Cerca: valutazione della dirigenza

Risultati 1 - 10 di 26

Risultati

Una dirigenza a rischio?

La prima impressione che ho avuto leggendo sia l’art. 9 del disegno di legge “Madia” che riforma la dirigenza, sia le reazioni dei dirigenti, è stata che è necessaria una robusta iniezione di fiducia. Il disegno di legge delega fa intravedere infatti in filigrana una scarsa fiducia della politica verso l’amministrazione, come se fosse composta tutta da conservatori, frenatori e burocrati; specularmente la reazione dei dirigenti alla riforma è improntata in generale ad una scarsissima fiducia nella politica, come se fosse fatta tutta di pirati che vogliono imporre solo yes man, veline o portaborse.  Ma la fiducia è necessaria per assumersi rischi e un dirigente che non rischia nulla non merita né di fare il dirigente né di guadagnare otto/dieci volte più di un suo dipendente. Ripartiamo quindi da qui: dal ripristinare le condizioni della fiducia, cominciando per prima cosa a guardare con onestà gli errori fatti, e non sono pochi.

Leggi tutto

Regione Lazio, esempio concreto di empowerment per gli Open Data

Nel rispetto della disciplina in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle amministrazioni regionali, la Regione Lazio si dota di un documento in cui espone gli obiettivi strategici triennali con le corrispondenti declinazioni in obiettivi annuali, indicatori e i risultati attesi, che saranno sottoposti al processo di misurazione e valutazione della performance. E' la prima volta certo, ma non è solo qui la novità, ad attirare la nostra attenzione è l'inserimento della liberazione dei dati tra gli obiettivi di performance dei dirigenti regionali. Un esempio concreto di empowerment per gli open data, che mira a rafforzare la struttura in vista della prossima apertura del portale dati.regione.lazio.it.

Leggi tutto

Poca meritocrazia, stipendi non adeguati ma forte senso di appartenenza: le valutazioni dei dipendenti della PA

L’ANAC – Autorità nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche pubblica il rapporto sui risultati delle indagini, effettuate dagli Enti nel periodo 2013/2014, sul livello di benessere organizzativo, il grado di condivisione del sistema di valutazione e della percezione del proprio superiore da parte dei dipendenti della pubblica amministrazione. Un documento che dà conto, a sette mesi dall’avvio della procedura web di rilevazione, della situazione e rileva un diffuso interesse tra le amministrazioni per tali indagini, ma anche un disagio da parte dei dipendenti se si parla di equità della retribuzione, crescita professionale e meritocrazia.

Leggi tutto

L’evoluzione del ruolo dirigenziale pubblico negli enti locali: modelli di sviluppo

Un mercato della dirigenza pubblica è quello che Michele Bertola individua come una delle direzioni del cambiamento della nostra PA. Nel contributo che ci perviene e che volentieri pubblichiamo,  Bertola propone ampi elenchi certificati o accreditati da cui i responsabili degli enti possano attingere sia per la scelta del nominativo da indicare, sia per confrontare il tipo di profilo da individuare. Cambia la PA e deve cambiare la figura del Dirigente: da specialista a professionista polivalente in grado di dirigere diverse strutture.

Leggi tutto

Riforma PA. La dirigenza pubblica accetti la sfida

La Riforma della pubblica amministrazione ha trovato posto nell'agenda di ogni Governo. Purtroppo i risultati sono stati, nell’insieme, di molto inferiori alle attese e alle esigenze del paese. Questo perché ogni riforma non può prescidere dalla volontà dei funzionari di mettersi in gioco, di scommettere su un’amministrazione che guardi alla qualità dei servizi, avendo in mente le esigenze della collettività. Ne è convinto il Prof. Stefano Sepe che, nel contributo che di seguito pubblichiamo, scrive:"Non servono dirigenti e funzionari (soltanto) bravi, ma persone disposte a mettere in discussione le modalità tradizionali dell’azione pubblica".

Leggi tutto

Evitiamo casi di "incarichi multipli" negli OIV

Le dimissioni di Mastrapasqua Presidente Inps che aveva accumulato ben 25 incarichi pone nuovi problemi all’orizzonte, anche per chi fa valutazione nella pubblica amministrazione. Molti sedicenti esperti di valutazione, infatti, sono componenti in molti Organismi Indipendenti di Valutazione: si parla di decine ognuno. Naturalmente fare valutazione di qualità nella PA significa seguire con coscienza e professionalità un numero limitato di enti, anche se la normativa vigente e la pratica in essere permettono numerosi esempi aberranti. Giovanni Urbani, valutatore e manager pubblico mantovano, presenta chiaramente sia il problema sia una proposta di soluzione.

Leggi tutto

La tecnologia sempre più strumento di valutazione dei dirigenti

Con i provvedimenti normativi adottati negli ultimi mesi gli obblighi di trasparenza e pubblicazione on line per le pubbliche amministrazioni si sono moltiplicati e le sanzioni inasprite. Tuttavia manca ancora un testo unico che riassuma tutti gli obblighi in materia (come prescritto dal Codice della PA Digitale). Graziano Garrisi  - nell’ambito della collaborazione di FORUM PA con lo Studio legale Lisi - riassume in questo utile articolo norme obblighi e sanzioni stratificatesi negli anni e sparsi in molteplici provvedimenti.

 

Leggi tutto

Incarichi fiduciari nella PA: sì o no?

Nella foga televisiva di una puntata di Ballarò, Matteo Renzi la settimana scorsa ha coraggiosamente affermato, nella forma tranchant che gli è propria, di immaginare nella Pubblica Amministrazione che tutti gli incarichi dirigenziali di vertice siano a termine e soggetti ad una valutazione di risultato. Immediata è stata la risposta delle associazioni di dirigenti che hanno ricordato al sindaco di Firenze la caratteristica costituzionale di imparzialità della PA e, rinvenendo nelle sue parole un evidente rischio di una PA ancella della politica, hanno rivendicato una volta di più la separazione della politica dall’amministrazione. È interessante che queste critiche siano arrivate più forti dalle associazioni dei dirigenti “più giovani”.

Leggi tutto

Dirigenti preparati, ma a cosa e come?

La nostra iniziativa “La tua idea per una PA migliore”, con cui vi abbiamo chiesto un contributo per delineare l’amministrazione che vogliamo, sta andando a gonfie vele. Già sono 126 le idee originali pervenute. Se andate poi a guardare la nuvola dei tag che esplicitano gli argomenti più trattati nelle idee e nei commenti due sono le parole chiave: efficienza e formazione. Ed è un’iniziativa di formazione un po’ particolare, dedicata all’alta dirigenza della PA centrale e locale, l’argomento di questo intervento.

Leggi tutto

Movimentitaly. Accesso, professionalità e valutazione: i tre nodi della dirigenza pubblica

L’accesso alle posizioni di vertice nella PA, lo sviluppo delle professionalità e delle competenze, la valutazione dei profili e delle performance sono i temi al centro del progetto “Movimentitaly”, sviluppato da ANDIGEL e Fondazione Alma Mater dell’Università di Bologna, di cui si parlerà il 10 maggio a FORUM PA 2011.

Leggi tutto