Cerca: partnership pubblico-privato

Risultati 1 - 10 di 279

Risultati

Come il settore salute può diventare volano economico e non solo spesa: il caso ISMETT a #FPA2015

La buona sanità, oltre ad essere un diritto del cittadino, rappresenta un’opportunità di formazione di filiere produttive legate a ricerca, innovazione, formazione di eccellenza, quindi di sviluppo economico e sociale del territorio e di un’intera comunità. Un’analisi degli impatti economici e funzionali del produrre salute è contenuta nello studio che Battelle Memorial Institute ha sviluppato indagando ISMETT, l’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione che nasce a Palermo nel 1997 da una partnership tra Regione Siciliana, Ospedale Cervello e Ospedale Civico di Palermo e UPMC (Università of Pittsburgh Medical Center). A FORUM PA 2015 [qui il convegno] i risultati della ricerca e il dibattito su come produrre sviluppo economico, reddito, posti di lavoro e indotto di qualità attraverso l’erogazione di migliori servizi sanitari.

Leggi tutto

Banche: terza gamba dell’innovazione della PA

Oggi si svolge a Roma la 6^ edizione del “Forum Banche e PA”, organizzato da ABI. E’ l’occasione per una riflessione su un pezzo a mio parere ancora fortemente carente dell’infinito processo di ammodernamento delle amministrazioni. Parlo del ruolo del sistema finanziario come terza gamba, per una vera partnership pubblico-privato.

Leggi tutto

Kazan Smart City: il modello russo è un hub d'affari internazionale

Non siamo rimasti indifferenti all'attenzione mediatica riservata alla Russia in quest'ultima edizione dei giochi olimpici, ma dal nostro punto di vista, ci siamo interrogati se vi potesse essere un "modello russo" di smart city da raccontare. E così, un po' per caso, scopriamo Kazan smart city, il primo progetto di sviluppo urbano in chiave smart dell'intera Russia. La sostenibilità c'è, la partecipazione dei cittadini un po' meno, perché la smart city russa è un hub d'affari internazionale.

Leggi tutto

Roma, Convegni: Cultura&Turismo. Una strategia di sistema per l'Italia

“Cultura&Turismo. Una strategia di sistema per l'Italia” è il titolo dell’evento promosso da Formez PA e Federculture, in programma il 12 febbraio a Roma presso la Biblioteca Nazionale Centrale a partire dalle ore 8.30. Interviene il Presidente di FORUM PA Carlo Mochi Sismondi.

Leggi tutto

Ad aprile "Forme di procurement innovativo in Sanità": l'originale corso organizzato da Forum PA e FederSanità ANCI

Per preparare dirigenti e funzionari delle strutture della sanità pubblica all’adozione dei nuovi strumenti per l’acquisizione di innovazione, per fugare i loro timori per l’uso di forme di procurement poco diffuse in Italia, FORUMPA e FederSanità ANCI propongono un originale percorso di formazione, dal titolo Forme di procurement innovativo in Sanità. L'evento è stato annullato per ragioni organizzative.

Leggi tutto

Opportunità e fondi per l’innovazione in Puglia: "Chi non se ne avvale dovrebbe essere sanzionato"

È partito Living Labs SmartPuglia 2020, la terza call del progetto Apulian ICT Living Lab, con dotazione di 15 milioni di euro per finanziare un pezzo del percorso verso la Puglia digitale 2020. Fino alle ore 12.00 del 20 novembre su www.sistema.puglia.it è possibile presentare candidature per il nuovo bando. Abbiamo chiesto all’Assessore a lo Sviluppo Economico della Regione Puglia, Loredana Capone di raccontarci il significato e le principali novità del bando.

Leggi tutto

Riformisti ora

Come voi sapete sono sempre stato piuttosto tiepido rispetto alle appartenenze partitiche e ora, in questa Babele, lo sono ancor di più. Ma invece non sono affatto tiepido rispetto alla necessità di una profonda trasformazione della società italiana basata sullo scongelamento delle posizioni di privilegio, sulla mobilità sociale e professionale, sul merito e la promozione della libera conoscenza. In questo senso mi sono sentito di appoggiare e contribuire ad un nuovo magazine online che, con un titolo impegnativo come “Riformisti ora”, si propone con passione come luogo di confronto e di riflessione sulle riforme necessarie. Non sono d’accordo su tutto quel che la rivista scrive, su alcune cose ho molto da dire, su altre nulla o quasi: ma è proprio la ricchezza del confronto e delle idee, sghiacciate dalla gabbia ideologica delle appartenenze a prescindere, che vado cercando. Vi propongo il contributo che ho scritto per questo primo numero della rivista online e che ha un titolo programmatico, ma un po’ fuori stagione, parlando di gelo: “Il rischio: solo fuoco che può sciogliere il ghiaccio italiano”.

Leggi tutto

Il finanziamento dei progetti per le smart city: modelli di collaborazione pubblico – privato

La smart city si configura come luogo di confluenza di molteplici interessi, orientata ai cittadini e ai loro bisogni, un luogo che al governo politico della città integra la governance di soggetti pubblici e privati (enti pubblici, imprese, cittadini, banche, istituti di ricerca, università) i quali detengono conoscenza, condividono processi, producono innovazione e coinvestono risorse, con l’obiettivo di definire un nuovo modello di sostenibilità, basato sia su interventi tecnologici che innovazioni gestionali.

Leggi tutto

Partnership pubblico privato come strumento per le smart cities: come, quando e perchè...

Il Decreto Sviluppo 2012 prevede la possibilità all’interno dell'attuazione dell'Agenda digitale di stipulare partenariati pubblico privato di tipo pre-commerciale al fine di individuare idee innovative per lo sviluppo anche locale. In quest'ottica il ruolo delle imprese può cambiare notevolmente se il privato viene interpretato come strumento di realizzazione, non solo di profitto, ma di valore sociale generato e distribuito, un produttore di benessere.

Leggi tutto

Partnership Pubblico Private per servizi intelligenti. L'esperienza di Poste italiane.

A Smart City Exhibition il 30 ottobre scorso si è tenuto il convegno "La sostenibilità economica delle smart city: soluzioni innovative per lo sviluppo locale" durante il quale sono stati presentati ed analizzati esperienze e modelli di "finanziamento" dei servizi intelligenti.
Alessandro Leonardi, responsabile del progetto Smart City di Poste italiane ha presentato il modello "reti amiche" attraverso cui il cittadino vede moltiplicare i punti di contatto con la amministrazione.

Leggi tutto