Cerca: Città e territorio, cittadinanza attiva

Risultati 11 - 17 di 17

Risultati

La città che vogliamo. Prove di cittadinanza per spazi pubblici inclusivi

La seconda edizione della Biennale dello spazio pubblico si svolgerà a Roma dal 16 al 19 maggio negli spazi della Casa dell'Architettura e della Facoltà di Architettura Roma Tre (ex mattatoio). In questo appuntamento confluiscono varie iniziative che hanno coinvolto Amministrazioni comunali, Università, progettisti, studenti. Tra queste la più recente è una call per raccogliere adesioni al progetto “La città che vogliamo”. L'obiettivo del progetto, che prenderà forma nella settimana dal 5 al12 maggio è quello di sensibilizzare le Istituzioni e i cittadini sul diritto di fruire degli spazi pubblici da parte delle figure più “fragili” come bambini, anziani, migranti, homeless, persone con disabilità motorie, sensoriali o mentali.

Leggi tutto

Con i media sociali possiamo hackerare le città

Ogni giorno, mediamente, 40.000 persone scelgono di affittare 1 delle 250.000 camere disponibili su Airbnb (fonte economist) scegliendo tra 30.000 città e 192 paesi: senza gerarchie e intermediazioni, il sistema vive grazie a dinamiche tipiche dei media sociali, tra peer to peer e reputazione. Di fronte a questo caso emblematico, possiamo pensare di organizzare lo sviluppo e la gestione dei territori con un’idea di cittadini passivi nel ricevere informazioni?

Leggi tutto

Enabling city. L'innovazione sociale (spesso) succede dove meno te lo aspetti

“Enabling” con un termine un po' evocativo di manuali di pedagogia può tradursi in italiano con “abilitante”. Ma è un po’ il contrario di quel che sembra, perché l’enabling city è in realtà una città che sa imparare. Dai cittadini e dalle comunità che la abitano, la animano, la migliorano, risolvendo i problemi che la attraversano. Spesso in modi imprevisti e nei luoghi su cui meno si scommetterebbe. “Enabling City” è il progetto di Chiara Camponeschi che si occupa di innovazione sociale nell'ambito della sostenibilità urbana e della governance partecipativa. “Per me – ci spiega Chiara - una città è veramente “enabling” quando lascia spazio alla collaborazione, alla sperimentazione, alla trasparenza. Quando mette cioé a disposizione fondi, infrastrutture e un progetto politico per stimolare l'empowerment di comunità locali che si attivino per contribuire al cambiamento”.

Leggi tutto

So Smart, so Sentient, so Social. E’ la nostra città di domani?

L’intelligenza di matrice tecnologica nel modello della smart city è un must, ma non basta. Dentro questo spazio di interconnessioni sottilissime e pervasive, solo apparentemente senza pareti, chi si muove e chi si incontra? Cosa può nascere o morire in una città potenzialmente capace di offrire infinite e personalizzate versioni di se stessa, attraverso un processo instancabile di ricerca e scoperta di dispositivi tech? Che fine fa lo spazio della sfera pubblica, cioè quello spazio di cui una società ha bisogno per ricomporre le differenze che la abitano e la animano? Queste sono le domande che emergono sempre più pressanti da chi, con prospettiva multidisciplinare, studia gli assetti urbani del futuro. Se ne parla ad Amsterdam, da oggi, in una quattro dedicata alle Social Cities of Tomorrow (#socialcities)

Leggi tutto

Decoro Urbano

decoro urbanoNome applicazione - Decoro Urbano

Amministrazione proponente - 21 Comuni

Leggi tutto

Change by US New York City. La città cambiata da noi

La domanda è: come possiamo rendere la nostra città un posto più bello e più verde in cui vivere? La risposta siamo Noi (Us), cittadini organizzati e non, e le idee che ci vengono in mente. Lo strumento è una grande bacheca on line dove postare idee o aderire a quelle degli altri per trasformarle insieme in progetti. E i soldi? Non sempre ne servono molti. Una piattaforma semplice, informazione tempestiva a chiara sui finanziamenti, un efficace servizio di tutoraggio e una rete di contatti: è la ricetta di New York City, attraverso Change by US.

Leggi tutto

Critical City Upload: la trasformazione urbana diventa un gioco

Vai sul sito criticalcity.org, scegli una “missione” tra quelle proposte (si tratta di microprogetti creativi da svolgere in città) e realizzala, documentando il tutto con foto e video. Poi carica sul sito i materiali che raccontano il micro-progetto realizzato e ottieni un punteggio; accumulando punti si sale di livello e si possono compiere missioni sempre più difficili.

Leggi tutto