Cerca: digitalizzazione

Risultati 11 - 20 di 44

Risultati

Bitcoin, una rivoluzione di cui i Governi smart dovrebbero interessarsi

Il digitale ha invaso ogni aspetto della nostra vita quotidiana in modo così veloce e mutevole che la maggior parte dei Governi nazionali, dal carattere ancora "analogico", non riesce a stare al passo. Vari settori ormai profondamente cambiati dal web, mancano di una normativa e di una legislazione che ne governi il cambiamento. Non solo la finanza non è rimasta immune, ma addirittura la produzione di moneta. E mentre Bankitalia avverte le banche sui rischi a cui possono andare incontro acquistando o facendo operazioni con valute virtuali, proprio a causa del vuoto normativo in materia, abbiamo chiesto a Stefano Pepe, autore del libro "Investire Bitcoin, come capire e gestire questa nuova forma di ricchezza" edizioni Flaccovio per la collana Web in Testa (novembre 2014), di spiegarci un fenomeno a cui molti si stanno interessando, offrendo regolamentazioni e prodotti che avvicinano sempre di più il Bitcoin alla "finanza tradizionale".

Leggi tutto

Conservazionedigitale.org, il portale informativo per chi si occupa di archivi digitali

Nell'ambito delle attività del progetto europeo sulla conservazione digitale APARSEN, è stato realizzato sotto la guida di un team di ricercatori che fa capo al CINI un sito web sulla conservazione digitale (www.conservazionedigitale.org).

Leggi tutto

Accordo di collaborazione in materia di integrazione dei data center tra Corte dei conti e Avvocatura generale dello Stato

La Corte dei conti e l’Avvocatura generale dello Stato hanno sottoscritto recentemente un accordo di collaborazione per la razionalizzazione e condivisione dei propri sistemi informatici. Continua il percorso virtuoso intrapreso dalla Corte dei conti alla fine del 2013, quando aveva già portato a termine una prima esperienza dello stesso genere, realizzando l’aggregazione dei servizi ICT del CNEL, ad oggi totalmente erogati tramite i data center della Corte dei conti.

Leggi tutto

Agenda della semplificazione: nero su bianco obiettivi, tempi e responsabilità per la riforma della PA

Restituire il tempo a cittadini e imprese in settori chiave per la qualità della vita e la crescita dell’economia. Questo l’obiettivo prioritario dell’Agenda per la semplificazione 2015-2017 approvata il 1 Dicembre dal Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per la semplificazione e la PA, Marianna Madia. Un documento sintetico e di facile consultazione che contiene le linee di indirizzo condivise da Stato, Regioni e Enti Locali (Comuni, Province e Città metropolitane) per l’effettiva riduzione dei tempi e dei costi dell’amministrazione pubblica. Semplificare per ridurre l’incertezza nei rapporti con la pubblica amministrazione.

Leggi tutto

Vivere nella società digitale? Accade già in e-Estonia

Il caso della società estone è senza dubbio una delle più sorprendenti storie di successo al mondo. Oggi l’Estonia è la prima Digital Nation del pianeta: il 100% delle scuole ha una connessione a banda larga, più di 3/4 della popolazione ha un computer a casa, reti 3G e 4G sono disponibili ovunque. Tallinn è una delle 10 città al mondo con il Wi-Fi gratuito più esteso. Un forte endorsement politico ha permesso di rivoluzionare in breve tempo l’assetto del paese, che oggi è diventato un punto di riferimento per le nazioni che tentano di intraprendere un percorso simile.

Leggi tutto

I grandi eventi come opportunità per un'offerta turistica integrata: l'esempio di Expo2015

Circa 20 milioni di visitatori, di cui circa il 30% stranieri, sono attesi a Milano per Expo2015. Di questi quasi un milione solo dalla Cina. Sarà un evento senza precedenti per il nostro Paese e soprattutto un’occasione unica per ripensare la nostra offerta turistica in chiave digital.

Leggi tutto

Questioni irrisolte e problemi aperti dal DPCM 3 dicembre 2013 sulla conservazione digitale dei documenti

La recente normativa sulla conservazione dei documenti informatici ha introdotto diverse novità, soprattutto per la pubblica amministrazione, ma ancora molti rimangono gli aspetti da chiarire. Gli avvocati Andrea Lisi e Sarah Ungaro, dello Studio Legale Lisi, provano a fare un po' di chiarezza su alcuni passaggi chiave della normativa.

Leggi tutto

Anno d'oro per CSI Piemonte

La scorsa settimana la Regione Piemonte ha affidato al CSI Piemonte il compito di guidare l’innovazione del sistema sanitario piemontese. Questo vuol dire che tutte le attività informatiche, sino ad ora gestite con molta indipendenza da parte delle singole Aziende sanitarie regionali, saranno integrate dal CSI in stretta collaborazione con la Direzione regionale Sanità ed il “Sistema” delle Aziende sanitarie regionali con l'obiettivo di razionalizzare e ammodernare l'intero Sistema Informativo Sanitario, a beneficio di cittadini e operatori sanitari.

Leggi tutto

DIG.Eat 2014: aperte le iscrizioni all’evento ANORC sulla digitalizzazione

Appuntamento il 22 maggio a Roma per discutere della digitalizzazione, delle ultime novità e degli aspetti più rilevanti per la PA e per il mercato: è questo lo scopo di DIG.Eat – Save the Data, manifestazione annuale di ANORC (Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti) organizzata anche con il patrocinio di Stati Generali della Memoria Digitale, ANORC Professioni e AIFAG e con il sostegno del main sponsor Menocarta.net.

Leggi tutto

Per una amministrazione nativa digitale: come fare...a fare presto

Anche per la costruzione della “PA tutta-digitale”, tanto evocata quanto sinora inutilmente attesa, la necessità di fare presto non può mettere in secondo piano l’obbligo a fare bene. In questo illuminante articolo, pubblicato nella rassegna ASTRID, Giulio De Petra per "far presto e bene" rivolta il tavolo e propone un nuovo paradigma: provare a costruire una PA "nativa digitale" senza limitarci ad informatizzare l’esistente, neanche quando questo ci sembra immutabile legge di natura. Ce la possiamo fare? No se ci limitiamo a velocizzare gli adempimenti, a digitalizzare gli stessi fascicoli, a continuare ad affastellare norme; sì se usiamo un pensiero divergente, se usiamo meno diligenza e più immaginazione, se diamo spazio ai giovani di mente, ma anche ai giovani d’età, perché spesso, anche se non sempre, le due cose coincidono. Mi piacerebbe che su questa suggestione si aprisse non un dibattito, ma un gruppo di pensiero,  perché se l’immaginazione è spesso individuale, far sì che questa porti frutti qui e ora è sempre un lavoro collettivo.

Carlo Mochi Sismondi

Leggi tutto