Cerca: Intervista, enti locali

7 risultati

Risultati

Innovazione, sostenibilità ambientale e risparmio: l’esperienza di San Giovanni in Persiceto

Renato Mazzucca, sindaco di San Giovanni in Persiceto, ci racconta l’avventura del suo Comune che dal 2008 ha cominciato a lavorare sulla telegestione della pubblica illuminazione, ottenendo un risparmio di 200mila euro nella spesa per questa voce e un risparmio nelle emissioni di CO2 pari a 950mila tonnellate.

Leggi tutto

Piccolo è intelligente? La smart city nelle soluzioni dei comuni italiani

Nei piccoli centri le tecnologie non trasformano la vita del cittadino facilitandone l’accesso ai servizi pubblici né ha molto senso applicarle a sistemi di mobilità urbana, come accade nei modelli dominanti di smart city. Per questi centri c'è invece la necessità di individuare esigenze, problemi e soluzioni applicabili alla propria realtà. Come fare? Si può partire con l'individuare le esigenze ma si può anche partire con il condividere le soluzioni. Perciò nasce Piccolo è Intelligente?, uno spazio on line di condivisione di pratiche intelligenti e sostenibili per le città d’Italia. Ce ne parla Dimitri Tartari, assessore a Innovazione tecnologica, Comunicazione e Politiche giovanili di San Giovanni Persiceto, tra i promotori dell'iniziativa.

Leggi tutto

I soldi per pagare i debiti? Lo Stato se li fa prestare (obbligatoriamente) dagli enti locali

Nel Decreto Legge sulle liberalizzazioni, viene annunciata una boccata d’ossigeno per i creditori delle PA: immediatamente disponibili 5,7 miliardi di euro per estinguere parte dei debiti accumulati dalle amministrazioni pubbliche verso i creditori. Ma da dove spuntano questi soldi? Semplice: da comuni, province e regioni, che dal 29 febbraio prossimo saranno obbligati a versare la propria liquidità di cassa a Banca d’Italia. Ne parliamo con Carlo Rapicavoli, Direttore Generale della Provincia di Treviso che in un recente articolo ha sollevato il problema. 

Leggi tutto

La digitalizzazione nei piccoli comuni non è solo questione di CAD

In Italia i piccoli comuni sono oltre 5000. Tra nuovi oneri e endemiche ristrettezze di bilancio, anche per loro si apre il nuovo CAD. “Il nuovo CAD per i piccoli comuni è una opportunità a 3 O” sostiene Carla Bue, Segretario comunale in sette dei comuni della Comunità Montana dell’Alta Langa, spiegando che si tratta di una “opportunità di riorganizzazione ordinamentale, organizzativa ed operativa” soprattutto in contesto di gestione associata. E che, a quanto pare, apre spazi vitali di risparmio economico e umano. L’abbiamo intervistata per  approfondire il contesto e i risultati di un  progetto che, partendo dall’esigenza di gestione associata dei servizi finanziari, tributari e amministrativi, ha saputo fare di necessità virtù cavalcando la transizione verso l’amministrazione digitale.

Leggi tutto

Wi-fi esperienze pubbliche a confronto

"Noi della  Provincia di Roma – ci spiega Francesco Loriga* - abbiamo organizzato l’incontro tematico " Wi-fi esperienze pubbliche a confronto" all’interno dell’IGF Italia 2010 perché ci è sembrato il contesto naturale per presentare il progetto Free Italia wi-fi”. Perché? "Innanzitutto perché il wi –fi pubblico è uno strumento che, in questo momento, soprattutto le amministrazioni locali hanno a disposizione nella lotta contro il divide digitale sia culturale che infrastutturale. Prova ne è il fatto che sempre più amministrazioni lo stanno promuovendo. Poi, perché l’idea alla base del progetto è di partire dalle esperienze già presenti e di diffonderle, migliorandole progressivamente attraverso la community che è la vera forza di un progetto che, come il nostro, si ispira alla filosofia “open”.

Leggi tutto

FORUM PA 2010: lo 'Speciale Enti locali' di Administra TV

Dall'attuazione nelle Province del D.Lgs. 150/09 alla riqualificazione delle acque superficiali, dai servizi on line per il cittadino ai progetti per la mobilità sostenibile, vi proponiamo in uno ‘Speciale Enti locali’ le interviste realizzate dalla redazione di Administra TV ad alcuni protagonisti di FORUM PA 2010.

Leggi tutto

Come si fa la PA 2.0? Il progetto POWER in Emilia Romagna

Invocato come importante fattore di contrasto alla crisi di fiducia del cittadino verso il “pubblico”, il paradigma della PA 2.0 apre nuovi scenari di  partecipazione e democrazia elettronica. Ma come si “fa” la PA 2.0? Un interessante modello è quello elaborato nel progetto POWER - Portali web 2.0 partecipativi per l'Emilia Romagna che, riconoscendo nel nuovo paradigma uno strumento dirompente e altamente produttivo, parte dalla consapevolezza che “più la PA è impegnata, visibile e coinvolta nella messa in campo di strumenti web 2.0 tanto più alta è la sua responsabilità”. Ne parliamo con Leda Guidi, project manager di POWER.

Leggi tutto