Cerca: Lavoro e welfare, smartinnovation

Risultati 1 - 10 di 11

Risultati

Bye bye banche, il prestito arriva dal basso: è il social lending

Avete sicuramente sentito parlare del social lending, ma a molti non avrà detto molto. E' il nuovo fenomeno nato dalla rete e dalla teoria della condivisione che, mettendo radici in un'altra tendenza in atto, quella del crowdfunding, permette un accesso agevolato al credito a coloro che magari se lo sono visto negare dalle banche. Come è possibile? Un sistema di finanziamento tramite il quale i privati fanno prestiti a privati, con tassi vantaggiosi e su piattaforme autorizzate e monitorate dalla Banca d’Italia. L'autrice di quest'articolo "folgorata dal Social Business di Yunus e della sua Grameen Bank, sempre più desiderosa di conoscere le opportunità di questo strumento di "finanza dal basso", è arrivata all’ideazione del progetto Sociallending. Scopriamone di più.

Leggi tutto

Fluido e agile, il lavoro del futuro al centro del programma di #FPA2015

Parliamo spesso su queste pagine di smart working. In una società dove stanno emergendo nuovi modelli economici, come quello proposto dalla sharing economy e più in generale dai modelli di economia positiva, si può lavorare da remoto senza essere avulsi dall’organizzazione di cui si è parte. Questa soluzione facilita soprattutto le donne, che da sempre si trovano divise tra i tempi di vita e quelli di lavoro. A FORUM PA 2015 due appuntamenti in collaborazione con la rete WISTER per riflettere sui risparmi che le aziende, ma prima ancora le pubbliche amministrazioni, possono cogliere da questo piccolo ma dirompente cambiamento del modello lavorativo.

Leggi tutto

Tecnologie e politiche per le smart cities e le smart community in ottica di genere

Il libro raccoglie i progetti e le iniziative positive emerse dalla call "Tecnologie e politiche per le smart city e le smart community in ottica di genere" lanciata da FORUM PA, futuro@lfemminile e Asus, in occasione di Smart City Exhibition 2014. La call era volta a individuare quelle esperienze che favoriscono la partecipazione delle donne alle politiche dei territori. Un catalogo di azioni positive che comprende spazi di lavoro co-working, percorsi di formazione tecnico-scientifici, progetti di telelavoro, corsi di informatica, servizi multipiattaforma, sportelli informativi e piattaforme di comunicazione.

Leggi tutto

Milano, come auto-organizzare la socialità

All'interno delle comunità, la maggior parte dei miglioramenti sostenibili avviene nel momento in cui i cittadini scoprono il proprio potere di agire e reclamare in autonomia quanto hanno delegato ad altri, approfondendo quel civic empowerment su cui prende forma la vera cittadinanza intelligente. Il panorama delle nuove metropoli si pone in linea di continuità con un processo di rivalutazione del cittadino, immesso a pieno titolo tra le componenti della smartness urbana. Affinché la comunità possa immaginare nuove soluzioni per problemi preesistenti, è altrettanto importante che includa nel dialogo degli interlocutori atipici, appartenenti ad esempio a gruppi spontanei e di formazione recente. Questo è il caso di un gruppo di mamme milanesi che, nell'estate del 2014, ha deciso di realizzare un centro estivo totalmente auto-organizzato e autogestito.

Leggi tutto

Smart working, modelli organizzativi innovativi per smart cities

L’attività lavorativa è un elemento cardine della vita delle comunità urbane e dell’organizzazione della città perché incide, in modo significativo, sulla qualità della vita delle persone e delle famiglie e sulle prospettive di sviluppo economico e sociale. Il quesito che si intende affrontare in questa sede è se sia possibile, per gli organi di governo di una città, aprire nuove prospettive di sviluppo a politiche integrate in materia di energia, mobilità, welfare, parità di genere e inclusione sociale attraverso azioni condivise di indirizzo e di sostegno, rivolte alle amministrazioni e alle aziende che operano nel territorio, perché innovino i propri modelli organizzativi del lavoro.

Leggi tutto

Case popolari, i Comuni che investono di più

Edilizia popolare e case popolari, un elemento centrale dall’assistenza pubblica nei confronti dei propri cittadini. La classifica dei Comuni che ci spendono di più: guidano Milano e Venezia, chiudono Trieste e Genova.

Leggi tutto

Asili nido, i Comuni che spendono di più

Nel 2012 i grandi Comuni spendevano mediamente circa €70 per ogni cittadino in asili nido. Classifica guidata dal centro nord con Trieste, Roma e Venezia. Chiude il sud con Palermo, Napoli e Messina.

Leggi tutto

Welfare: scintille di cambiamento in casa nostra

In un momento di crisi e di cambiamenti radicali nel modo di gestire la cosa pubblica anche il sistema di welfare è chiamato a mutare. Il welfare prima inteso come spesa per un’assistenza passiva deve divenire un investimento sociale fornendo alle persone le risorse per re-inventarsi utilizzando la creatività, l’innovazione e la collaborazione civica. Nulla di impossibile, come dimostrano esempi avviati in ogni angolo del pianeta, dalla Florida a Milano.

Leggi tutto

Coltiviamo un ecosistema innovativo: CROSS e la forza dell'economia non monetaria

Si è avviata a dicembre 2012 la sperimentazione del progetto europeo CROSS - Citizen Reinforcing Open Smart Synergies, co-finanziato dalla commissione europea nel quadro del VII Programma Quadro, CIP ICT PSP (Programma Quadro per la Competitività e l'Innovazione), che coinvolge direttamente la municipalità, aziende di servizi e associazioni del terzo settore di 5 città europee: Roma, Torino, Siviglia, Manchester e Budapest.

Leggi tutto

Premio PA Aperta 2012: al centro l'integrazione lavorativa delle fasce deboli

 Prende il via l'edizione 2012 del Premio P.A. Aperta, iniziativa a favore della cultura dell'inclusione delle categorie deboli o svantaggiate promossa dalla Fondazione ASPHI Onlus, da FORUM PA e da Smart City Exhibition. Al centro, l'obiettivo dell'integrazione lavorativa delle fasce deboli. Rendiamo disponibile il bando per partecipare a questa 8^ edizione del Premio, aperto a tutte le amministrazioni che hanno avviato progetti di formazione o informazione sull'integrazione delle fasce deboli, evidenziando che una sezione è dedicata alla "smart city inclusiva".

Leggi tutto