Cerca: merito

Risultati 21 - 30 di 52

Risultati

Intervento al convegno "Creare valore attraverso le persone": analogie e differenze tra pubblico e privato

Sia nel pubblico che nel privato non può esserci cambiamento se non si coinvolge il management. Il settore pubblico ha maggiori difficoltà nel definire puntualmente gli obbiettivi della riorganizzazione a causa della differenza tra pubblico e privato in termini di governance dell'azienda.

Elementi essenziali sono la definizione degli obbiettivi e  il cambiamento culturale. Secondo Massa gli obbiettivi devono essere due:l'efficacia dell'azione e la riduzione dei costi.

Leggi tutto

Introduzione al convegno "Creare valore attraverso le persone"

Fabio Ventoruzzo introduce e modera il panel il cui messaggio trasversale è capire come le persone possono supportare e in qualche modo facilitare i processi di cambiamento organizzativo in aziende pubbliche e private attraverso degli esempi pratici.

Leggi tutto

L'impatto della riforma della P.A. nella società italiana

In questo intervento viene analizzato il processo di riforma in corso da almeno un ventennio che ha comportato la produzione di norme e che ha avuto come vettori diversi elementi: regolamenti, programmi di policy, programmi di investimento, pratiche, modelli culturali che si sono venuti a creare. È opportuno che in questa riflessione si tenga conto che la riforma è in corso e che i suoi esiti sono interessanti ma critici, bisogna menzionare anche che il processo dell’amministrazione pubblica in Italia ha innescato un rapporto nuovo con i cittadini.

Leggi tutto

Il dirigente pubblico dagli anni 90 alla nuova Riforma Brunetta

In questo intervento si fa una carrellata sulle riforme amministrative dagli anni 90 ad oggi, riforme caratterizzate per lo più dalla questione dello spoil system. Prima con la stagione del “patto scellerato al ribasso fra politica e dirigenza”, le nomine erano a vita e a volte per fare il direttore generale non occorreva neanche la laurea. Era l’età in cui fallì la prima legge sulla dirigenza, una legge che proclamava la distinzione politico amministrativa ma in maniera fittizia perché in realtà così non era, i ministri davano direttive generiche e i dirigenti non le rivendicavano.

Leggi tutto

Introduzione al convegno "Presentazione del 13° Rapporto annuale sulla formazione nella pubblica amministrazione 2009 - SSPA"

Renato Catalano introduce la presentazione del 13° Rapporto sulla formazione nella P.A. riferendoci alcune riflessioni del presidente della SSPA Carlo Tria.

Leggi tutto

I corsi di formazione manageriale della SSPA

Luca Anselmi parla del contenuto dei corsi di formazione manageriale della SSPA. Essi si svolgono attraverso l'implementazione degli elementi  chiave e vanno dunque molto in profondità con una metodologia diretta e partecipata.

Si forniscono esempi pratici ed esperienze derivanti dalle P.A. più avanzate.

Intervento al convegno "Presentazione del 13° Rapporto annuale sulla formazione nella pubblica amministrazione 2009 - SSPA"

Secondo Sandro Mameli il Rapporto sulla formazione è un processo continuo e ha un valore aggiunto in quanto produce dati che spingono a ulterioi riflessioni, a nuovi spunti di innovazione.

Leggi tutto

Aspetti normativi e contrattuali della formazione alla luce della riforma Brunetta

Eugenio Gallozzi parla del quadro normativo e dell'approccio dato dalla riforma Brunetta alla formazione.

Le amministrazioni devono preoccuparsi della formazione dei loro dipendenti per far si che essi agiscano al meglio nei confronti dei cittadini. La dirigenza è obbligata a valutare il proprio personale e per farlo sono necessarie regole e piani operativi. Tale aspetto è essenziale poichè questa verifica determinerà la possibilità per le P.A. di usufruire di maggiori o minori risorse.

Il 13° Rapporto sulla formazione nella PA

Massimo De Cristofaro fa riferimento alla raccolta di dati on-line in particolare si concentra sui dati della formazione del 2009 e sulla descrizione della Banca Dati dei corsi delle
Amministrazioni centrali costruita nel corso degli anni. Dai dati del 2009 emerge che il forte calo dell'investimento si riflette nel tasso di partecipazione.

La banca dati costituisce un patrimonio strategico: si possono effettuare controlli incrociati,analisi di investimento, studiare l'efficienza dell'investimeto, ottenere dati sicuri sulla partecipazione ai corsi per evitare discrasie.

intervento al convegno "Il ruolo del CNEL nella valutazione dei servizi a imprese e cittadini"

Stefano Sepe fa un'esposizione tecnica e descrittiva del percorso realizzato dal Comitato per la valutazione della qualità dei servizi offerti dalle P.A. alle imprese e ai cittadini.

Leggi tutto