Cerca: Articolo, accesso al pubblico impiego

6 risultati

Risultati

La mobilità non piace ai dipendenti pubblici. La ricerca FPA alle soglie della Riforma

La mobilità volontaria dei dipendenti pubblici italiani è praticamente inesistente: il 99,4% dei dipendenti pubblici non ha mai cambiato "posto di lavoro". Solo sei lavoratori su mille si sono spostati da una amministrazione a un’altra dello stesso comparto, mentre sono addirittura solo otto su diecimila gli impiegati che hanno cambiato comparto. Non a caso, dunque, nella Riforma Renzi/Madia la norma che ha fatto più discutere è quella sulla mobilità. FORUM PA rende disponibile la Ricerca "Pubblico impiego: una rivoluzione necessaria", gratuitamente scaricabile in versione integrale.

Leggi tutto

Vinca il Migliore: un unico format di qualità per i concorsi pubblici

E' stato presentato al FORUM PA 2010 dal Dipartimento per la Funzione Pubblica, Formezitalia e si tratta di un progetto pensato per rendere più trasparenti i concorsi pubblici.

Leggi tutto

Cambiare le regole di reclutamento della dirigenza nella PA

Riceviamo e pubblichiamo con piacere un interessante intervento, sul tema dell'accesso alla dirigenza pubblica, di Giovanni Di Pilla, Direttore Generale della ASL RM G.

Leggi tutto

Comuni e Conti chiari: l'analisi di Civicum

Transparant

Foto di Luc De Leeuw

Presentando l’Analisi dei bilanci di 23 Comuni italiani rappresentativi per area geografica e dimensioni, in una lettura per politiche e in un’ottica di benchmarking, Civicum si fa portavoce di una nuova prospettiva: aiutare i cittadini a comprendere e valutare le scelte della propria amministrazione. Muoviamo verso l’amministrazione 2.0, eppure alcuni Comuni rispondono: “grazie, ma la trasparenza non ci interessa”, mentre l'auto-amministrazione si attesta al primo posto nelle voci di spesa corrente, con valore medio del 27%. Grandi assenti dai bilanci comunali, i derivati.

Leggi tutto

No, non siamo come la Francia

Eiffel Tower

by Tom Magliery

L'Ena (Ecole Nationale d'Administration) è da sempre un mito e una segreta aspirazione della nostra burocrazia. Era l'Ena il modello ispiratore che aveva portato sul finire degli anni '70 alla creazione della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione. E' l'Ena il termine di paragone quando si parla di selezione dell'alta dirigenza. E allora, per comprendere meglio quali sono le affinità e le divergenze tra noi e la Francia, ne abbiamo parlato con il Ministro Vincenzo Schioppa, diplomatico di carriera, che conosce bene l’Ena e il modello francese dell’alta direzione di Stato. Una conoscenza che gli deriva sia dall’essere stato élève della grande école della pubblica amministrazione francese, sia per aver ricoperto incarichi di prestigio all’OCSE che ha sede a Parigi.

Leggi tutto

Carta Raffaello, la cittadinanza digitale nella Regione Marche

L'introduzione di uno strumento tecnologico raramente riesce a modificare l'organizzazione o la riorganizzazione del back-office: ancora oggi l'ICT viene di norma utilizzata per "l'automazione" di procedimenti prima svolti manualmente piuttosto che per intervenire sui processi e introdurre tecniche di Business Process Reengineering. Ma la Carta Raffello, la CNS introdotta dalla Regione Marche sul suo territorio, ha come punto di forza il fatto di essere inserita in un orizzonte progettuale più ampio e in un contesto di servizi on line consolidato e funzionante.

Leggi tutto