Cerca: Politiche per l’occupazione

6 risultati

Risultati

Per combattere la disoccupazione occorrono (nuove) politiche attive

Negli ultimi anni l'Italia ha perso 750mila lavoratori che probabilmente non verranno mai riassorbiti, ed il trend della disoccupazione non mostra rallentamenti. Eppure quando le aziende cercano personale con competenze particolari, riescono a trovarlo solo in 6 casi su 10. Per invertire la tendenza bisognerebbe investire in politiche "attive" di lavoro (formazione e orientamento), invece in Italia gli destiniamo solo il 1,9% della spesa, contro il 10,8% della Francia, il 18,8% della Germania. A gennaio è stato presentato il nuovo programma italiano sulla Garanzia per i Giovani, che si prefigge non solo rispondere all’emergenza, ma anche di avviare un piano di riforma strutturale del funzionamento del mercato del lavoro, cogliendo le opportunità del Fondo Sociale Europeo per la promozione di politiche più qualificate. Vediamo di capine di più

Leggi tutto

Piano Garanzia Giovani: più di 67.000 adesioni in un mese

Ha registrato un vero e proprio boom di adesioni il piano Garanzia Giovani, lanciato ufficialmente il 1 maggio dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali, che prevede programmi, iniziative, servizi informativi, percorsi personalizzati, incentivi (a livello nazionale e regionale) che offrano opportunità di orientamento, formazione e inserimento al lavoro ai giovani tra i 15 e i 29 anni disoccupati o Neet (né occupati, né studenti, né coinvolti in attività di formazione

Leggi tutto

Le politiche attive per il lavoro in tempo di crisi

Il video del keynote è disponibile su innovatv.it a questo link

  • Cod. lab.113
  • 20/05/2010
  • 13:00 - 13:50
  • Padiglione 7
  • Stand 4A

Le politiche per l’occupazione: dalle esigenze di coesione e inclusione ad un nuovo modello di welfare

L'Officina si terrà presso lo stand “CASA DEL WELFARE” nello spazio “Corner INPDAP”

Sfigati, annoiati, viziati… disoccupati

Era un pezzo che non si parlava tanto dei giovani… no, non è che facciamo parlare i giovani, questo no, ma in compenso noi parliamo molto di loro. Spesso lo facciamo, basta leggere le cronache politiche, per stimolarli ed incitarli a prendere in mano le loro vite, e lo facciamo dando buoni consigli: prendere in mano le loro vite, non fare i bamboccioni, staccarsi dalle sottane di mamma. Consigli che possono anche suscitare reazioni di fastidio, ma a cui alla fine è difficile dar torto. Se tutto questo è vero perché allora questa saggezza dei nostri capelli grigi mi lascia così insoddisfatto? Se i consigli son giusti perché non riesco a sentirmi dalla parte della ragione?

Leggi tutto

A Napoli l'innovazione entra nelle imprese sulle gambe dei giovani e con l'aiuto del Comune

La pubblica Amministrazione può avere un ruolo centrale nel favorire l’occupazione dei giovani laureati, basta saper valorizzare il loro “contributo innovativo”. Lo dimostra il Comune di Napoli che, partecipando al programma FIxO, è riuscito a inserire nel mercato del lavoro (privato) 30 giovanissimi neolaureati. Ne parliamo con Mario Raffa, Assessore comunale allo Sviluppo.

Leggi tutto