Cerca: Altro, pari opportunità

Risultati 1 - 10 di 13

Risultati

Presidente Napolitano, c'è bisogno anche della saggezza delle donne! #PianoD

"Perché arrivare ad una scelta (quella dei 10 saggi) che inevitabilmente nella sua omogeneità maschile impoverisce il Paese stesso che la compie? E perché insieme alle donne sono rimasti fuori i giovani che con competenza, entusiasmo e novità avrebbero potuto dare il segnale di un rinnovamento, chiesto ormai da tutti e ciascuno?"  Flavia Marzano nel suo blog da voce alle donne (e non solo), lanciando un appello affinchè la scelta dei 10 saggi del Presidente Napolitano sia rivista e "la parola saggezza sia declinata anche al femminile per dare valore a quella componente necessaria e imprescindibile per ogni sviluppo cui si aneli". 

Leggi tutto

Le dinamiche della comunicazione in una prospettiva di genere. L'immagine femminile nei programmi d'informazione

Catherine Spaak dichiara che lo statuto dell’immagine femminile diffuso dalla televisione soffre di un grave deficit di natura valoriale. Per quanto riguarda il settore dell’informazione se si equivalgono numericamente gli inviati di sesso maschile e femminile, pochissime sono le donne che entrano nelle stanze in cui si stabiliscono le soglie di notiziabilità. Nel contesto dell’informazione le donne spesso sono autorevoli ma non hanno autorità: visibilità senza potere.

Leggi tutto

Un percorso di crescita culturale per affermare una maggiore femminilizzazione delle organizzazioni

Gabriella Alemanno auspica regole per l’affermazione dell’uguaglianza delle donne nella società rafforzate da opportune sanzioni in caso di inadempienza. Sottolinea la differenza tra leadership al femminile e leadership delle donne e pone in evidenzia come i valori maschili siano tuttora prevalenti. Ritiene che una maggiore femminilizzazione della società, oltre ad essere più in sintonia con i tempi, sia funzionale al benessere organizzativo.

Leggi tutto

Il Bilancio di Genere e una legge per le pari opportunità: strumenti necessari per imprimere un’accelerazione al cambiamento cul

Silvia Della Monica offre un quadro delle percentuali di donne e uomini che lavorano nella Magistratura. Sostiene che pari opportunità e uguaglianza di genere necessitino di un assetto normativo e di un’azione in grado di incidere, attraverso percorsi educativi, sul tessuto socio-culturale del Paese. L’Italia, aggiunge, registra un abbassamento del livello di democrazia: un segnale tra i tanti è il dimensionamento dei tempi della politica e dell’amministrazione sui tempi degli uomini.

Leggi tutto

Un cambiamento culturale per le pari opportunità: partiamo dal buon esempio

Renata Polverini ribadisce il profondo cambiamento culturale che occorre intraprendere nella società italiana. Rimarca la persistenza di un profondo divario tra l’impianto normativo e la realtà. Ritiene che il mercato del lavoro e la politica siano i luoghi da cui occorra partire per imprimere un cambio di rotta. Il primo passo da intraprendere è la creazione di un contesto di flessibilità e di strumenti di sostegno alle donne come gli asili nido.

Leggi tutto

Il Bilancio di genere: uno strumento utile per la riduzione della forbice tra diritti formali e diritti riconosciuti

Donatella Linguiti ritiene che la coscienza di identità di genere, come prodotto socio-culturale, sia in continua evoluzione, per questo motivo occorre mettere in discussione i modelli che storicamente si sono stratificati nella produzione di modalità differenti di rapporto. Aggiunge che uno degli aspetti centrali è la gestione del tempo e la valutazione che se ne fa in ambito lavorativo. Ribadisce e motiva la necessità di disporre del Bilancio di genere e creare sinergie tra le donne.

Leggi tutto

Futuro@lfemminile: il contributo della tecnologia per qualità della vita delle donne nel mondo del lavoro

Roberta Cocco testimonia come la presenza femminile nelle aziende sia molto consistente anche se conferma che quando si sale verso il vertice la percentuale diminuisce. Sostiene l’impegno di Microsoft ad invertire questa tendenza anche attraverso il progetto “futuro@lfemmin ile”: un insieme di strumenti attraverso cui si cerca di capire come la tecnologia possa aiutare le donne nell’ingresso e nella vita nel mondo del lavoro.

Leggi tutto

Quando e come sarà possibile parlare di una leadership al femminile?

Eugenio Occorso introduce il tema della giornata: un viaggio attraverso quella parte del mondo femminile che è riuscito ad affermarsi attraverso iniziative di imprenditoria o nel mondo della pubblica amministrazione. Il fil rouge della giornata tesse una sola grande domanda: quando e come sarà possibile parlare di una leadership al femminile?

Le disuguaglianze di genere: quando la modernità fa paura alle oligarchie del potere

Isabella Rauti ribadisce il ritardo dell’Italia, segnalato anche dall’Unione Europea, sulle politiche delle pari opportunità. Rauti ritiene necessarie sistemi di welfare sussidiari e non assistenziali. Rileva una discontinuità storica nell’emancipazione femminile e sostiene la necessità di liberarsi dai modelli stereotipati che i media impongono. L’altro limite delle donne che Rauti rileva, per ragioni storiche, è la frammentarietà, lo scarso uso del mentoring.

Leggi tutto

Divide di genere: una questione aperta

Marisa Ferrari Occhionero spiega cosa si intende per divide di genere o gender divide. Illustra come il gender, a differenza del sesso, sia una costruzione sociale che si manifesta in tutti gli ambiti della società. Ferrari sottolinea come il mercato del lavoro sia ancora poco orientato a rispondere alle esigenze delle donne ed evidenzia alcuni dei fattori che ne penalizzano l’ inserimento. Descrive i modesti segnali di cambiamento rispetto a questo trend. Aggiunge che le donne sembrano rifiutare i paradigmi maschile del potere, ad esso preferiscono altri valori.

Leggi tutto