Cerca: banche dati

Risultati 41 - 50 di 60

Risultati

Interoperabilità delle Banche Dati

Longobardi illustra i risultati scaturenti da una indagine effettuata dall’ISTAT e dall’AIPA relativa ai processi amministrativi, alle applicazioni e alle banche dati delle Amministrazioni centrali. E’ infatti emerso che la principale problematica legata alla interoperabilità delle banche dati sta nella mancanza di accessibilità e quindi di condivisione dei dati stessi da parte di Amministrazioni diversi da quelle che li producono e detengono.

Leggi tutto

La Banca Dati per l’orientamento nel mondo degli adempimenti amministrativi

Giulio Baglione descrive la mission e le funzioni della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa. Passa poi a descrivere la messa in rete di banche dati e servizi per gli utenti del CNA che consentono alle imprese notevoli risparmi di tempo e quindi di risorse. Baglione si sofferma sul processo di semplificazione amministrativa avviato dal decreto Bersani. Nel secondo intervento Baglione risponde ad una domanda dal pubblico offrendo dei chiarimenti sul funzionamento della banca dati del CNA.

Elementi necessari per una buona misurazione

Al fine di ottenere una buona base per la misurazione c’è bisogno di due elementi: una buona organizzazione e un buon sistema di raccolta dei dati. Mettendo insieme questi elementi si possono costruire indicatori significativi per realizzare misure che siano valide ed affidabili.Leggi tutto

Soluzioni di cruscotto informativo per servizi in outsourcing

Silvio Galazzo presenta l’attività e le soluzioni del cruscotto informativo per l’outsourcing ed in particolare il progetto Ref-Monitor dell’azienda IN & IN per la ULSS di Asolo e Centostazioni. La mission dell’azienda è di offrire un servizio di consulenza, di controllo e monitoraggio di tutti quei processi collegati al patrimonio immobiliare (adempimenti contrattuali, prestazioni ecc…).

Innovazione, cultura e sviluppo

Giovanni Nistri presenta l’attività del Nucleo del Corpo dei Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale e artistico in Italia e all’estero. L’istituzione del nucleo risale al 1969, un anno prima che l’UNESCO, con la convenzione di Parigi del 1970, raccomandasse a tutti gli Stati membri di dotarsi di un adeguato sistema di sorveglianza e tutela. Gli obiettivi del Nucleo sono molteplici: recupero dei beni sottratti, controllo e monitoraggio dei siti archeologici, controllo delle attività commerciali, dei cataloghi delle case d’asta e dei siti internet, tutela del paesaggio. Leggi tutto

La conoscenza e la gestione informatizzata del patrimonio verde del Comune di Bologna

Roberto Diolaiti parla della progetto di gestione informatizzata del patrimonio verde del Comune di Bologna, un patrimonio di circa 1200 ettari pari all’8% dell’intera superficie cittadina. Gli obiettivi del programma sono tre: acquisire la conoscenza delle aree verdi da parte dell’Amministrazione, garantire il controllo e la programmazione e rendere disponibili le informazioni per le sedi decentrate dell’Ente. Tutti i dati rilevati sono disponibili in rete per i cittadini, all’interno del portale del sistema informativo territoriale.

Ruolo e competenze del Responsabile della conservazione

Il mutamento, in materia di documentazione digitale, del rapporto cittadino-PA, ha evidenziato la centralità dell’accesso alla documentazione e pertanto del ruolo primario svolto dagli archivi e del responsabile della conservazione. In mancanza, allo stato attuale, di norme e regolamenti che istituiscono questa figura, Massella definisce le attività, le competenze e le conoscenze che il Responsabile della conservazione deve avere, nonché le responsabilità che deve assumersi, per garantire la formazione, la conservazione e la fruizione di archivi digitali.

Soluzioni e tecnologie innovative per la gestione dei contenuti al servizio del cittadino

Dario Orbecchi parla della gestione elettronica dei documenti e spiega come gli strumenti tecnologici consentano di gestire in maniera collaborativa i contenuti dinamici. Aggiunge che un sistema di Enterprise Content Management (ECM) in una visione futura dovrebbe essere un servizio condiviso che le amministrazioni possano riusare. Sottolinea l’evoluzione delle soluzioni di ECM verso un’architettura orientata al servizio. Orbecchi descrive la banca dati del lavoro realizzata dal gruppo Comdata per la Provincia di La Spezia.Leggi tutto

La conservazione degli archivi digitali

I risultati del gruppo di lavoro costituito presso il CNIPA vogliono analizzare il problema della dematerializzazione per emanare alcune linee guida. Gli archivi statali, in quanto beni culturali, devono essere conservati nella propria organicità e ordinamento per fini non solo giurico-amministrativi, ma anche culturali. Le strutture di archivio devono, dunque, garantire un’archiviazione degli oggetti digitali compatibili con il processo conservativo e corredati del patrimonio informativo necessario.Leggi tutto

Inps: servizi online e sinergie in rete

Dionigi Spadaccia illustra le dimensioni dei vari data base dell’Istituto, il patrimonio applicativo e la potenza di calcolo messa in campo dall’Inps. Spadaccia descrive le linee evolutive dell’architettura del Sistema Informativo e i numeri dei servizi online erogati e delle pagine internet visitate nel 2006. Presenta come progetti in via di realizzazione il casellario dei lavoratori attivi e l’archivio dei pensionati italiani. Spadaccia illustra le sinergie telematiche e i progetti con gli altri enti.