Cerca: Sanità, federalismo fiscale

8 risultati

Risultati

L’utilizzo direzionale degli standard N.I.San.

 

Leggi tutto

Le problematiche delle Regioni soggette ai Piani di Rientro dal disavanzo sanitario

 

Variale afferma che il provvedimento in vigore allontana i territori più in difficoltà da quelli più ricchi del Paese smembrandone ancor più l’unità perché le Regioni soggette ai Piano di Rientro non possono usare la fiscalità di vantaggio. Nonostante a fine 2011 la Campania avrà recuperato 300 milioni di disavanzo, mancano processi di accompagnamento per le Regioni volenterose, uno dei quali potrebbe essere una deroga al divieto di stabilizzazionedei precari che porterebbe a risparmiare sugli oltre 350 milioni di straordinari pagati. 

Stato di avanzamento dell’analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom-up

 

Leggi tutto

I criteri di finanziamento delle istituzioni pubbliche del Servizio Sanitario Regionale

L’Assessore Kosic riporta l’esperienza della Regione Friuli Venezia Giulia, che è fuori dal Servizio Sanitario Nazionale e si finanzia con le proprie risorse, avendo mantenuto il finanziamento storico fino al 2010, mentre dal 2011 si basa invece sul finanziamento ponderato sulla popolazione. La parola chiave – dice Kosic in introduzione– è equità, dopodiché dedica il seguito dell’intervento alla spiegazione analitica del sistema e dei criteri di ripartizione delle risorse secondo i parametri di Area Vasta in FVG.

Ricostruire la fiducia in sanità

 

Leggi tutto

Federalismo sanitario: la razionalizzazione trasparente

 

Leggi tutto

Il Network Italiano per la Sanità (N.I.San.)

Il N.I.San. è un network di aziende sanitarie costituito con lo scopo di elaborare i costi standard delle prestazioni sanitarie attraverso l’elaborazione dei costi delle attività sanitarie, svolte da ciascuna azienda, secondo uno strumento omogeneo (HABC).

Leggi tutto

Sanità e Regioni. Dalla riforma "bis" del 1992 al "Nuovo Patto per la salute" 2006-2008

Gli ultimi 16 anni per la sanità e il sociale sono stati particolarmente travagliati e importanti: dalle riforme del 1992-93 e 1999, con la regionalizzazione e l’aziendalizzazione del sistema sanitario nazionale, alla riforma dell’assistenza sociale del 2000; dal primo tentativo di federalismo fiscale, sempre del 2000, alla riforma del Titolo V della Costituzione; dall’approvazione e attuazione dei Livelli essenziali di assistenza – LEA – del 2001, agli accordi e intese Stato-Regioni del 2000 e del 2001, fino al “Nuovo patto per la salute 2006-08”.Leggi tutto