Cerca: facebook

Risultati 11 - 20 di 24

Risultati

Le sirene di Facebook e l’idea dell’amministrazione

Qualche giorno fa un autorevole gruppo di consiglieri regionali lombardi della Lega Nord, tra cui Bossi (Renzo) e Bossetti (Cesare),  ha presentato un’interrogazione scritta all’Assessore competente per chiedere che venga impedito a tutti i dipendenti della regione l’uso di facebook e dei social network. In sé non sarebbe una notizia e al massimo potrebbe far scuotere la testa l’ignoranza profonda che l’interrogazione rivela, lì dove mischia i social network con la pirateria, “emule” e “altri generi di software per il peer 2 peer”; potrebbe poi strapparci un sorriso l’evocata potenza ammaliatrice delle nuove sirene, quando si lamenta che “molti dipendenti non riescono a resistere alla tentazione di collegarsi ai social network del momento, Facebook e Twitter”. Purtroppo la cosa è più seria ed è per questo, non tanto per prendere in giro il folklore politico di certi consiglieri, che vale la pena di parlarne.

Leggi tutto

Boscoreale e l’immondizia al tempo di Facebook

I cittadini del centro in provincia di Napoli si armano di macchina fotografica e usano il social network per denunciare con immagini e commenti quella che ritengono inerzia della pubblica amministrazione locale nel risolvere il problema dei rifiuti in una zona già ampiamente e storicamente disastrata dal punto di vista ambientale. E in occasione del Carnevale spunta un’ordinanza che…

Leggi tutto

Come ti truffo lo Stato a tempo di musica. E poi con Facebook mi faccio beccare

Due signore liguri risultavano “malate” e quasi immobili da tempo, invece la sera si scatenavano in balli e canti e poi postavano le loro prodezze sulla bacheca personale del social network: così sono state scoperte dalla Guardia di Finanza e denunciate per truffa ai danni di Inps e Inail. Morale: le bugie hanno le gambe corte, e anche per questo scatenarsi in discoteca non conviene. Fra l’altro, essere presi in giro e a suon di musica, di questi tempi, è del tutto insopportabile.

Leggi tutto

Non sempre i cittadini vogliono alzare il telefono. Su Facebook per migliorare i servizi pubblici locali

Che milioni di cittadini siano su Facebook non è una novità. Che ci passino tanto tempo con le motivazioni più disparate non è propriamente affare della pubblica amministrazione, se non fosse che questo frequentatissimo spazio sociale può essere facilmente usato per migliorare i servizi pubblici. Così si accende la lampadina dell’eureka statunitense, ancora una volta, e succede che il team CivicPlus, specializzato nel web delle amministrazioni locali, sviluppa un'application che si chiama Citizen Request Tracker (CRT), gratuita e facile da scaricare dal proprio profilo Facebook. Per fare cosa? Per inviare segnalazioni di malfunzionamento o incuria (dall’illuminazione pubblica ai cani randagi) nella propria città, mantenendo traccia delle richieste, delle risposte e delle comunicazioni di follow up. 

Leggi tutto

Spider Truman all’attacco (virtuale) della casta

Impazzano in rete le rivelazioni di un (presunto?) precario di Montecitorio messo alla porta dopo anni di lavoro sottoretribuito, e le ipotesi sul fenomeno si sprecano: esiste davvero, chi è, è solo una bufala? Intanto, di incontrovertibile c’è il fatto che in pochi giorni la pagina appositamente creata su Facebook sta raggiungendo un numero straordinario di lettori, consensi e commenti. Con tutte le conseguenze del caso.

Leggi tutto

Lotta fra media: tv e radio francesi mettono al bando i social network. Ma i veri "nemici" siamo tutti noi

Il Conseil Supérieur de l’Audiovisuel ha stabilito che nelle trasmissioni non si possono più pronunciare le parole “Facebook” e “Twitter”: utilizzare questi termini equivale a fare pubblicità tout court a quei marchi a scapito della concorrenza, quindi delle stesse emittenti. Una presa di posizione dura in difesa della categoria dell’informazione, che però testimonia la sempre più crescente influenza della comunicazione in rete. Con queste iniziative si certifica di fatto la crescita di un fenomeno i cui contorni futuri, nella loro imponenza, sono ancora tutti da definire.

Leggi tutto

Se i social network ti si rivoltano contro: il caso della moschea di #Sucate

Chi frequenta i social network si sarà accorto che da ieri pomeriggio circolano curiosi messaggi su un fantomatico (ed inesistente) quartiere di Milano di nome “Sucate” e sulla sua via principale: via Giandomenico Puppa. Sono gli strascichi di una piccola gaffe fatta su Twitter dall’uscente sindaco di Milano Letizia Moratti. Un esempio di come usare in maniera poco corretta gli strumenti sociali della rete possa causare più danni che benefici.

Leggi tutto

Più di 500.000.000 i cittadini su Facebook, e la PA? Elizabeth Linder, Facebook Europe

Elizabeth Linder Responsabile Public Policy di Facebook Europe ci è venuta a trovare al Barcamp Innovatori PA 2011 a FORUM PA 2011.
Il tema della giornata era “PA e social web”…dunque nessuno può negare di aver pensato, per associazione di idee, a Facebook innanzitutto. E così lei, arrivata direttamente da Londra dove lavora, si è detta entusiasta di essere presente in questa occasione un po’ speciale di incontro e lavoro collaborativo tra gli innovatori della PA italiana.

Leggi tutto

Provincia di Matera: Facebook per diffondere le offerte di lavoro

La Provincia di Matera, tramite il proprio CST per l'e-Government, ha avviato una sperimentazione sull'uso dei social network per la comunicazione tra amministrazione e cittadini. Nello specifico, la sperimentazione consiste nella pubblicazione su Facebook delle notizie presenti sul "portale lavoro" della Provincia. In maniera automatica, le notizie, una volta pubblicate sul portale lavoro, vengono replicate anche sulla pagina Facebook del CST.

Leggi tutto

I politici non sanno usare la rete

La politica italiana ha scoperto la rete? A giudicare da una ricerca della Sapienza di Roma coordinata dal professor Stefano Epifani sembrerebbe proprio di no, o meglio, i politici l’hanno scoperta ma non sanno usarla e la temono. Scarso uso dei blog, poco coinvolgimento degli utenti, un po’ di facebook giusto per seguire la moda, ma davvero poco marketing relazionale. E pensare che qualcuno negli Stati Uniti ci ha vinto le elezioni con internet…

Leggi tutto