Cerca: Federalismo e assetti istituzionali, Sviluppo e Competitività

Risultati 1 - 10 di 25

Risultati

  • Cod. co.53
  • 28/05/2015
  • 15:00 - 17:30

Comunità locali e globalizzazione: il potenziale impatto del TTIP e del TISA sulle economie territoriali

  • Cod. lab.61
  • 20/05/2010
  • 10:00 - 10:50
  • Padiglione 7
  • Stand 18A

La partecipazione dei Comuni nelle attività di contrasto all'evasione fiscale

  • Cod. B.25
  • 20/05/2010
  • 10:00 - 13:00

La Better Regulation: strumento di sviluppo e competitività nel quadro della collaborazione Stato - Regioni.

Il Progetto operativo di assistenza tecnica (POAT) alle Regioni dell’obiettivo convergenza per il rafforzamento delle capacità di normazione (in collaborazione con PCM-Dagl)
  • Cod. B.43
  • 18/05/2010
  • 10:00 - 13:00

L’esperienza del Tavolo Interregionale per lo Sviluppo Territoriale Sostenibile dell’area Padano-Alpina: TRE ANNI DI LAVORO CONGIUNTO PER UNA VISIONE COMUNE

(Promosso dalla Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome e FORUM PA)
  • Cod. B.24
  • 17/05/2010
  • 15:00 - 18:00

Le innovazioni di sistema negli Enti Locali: risultati e prospettive del Programma Elisa

  • Cod. lab.205
  • 17/05/2010
  • 09:30 - 13:30
  • Padiglione 9
  • Stand 11A

La Provincia di Roma come struttura di supporto al Patto dei sindaci: strategie d’Azione

Il valore delle regole di drafting regionali

Le tecniche legislative comprendono le regole di redazione dei testi, la tematica della valutazione ex ante/ex post degli effetti della regolamentazione e le procedure. Possono essere globalmente indicate come principi, metodi e puntuali prescrizioni che devono essere usate per la formulazione sostanziale e formale degli atti normativi, per la loro strutturazione e per il loro inserimento nel sistema normativo generale. Il fine è quello dell'efficienza sotto il profilo della chiarezza, precisione, applicabilità e della non contraddittorietà.

Leggi tutto

Milgiorare la qualità della regolazione nelle regioni della Convergenza. Il progetto POAT

"Le difficoltà per le imprese sono più alte nelle regioni che hanno più necessità di attrarre imprese Nel Sud  l’intermediazione pubblica è altissima”. Così  Amadio Salvi apre il suo intervento in cui da un lato traccia un quadro a tinte fosche sulle difficoltà delle imprese nel rapporto con lo Stato e la pubblica amministrazione, dall’altro presenta le iniziative di miglioramento e supporto messe in campo nell’ambito del QSN 2007 -2013. Si sofferma in particolare sul progetto POAT, rivolto alle quattro regioni della Convergenza.

L'analisi di impatto della regolazione: lezione apprese e criticità emerse

La Regione Toscana ha intrapreso un'attività di AIR, Analisi d'Impatto della Regolazione, intrapresa in via sperimentale nel 2001 e successivamente inquadrata nel processo giuridico legislativo con la legge regionale n.55 del 2008. Simonetta Cerilli presenta l'esperienza della Regione, mettendo in evidenza oltre alle tappe del percorso seguito, le criticità incontrate e le soluzioni prese a fronte dei problemi emersi.

Leggi tutto

La rilevanza di una migliore regolazione per i destinatari delle norme

Martina Mondelli sottololinea come la buona regolazione sia da considerarsi un fattore strategico di competitività. Tracciando lo sconfortante quadro delle vessazioni amministrative a cui le imprese italiane sono sottoposte, sintetizza le esigenze e le richieste più pressanti. Al primo posto la riduzione di burocrazia (9 imprenditori su 10), seguita da uniformità applicativa di norme regionali.  Conclude “l’ analisi dell’impatto della regolamentazione deve diventare una priorità politica. Ma è fondamentale assicurare il coinvolgimento dei destinatari delle norme.”