Cerca: province

Risultati 1 - 10 di 11

Risultati

Città metropolitane, nuove Province e piccoli Comuni: una buona legge che sollecita un cambiamento culturale

Molte le osservazioni, anche critiche, che la cosìdetta "Legge Delrio" ha attirato su di sè. E' indubbia tuttavia la sua forte valenza culturale, almeno nella misura in cui introduce un elemento totalmente nuovo per lo scenario italiano, quello della collaborazione. Collaborazione tra amministrazioni prima totalmente separate e, ancora, collaborazione tra apparati professionali, segretari e dirigenti. Pubblichiamo di seguito il testo pubblicato nella rassegna ASTRID di Pietro Barrera, interessante riflessione su questa "idea ragionata di semplificazione del sistema Italia".

Leggi tutto

En attendant le Città metropolitane

Contrariamente a quanto sta succedendo nel resto del monto in Italia le città metropolitane pur avendo valenza costituzionale non esistono né come soggetti economico-territoriali né come soggetti politico-amministrativi. A 23 anni dalla loro introduzione nell’ordinamento italiano, quindi, si preparano ad essere riformate (dal disegno di legge Delrio) senza essere mai esistite. Presentiamo un’analisi di Walter Tortorella di sofferma sugli aspetti problematici e pericolosi di questa prossima svolta. Occasione è l’uscita del volume “Città metropolitane. La lunga attesa” scritto con Massimo Allulli[i]

Leggi tutto

Riordino territoriale e dipendenti provinciali: attenzione a paralizzarci per false paure

Il ridisegno delle province come enti di secondo livello, presente nel ddl Delrio, trova importanti consensi, ultimo ieri quello delle Camere di Commercio che sono parte in causa nella governance territoriale, ma anche grandi opposizioni. Tra queste quella dei dipendenti provinciali mi sembra la meno giustificata. Se si riuscirà a fare una buona riforma essi non potranno che giovarsene, le funzioni di area vasta ne usciranno, infatti, rafforzate e il loro ruolo sarà più importante in un grande centro di servizi per i comuni che in un ente dal profilo incerto e guidato da una politica oggettivamente “minore”.

Leggi tutto

La resa delle Province. Benefici e rischi connessi alla loro abolizione/trasformazione

Si riuniscono il 5 e 6 dicembre a Roma le Province italiane, nell’annuale Assemblea nazionale dell’UPI – Unione delle Province italiane. Con l’occasione pubblichiamo con piacere e interesse il contributo di Nicola Melideo che qui ci introduce ad un importante documento di cui egli stesso è stato curatore “La resa delle Province. Benefici e rischi connessi alla abolizione/trasformazione delle Province. Scenari probabili, soluzioni possibili”. Il documento integrale è scaricabile, previa registrazione, su gogol.it

Leggi tutto

Province sì, province no. Un tema semplice…anzi no

Come sapete, nel nostro percorso verso l’Open Government, abbiamo individuato le necessarie tappe nell’innovazione istituzionale, organizzativa e tecnologica. Dopo aver parlato negli ultimi editoriali dei rischi di trascurare una seria politica di innovazione tecnologica e aver avanzato in questo campo proposte concrete, vorrei oggi occuparmi, brevemente ma con la stessa concretezza, dell’innovazione istituzionale riflettendo insieme sul tema dell’abolizione o meno delle amministrazioni provinciali. Mi servono da spunto in primis la manovra del c.d. “decreto salva Italia” che fa, sulla strada dell’abolizione delle province, tutto quello che la legislazione ordinaria può fare; poi l’assemblea nazionale dell’UPI che lancia il suo allarme di incostituzionalità; infine il bel saggio di Nicola Melideo che abbiamo pubblicato sul nostro sito e che, in forma pacata e razionale, discute a mente libera non dell’ottimo ideale, da situare in qualche Iperuranio, ma del meglio in questo mondo e a condizioni date.

Leggi tutto

Incubo (ma solo) di qualche giorno di mezza estate

Vissuta in vacanza dall’estero, la sensazione d’ansia conseguente all’annunciata abolizione di province e comuni poteva rivelarsi fatale, non potendo disporre il turista di notizie in tempo reale. Ma passando da distinguo salva-territori, da guerre (per fortuna scongiurate) fra paesini limitrofi storicamente nemici, fino al vagheggiare la nascita di una nuova entità regionale, tutto si è pian piano andato spegnendo fino a sparire dalle pagine dei giornali. Al ritorno a casa, sembra (sembra?) non essere cambiato nulla.

Leggi tutto

La mancata soppressione delle province e il gioco delle parti

Dopo il corsivo di Tiziano Marelli della settimana scorsa, torniamo sul tema delle Province e della loro eventuale abolizione, grazie ad un articolo inviatoci da Alberto Stancanelli e pubblicato lo scorso 12 luglio sul sito dell'Associazione Italia Futura. Lo pubblichiamo volentieri, aspettando anche ulteriori commenti, fermamente convinti che posizioni differenti possano contribuire ad alimentare una discussione proficua sul tema dell'innovazione nella PA anche dal punto di vista degli assetti istituzionali.

Leggi tutto

Dalle Province inutili agli Enti da sopprimere, ovvero: cambiare tutto per non cambiare niente

È stato reso noto nei giorni scorsi un dossier dell’Upi nel quale si dimostra come abolendo “carrozzoni strumentali” e consulenze a pioggia nella PA si potrebbero risparmiare quasi 5 miliardi di euro all’anno, quasi cinquanta volte la cifra impiegata per il mantenimento delle nostre province recentemente “salvate” dall’abolizione. Anche una raccolta di firme per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare e la richiesta di un “confronto serio” contro gli sprechi indiscriminati, ma la sensazione è quella di assistere a un film già visto, anzi: di leggere un romanzo già scritto…

Leggi tutto

Le Province come attore centrale dell’innovazione degli acquisti: i temi chiave

La relazione presenta alcuni risultati di sintesi della ricerca “La sfida degli acquisti per un’amministrazione più efficiente ed efficace: il ruolo delle amministrazioni provinciali” condotta da Promo PA Fondazione con i-Faber.

Leggi tutto

Censimento degli archivi amministrativi delle Province

Il progetto per il censimento degli archivi amministrativi delle Province, avviato nel 2007, si pone l'obiettivo di conoscere il patrimonio informativo delle Province e valorizzarlo a fini statistici. Gli archivi della Pubblica Amministrazione, infatti, possono rappresentare una risorsa per la statistica ufficiale, consentendo di risparmiare le spese per l’esecuzione delle rilevazioni e garantendo tempestività e copertura delle informazioni. Il progetto Censimento degli archivi amministrativi delle Province è condotto in collaborazione tra il Coordinamento degli Uffici di Statistica delle Province Italiane, l'UPI e l'ISTAT ed è diretto e coordinato a livello nazionale dalla Provincia di Rovigo.

Leggi tutto