Cerca: Lavoro e welfare, Atti FORUM PA 2009

Risultati 1 - 10 di 21

Risultati

Indagine su un campione di 800 iniziative della PA per l'integrazione dei disabili col supporto dell'ICT

Nell'ottica di offrire servizi efficaci e migliori ai cittadini, la Pubblica Amministrazione cosa fa per facilitare la fruibilità di servizi da parte delle fasce più svantaggiate e per promuovere una maggiore integrazione sociale? E come può la Pubblica amministrazione integrare al meglio al suo interno i dipendenti portatori di disabilità per far sì che siano delle risorse e non "obblighi"? Su questa tematica verte l'indagine svolta dalla Fondazione ASPHI, in collaborazione con FORUM PA, nell'ambito del premio P.A. Aperta.Leggi tutto

Verso una visione integrata del welfare

Il Presidente Mastrapasqua sottolinea l’importanza dell’approccio globale del libro bianco, dove per la prima volta la previdenza, la salute, l’assistenza, l’inclusione, la formazione, la produzione e la ricchezza vengono insieme valutate e studiate. All’interno della cornice lì delineata, dentro la quale si ritiene e si auspica che l’Italia si muova, Mastrapasqua sostiene la necessità di impegnarsi in una giusta educazione al welfare perché – dice – noi trasformiamo le risorse in prestazioni ma raramente trasformiamo le risorse e le prestazioni in un’azione preventiva.

Agenzie per il lavoro: aspettative per il futuro

Le Agenzie per il lavoro già nel 2008 avvertirono forti segnali di crisi che hanno investito successivamente il mondo del lavoro e della finanza. Il Presidente di Assolavoro analizza il ruolo che le Agenzie hanno ricoperto fino ad ora e le prospettive per il futuro, sottolineando la necessità di creare una sinergia anche con la Pubblica Amministrazione e un sistema di integrazione tra le parti interessate per arginare un momento di crisi.

Il ruolo di Italia Lavoro all’interno delle necessarie azioni di sistema per le politiche del lavoro

Natale Forlani sottolinea che il sistema italiano delle politiche per il lavoro è eccellente dal punto di vista normativo ma che il retroterra stenta ad acquisire alcuni parametri fondamentali alla sua applicazione. La criticità fondamentale è data da un decentramento basato sul frazionamento delle competenze che ha provocato anche un’incapacità degli operatori di ricercare un’identità nell’ambito dell’erogazione delle politiche pubbliche.

Leggi tutto

Politiche e azioni integrate a servizio del lavoro

Francesco Verbaro approfondisce nel suo intervento la funzione attiva di accompagnamento della persona delineata dal Libro Bianco sul welfare, che parla di presa in carico del lavoratore nell’ottica di seguirlo nei suoi momenti più importanti come quelli di cambiamento, di crisi e di transizione. L’esigenza di integrazione, cooperazione e coordinamento nell’ambito delle politiche per il lavoro – dice Verbaro – è da considerarsi forte e necessaria per superare quella frammentazione di competenze che ancora esiste fra i vari soggetti.

Integrazione socio sanitaria e assistenziale per garantire equità e diritti

Nella situazione attuale che caratterizza l'Italia, l'integrazione tra il socio-sanitario e il socioassistenziale rischia di non realizzarsi completamente a causa delle caratteristiche peculiari e differenti dei due sistemi. Naldoni si sofferma sull'importanza del territorio e degli interventi ai vari livelli di governo con un maggiore coinvolgimento degli enti locali e centrali.

Luci e ombre del modello ligure

L'Assessore Papi presenta il modello ligure per l'assistenza sanitaria e sociale evidenziando gli aspetti positivi e negativi, in relazione anche alle leggi in materia di integrazione socio-sanitaria. La Papi inoltre esprime il proprio pensiero sul tema dei diritti delle persone e dell'equità e sul ruolo che ogni ente, centrale e locale, deve avere.

Le azioni di governo per arginare la crisi e sostenere le famiglie

Marino espone le misure adottate per sostenere le famiglie in un momento di crisi economica così grave ed esteso nel nostro paese. Nonostante ci siano notevoli difficoltà a creare sinergie tra il governo centrale, regioni e enti locali sulla totalità e complessità dei temi da affrontare, esistono casi in cui si è riusciti a collaborare per portare a termine importanti progetti di sostegno alle famiglie

Presentazione del libro bianco

Il Ministro Sacconi presenta il libro bianco “La vita buona nella società attiva” fornendone alcune chiavi di lettura. Quella che chiama la sua rivoluzione conservatrice è incentrata sul motto “omnium rerum mensura homo”: tutto l’impianto si basa sulla centralità della persona in sé e nelle sue fondamentali proiezioni relazionali. L’obbiettivo è quello di modificare un modello sociale rivelatosi di carattere risarcitorio e viziato da un intervento largamente successivo per giungere ad un nuovo modello che permetta di lavorare a monte della formazione del bisogno.

Il nuovo modello di welfare per un cittadino non più solo

Gianni Alemanno esprime vivo apprezzamento per il libro bianco sostenendo che è la prima volta che un’autorità governativa evidenzia il fatto che la modernizzazione non può discendere semplicemente da elementi di aggiustamento tecnico ma deve discendere da una scelta di valori. Lo sforzo di non considerare l’individuo come un soggetto a se stante ma di prenderlo in considerazione all’interno del sistema di relazioni dentro cui si trova è per Alemanno un passo importantissimo.Leggi tutto