte: prezzi di acquisto di beni e servizi mediamente più bassi, non si devono pagare interessi di mora, inoltre, avere la fama di buoni pagatori permette di negoziare, di transare.

Leggi tutto

Criticità informative e misurazioni da istituire nel quadro del sistema statistico nazionale

Gli argomenti discussi in quest’intervento spaziano dai rapporti tra le PPAA e le imprese agli aspetti sulla competitività per imprese, cittadini e PA, partendo dal posizionamento nazionale dell’indicatore internazionale di competitività fino ai ritardi nei pagamenti e quelle che sono le misurazioni disponibili a livello nazionale e internazionale. L’attenzione è stata focalizzata su quelle che sono delle criticità informative e le misurazioni che si possono istituire nel quadro del sistema statistico nazionale.Leggi tutto

Analisi economica e strutturale della gestione dei bilanci delle amministrazioni comunali: i ritardi dei pagamenti

In questa analisi economica e strutturale della gestione dei bilanci delle amministrazioni comunali, l’attenzione è focalizzata su alcuni indicatori statistici riguardanti i ritardi dei pagamenti. Il trend è quello di un incremento dell’autonomia impositiva e del grado di rigidità strutturale. Altro punto cruciale è quello normativo; una delle proposte è di partire dall’esistente, applicare la normativa, focalizzandosi sul problema strutturale.

Leggi tutto

Il pressante problema del ritardo dei pagamenti

Le principali problematiche e le maggiori preoccupazioni delle imprese italiane nei rapporti di fornitura con la PA sono sostanzialmente tre: la considerevole presenza delle società partecipate pubbliche (in-house); la complessità delle procedure di gare e il problema dei (ritardi nei) pagamenti. Quest’ultimo, in particolare, ha assunto dimensioni molto rilevanti. Nel solo settore sanitario la Corte dei Conti ha stimato in 22 miliardi di euro i debiti del Servizio Sanitario Nazionale verso i fornitori a tutto il 2004.Leggi tutto

La responsabilità sociale della PA negli acquisti pubblici

Alessandro Beda, nel giudicare positivamente l’iniziativa “Vicini alle imprese” della Provincia di Milano, ne individua il maggior punto di forza nell’istituzione di un tavolo multi- stakeholder, composto da rappresentati del mondo non governativo, dell’impresa e del sindacato per discutere il tema degli acquisti sostenibili. L’idea semplice di produrre un codice etico e uno schema di autovalutazione per il piccolo imprenditore si è rivelata una soluzione capace di innescare processi virtuosi nelle aziende.Leggi tutto