Cerca: Intervista, Accountability

Risultati 11 - 20 di 60

Risultati

La forza motrice dell’open government in USA non è Obama, sono gli americani

Alex Howard, meglio conosciuto come @digiphile, è uno dei punti di riferimento della comunità del Government 2.0. È il corrispondente da Washington di O'Reilly Media ed ha un blog ricchissimo di informazioni su cosa succede su temi del Government 2.0. Alex e David Osimo hanno fatto una chiacchierata via skype, l’uno da Bruxelles l’altro in un Internet café di Washington. Si comincia con un aggiornamento sullo stato dell’Open Government negli Stati Uniti e si finisce con una domanda aperta “possiamo utilizzare parte del tempo dedicato a guardare la televisione verso attività che migliorano la cosa pubblica e creano occupazione”?

Leggi tutto

Si può fare Customer Satisfaction su Facebook?

Si può fare customer satisfaction su Facebook? Con 21 milioni di italiani su Facebook (dati al 29 febbraio 2012, vincos.it) la domanda, per le amministrazioni impegnate sul fronte del miglioramento dei servizi, si fa legittima per non dire urgente. Con Giovanni Arata, analista internet e freelancer che da tempo monitora la presenza delle amministrazioni italiane sui principali social network, Facebook per l’appunto e Twitter, abbiamo provato a rispondere. In teoria ma soprattutto in pratica.

Leggi tutto

Che ci fa la società civile con l’Open Government? Intervista a Tom Steinberg, mySociety

Avvicinandoci a FORUM PA 2012 (dal 16 al 19 maggio a Roma), cominciamo a preparare il terreno per rendere il più proficuo possibile ognuno degli incontri in calendario. Iniziamo ad alzare la palla a quelli che chiamiamo quest’anno i Maestri dell'Innovazione. Su scala internazionale, andiamo a conoscere e a intervistare quelli che sull’Open Government ci hanno scommesso, da prospettive diverse, con creatività e serietà. E hanno qualcosa da insegnarci. Per cominciare David Osimo ha intervistato per noi Tom Steinberg, che nel 2003 nel Regno Unito ha fondato mySociety. Per capirci, quelli di FixMyStreet e TheyWorkForYou.

Leggi tutto

Open data: nella "pagella" dell’Italia, insufficienza in geografia

I dati geografici sono tra i più scaricati dai siti open data degli enti pubblici italiani, come si vede dalle statistiche on line: sul sito della Regione Emilia-Romagna sono al primo posto per numero di download, mentre su quello del Piemonte sono secondi solo ai dati relativi a Scuola e Formazione. Ma nonostante queste cifre, che dimostrano un grande interesse, sono ancora poche le amministrazioni che li mettono a disposizione di altri enti, cittadini e imprese. A spiegarci perché i dati geografici sono un vero e proprio patrimonio comune e perché è necessario “liberarli” è Giovanni Biallo, presidente dell’Associazione OpenGeoData Italia e direttore del media-web www.geoforus.it.

Leggi tutto

Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva

“Nell’Open Government risiede oggi il pilastro più importante di una democrazia funzionante, capace di riconciliare i filoni, per anni infecondi, dell’e-government e dell’e-democracy”. Partendo da Platone, passando per Kant, arrivando alle tesi del wiki-government e della strong democracy (rispettivamente degli statunitensi Noveck e Barber) Francesca Di Donato spiega perché se lo stato trasparente è il modello, gli open linked data sono lo strumento e i cittadini informati e attivi i protagonisti. Invitandovi a leggere il saggio “Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva” (scaricabile gratuitamente) ve ne proponiamo un assaggio nell’intervista all’autrice, Ricercatrice all’Università di Pisa, Dipartimento di Scienze politiche e sociali e Community Coordinator di Linked Open Data Italia.

Leggi tutto

Idee per una PA migliore. "URP della PA su facebook"

Sessanta secondi per spiegare un'idea e i benefici che porterebbe nella PA. Continua il percorso che ci accompagnerà a conoscere alcune delle idee selezionate dal nostro contest "La tua idea per una PA migliore" e presentate con un breve video dagli stessi autori. Ecco a voi l'idea #93 "URP della PA su facebook" presentata da Laura Strano.

Leggi tutto

Di quando gli Indigeni digitali andarono a Bruxelles

Come avevamo segnalato tempo fa, l’8 e il 9 novembre scorso a Bruxelles all’interno degli uffici di Google e promossa dal parlamento Europeo si è svolta una competizione piuttosto inusuale, almeno per come siamo abituati a percepire la politica nazionale ed europea: l’EU Hackaton. Abbiamo provato a farci raccontare questa breve (23 ore), ma intensa, esperienza da Giuliano Iacobelli, promotore di un team di sviluppo costruitosi grazie al network “Indigeni digitali”.

Leggi tutto

Idee per una PA migliore. "La PA a scuola"

Sessanta secondi per spiegare un'idea e i benefici che porterebbe nella PA. Continua il percorso che ci accompagnerà a conoscere alcune delle idee selezionate dal nostro contest "La tua idea per una PA migliore" e presentate con un breve video dagli stessi autori. Ecco a voi l'idea #161 "La PA a scuola" presentata da Antonio Ferri.

 

Leggi tutto

Una nuvola di dati pronta per generare nuovi business... il paradiso dei programmatori

Il 20 novembre scorso ha aperto ufficialmente il contest Appsforitaly, il concorso aperto a cittadini, associazioni, comunità di sviluppatori e aziende per progettare soluzioni utili e interessanti basate sull’utilizzo di dati pubblici, capaci di mostrare a tutta la società il valore del patrimonio informativo pubblico. Sul rapporto tra open data e web semantico e sulle opportunità che questi nuovi scenari potrebbero aprire, Gianluigi Cogo, segretario generale dell’associazione opengovitalia, ha intervistato Matteo Brunati di IWA Italy (International Webmasters Association Italy) esperto di semantic web.

Leggi tutto

Customer Satisfaction Management: i contest on line come strumento di co-progettazione

Di contest on line abbiamo già parlato in diverse occasioni e ne abbiamo anche realizzato uno, che si è da poco concluso, per trovare “Idee per una PA migliore”. Oggi vogliamo provare a capire se e in che modo uno strumento come il contest di idee può inserirsi all’interno di un processo di customer satisfaction management. Ne abbiamo parlato con Marcello Verona, promotore dell’Ideario per Cagliari, un’iniziativa nata dal basso dopo l’elezione a sindaco di Massimo Zedda nel maggio scorso, per condividere, discutere, approvare o disapprovare nuove idee per la città. Marcello Verona collabora su progetti web per la PA da circa 10 anni, soprattutto con il Formez; open government, digital agenda 2020 e civic hacking sono attualmente i focus su cui lavora, dividendosi tra Cagliari e Bruxelles.

Leggi tutto