Cerca: PA amica, comunicazione

Risultati 1 - 10 di 12

Risultati

  • Cod. lab.180
  • 19/05/2010
  • 15:00 - 15:30
  • Padiglione 7
  • Stand 26A

Ascolto metodico dell’utenza: CUSTOMER SATISFACTION degli utenti del Trasporto Pubblico Locale su Gomma

  • Cod. B.19
  • 19/05/2010
  • 15:00 - 18:00

Convergenze tra comunicazione di impresa e comunicazione pubblica

  • Cod. lab.156
  • 18/05/2010
  • 16:00 - 17:00
  • Padiglione 9
  • Stand 27A

Campagna per l’affido familiare: per crescere c’è bisogno di una mano

A cura di Comune di Cesena
  • Cod. lab.174
  • 17/05/2010
  • 16:30 - 17:30
  • Padiglione 7
  • Stand 8B Sala Officine

Il Cittadino Protagonista LA SVOLTA – CIVICRAZIA – IL DIFENSORE CIVICO NAZIONALE

Interpretazioni e approcci innovativi

Molto spesso quando si parla di libertà di informazione non si fa riferimento ad un quadro teorico chiaro rispetto a cosa significhi libertà e cosa significhi informare. Michele Sorice descrive la proposta di adozione di un modello di riferimento chiamato AIP: Accesso Interazione Partecipazione. L'idea di fondo è che esistano tre livelli di relazione fra istituzioni formative e informative e soggetti cittadini: quello dell'accesso, dell'interazione e della partecipazione.

Leggi tutto

Interpretazioni e approcci innovativi

Stefano Sepe presenta le conclusioni del convegno sulle convergenze tra comunicazione pubblica e d'impresa, ponendo l'attenzione sull'informazione, sul ruolo dei poteri pubblici e sul CNEL.

Cicli al tramonto e nuove albe: Società e Stato, quale rappresentazione?

Negli ultimi trent'anni la società ha consumato due grandi cicli di messaggio e sta consumando il terzo. Il primo grande ciclo, che corrisponde al primo ciclo di costruzione della nazione, è stata la cultura risorgimentale; il secondo, iniziato subito dopo la guerra e finito qualche anno fa, è il ciclo della cultura del riformismo, del trasformare la società attraverso le riforme. Infine il terzo ciclo è stato la suggettività ad ogni costo: vince il soggetto singolo e non la dimensione collettiva, vince la libertà di essere se stessi.

Leggi tutto

Cosa divide e cosa unisce la comunicazione pubblica e la comunicazioene d'impresa

Stefano Rolando descrive i fattori che hanno portato alla distinzione tra comuncazione pubblica e comunicazione d'impresa.  Nel Novecento la comunicazione è stato uno strumento fortemente investito per generare consenso, conoscenze ed atti di acquisto. I poteri istituzionali e religiosi hanno da sempre comunicato, parlato, annunciato se stessi ma la scoperta di una altrettanto forte disciplina organizzata, dal punto di vista teorico e dal punto di vista dei presidi nei modelli organizzativi, è arrivata più tardi rispetto al sistema d'impresa.

Leggi tutto

Intervento alla tavola rotonda: Lo sguardo sull'uscita dalla crisi. Stato, imprese, media

Sergio De Luca presenta delle riflessioni sui media tradizionali e i nuovi strumenti di informazione e comunicazione, partendo da alcuni quesiti: perchè non c'è più la verifica della fonte? Perchè non si riconoscono e non si rispettano le comunità scientifiche che producono i dati? Perchè il giornalismo è sempre più schierato e di parte? Perchè la gerarchizzazione delle notizie non rispetta l'evoluzione del mercato?

Leggi tutto

Intervento alla tavola rotonda: Lo sguardo sull'uscita dalla crisi. Stato, imprese, media

In questo momento siamo di fronte ad una tempesta perfetta nel mondo della comunicazione. Per la prima volta, spiega Giovanni Iozzia, stanno arrivando a maturazione contemporaneamente tre fenomeni che finora hanno marciato separatamente:

Leggi tutto