Cerca: Intervista, Città e territorio, Qualità della vita

Risultati 11 - 20 di 23

Risultati

Le risorse delle donne: un #PianoD in Regione Lazio

A margine dell'incontro di lavoro delle Wister - Women for Intelligent and Smart TERritories, il 28 maggio a FORUM PA 2013, abbiamo chiesto a Eugenio Patanè, Presidente Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio cosa porterà in Regione. Ci presenta qui una prospettiva di lavoro e un impegno concreto verso i movimenti e le organizzazioni che lavorano sul tema delle pari opportunità nel territorio laziale.

Leggi tutto

Smart Cities Learning: la tecnologia per una città partecipata e formativa

Carlo Giovannella docente di Interfacce e Sistemi Multimodali e Fisica generale presso la laurea di Scienze e Tecnologie dei Media e di Design delle Esperienze presso la laurea di Teoria e Dedign dei Nuovi Media del Dip. di Scienze e Tecnologie della Formazione dell’Università di Roma Tor Vergata. Si occupa da 20 anni di linguaggi della contemporaneità a base tecnologica: la sua attività ha come focus principale la il “Design per le esperienze” e in particolare la comunicazione mediata dalle tecnologie, l’interazione naturale uomo-macchina, gli ambienti fisici aumentati e sensibili, gli ambienti virtuali collaborativi e socializzanti, le città e i territori smart, l’ innovazione di processo e di prodotto. Con lui abbiamo parlato di Smart Cities Learning e affrontato i temi relativi alla tecnologia che aiuta la città ad essere partecipata e formativa.

Leggi tutto

"Connected life": se le città imparano dai cittadini ad essere più intelligenti

Alberto Marinelli, docente di Teoria e Tecnica della Comunicazione e dei Nuovi Media alla facoltà di Comunicazione dell’Università La Sapienza di Roma, ci spiega qual è il ruolo della comunicazione multimediale in una smart city e quali sono gli strumenti attraverso i quali le PA possono incidere sui comportamenti dei cittadini creando le condizioni per la realizzazione di una città intelligente.

Leggi tutto

Una città smart sa ascoltare e aprirsi alle novità

Ascolto come metodo e nuove tecnologie come strumenti. Queste le chiavi di una città smart secondo Flavia Marzano, Presidente dell'Associazione Stati Generali dell'Innovazione.

Leggi tutto

Piccolo è intelligente? La smart city nelle soluzioni dei comuni italiani

Nei piccoli centri le tecnologie non trasformano la vita del cittadino facilitandone l’accesso ai servizi pubblici né ha molto senso applicarle a sistemi di mobilità urbana, come accade nei modelli dominanti di smart city. Per questi centri c'è invece la necessità di individuare esigenze, problemi e soluzioni applicabili alla propria realtà. Come fare? Si può partire con l'individuare le esigenze ma si può anche partire con il condividere le soluzioni. Perciò nasce Piccolo è Intelligente?, uno spazio on line di condivisione di pratiche intelligenti e sostenibili per le città d’Italia. Ce ne parla Dimitri Tartari, assessore a Innovazione tecnologica, Comunicazione e Politiche giovanili di San Giovanni Persiceto, tra i promotori dell'iniziativa.

Leggi tutto

Enabling city. L'innovazione sociale (spesso) succede dove meno te lo aspetti

“Enabling” con un termine un po' evocativo di manuali di pedagogia può tradursi in italiano con “abilitante”. Ma è un po’ il contrario di quel che sembra, perché l’enabling city è in realtà una città che sa imparare. Dai cittadini e dalle comunità che la abitano, la animano, la migliorano, risolvendo i problemi che la attraversano. Spesso in modi imprevisti e nei luoghi su cui meno si scommetterebbe. “Enabling City” è il progetto di Chiara Camponeschi che si occupa di innovazione sociale nell'ambito della sostenibilità urbana e della governance partecipativa. “Per me – ci spiega Chiara - una città è veramente “enabling” quando lascia spazio alla collaborazione, alla sperimentazione, alla trasparenza. Quando mette cioé a disposizione fondi, infrastrutture e un progetto politico per stimolare l'empowerment di comunità locali che si attivino per contribuire al cambiamento”.

Leggi tutto

Se lo spazio urbano si fa social. Tre progetti raccontati da chi li ha pensati

 Nell’era del social web sembra che per ogni spazio che abitiamo ci sia la possibilità di aprirsi a questa sorta di quarta dimensione. Lo spazio urbano non fa eccezione. Tant’è che allo Urban Creativity Camp sono stati premiati proprio tre progetti su social web, giudicati, tra tutti quelli in concorso, i più coinvolgenti, sostenibili e realizzabili per rafforzare l’offerta di servizi e l’attrattività dei centri storici italiani. A presentarli, il 12 maggio nella tappa romana della premiazione, gli ideatori. Decisamente …giovani!

Leggi tutto

Si può cambiare questo mondo? L’innovazione sociale come metodo

Alzi la mano chi, almeno una volta, non ha pensato che la risposta fosse si. Nonostante suoni come il sogno lontano di bambini, come la domanda retorica a cui tanti in tutta onestà credono di non dover più rispondere, gli innovatori sociali lavorano per cambiare questo mondo. Non necessariamente perché inguaribili sognatori ma perché convinti che l’innovazione di cui le nostre economie hanno vitale bisogno o sarà sociale o non sarà sostenibile. Così partono piccoli-grandi progetti, in cui ciascuno mette i propri sogni e la propria professionalità in relazione con quelli degli altri, secondo il modello della rete. E non succede nel Terzo settore né sotto altre epiche etichette  ... Allora dove? E come? Ne parliamo  con Alberto Masetti Zannini, co-fondatore di the HUB Milano. A seguire l'intervista video e gli approfondimenti...da una lunga chiacchierata via skype.

Leggi tutto

Traffico: un problema governabile se si hanno le informazioni

Again and Again and Again

Foto di Thomas Hawk

Un’informazione dettagliata sui reali costi del traffico e sulle variabili che lo influenzano è una chiave potente (forse l’unica) nelle mani degli amministratori pubblici, per riuscire a governare un problema che tutti percepiscono come gravissimo e che, troppo spesso, viene considerato irreversibile ed irrisolvibile. È questa l’idea alla base del modello di analisi sviluppato da Vision & Value con l’assistenza dell’Università di Bologna – Dipartimento di Fisica delle Città -, su dati di OctoTelematics, che propone un approccio innovativo alla questione della mobilità urbana e che verrà presentato il 27 marzo prossimo a Napoli nel corso della conferenza “Kyoto of the Cities” (26-28 marzo).

Leggi tutto

I parametri sociali delle città: una ricerca RUR-Censis

blue wall

by Kevin Steele

Quasi la metà degli italiani è soddisfatta della città in cui vive e non la cambierebbe con un’altra. Il dato, per certi versi sorprendente, emerge da un’indagine condotta dalla RUR – Rete Urbana delle Rappresentanze, associazione creata dal Censis per elaborare e sostenere proposte innovative per le trasformazioni della città e del territorio. La ricerca “Municipium 2008 - I parametri sociali della città” verrà presentata venerdì 18 luglio a Roma, presso il Residence Ripetta, in via Ripetta 31, a partire dalle ore 9.30. Il programma dettagliato dell’incontro si può leggere sul sito della RUR.

Leggi tutto