Cerca: Articolo, Città e territorio, Accountability

Risultati 31 - 35 di 35

Risultati

Un nuovo rapporto tra istituzioni e cittadini per la gestione dei “beni comuni"

Let's have a walk downtown!

by Valeria Gili

Le città contemporanee stanno affrontando scenari complessi di cambiamento sotto molti punti di vista: si presentano nuovi e più articolati bisogni, a fronte di risorse disponibili calanti o al limite costanti. Questo quadro non può essere affrontato con i paradigmi tradizionali dell’amministrazione “produttrice di servizi”: i vincoli economici e la portata dei bisogni non permettono l’equilibrio.

Leggi tutto

Call for paper per il progetto: “Governare con i cittadini”

Il 14, 15 e 16 ottobre - in occasione della Settimana europea della democrazia locale, organizzata e promossa dal Consiglio d’Europa - il Comune di Reggio Emilia, insieme al Dipartimento della Funzione Pubblica e al Formez (Progetto Rete di Reti), con la collaborazione di Cittadinanzattiva, di ALDA (Associazione delle Agenzie di Democrazia Locale) e di FORUM PA, propone l'iniziativa “Governare con i cittadini”.

Leggi tutto

Piccolo mantra dei beni comuni: una proposta operativa

L’intervento di Gregorio Arena al convegno “La tragedia dei beni comuni”, questa mattina a Forum PA, riporta l’attenzione su un tema fondamentale per la nostra vita sociale e politica al punto da determinare la qualità della nostra vita individuale. Una definizione reale dei beni comuni, la segnalazione della tragedia italiana, la proposta di una Tavolo nazionale di coordinamento per prendersene cura. Lo strumento è la sussidiarietà, declinata verticalmente anche nella sua dimensione orizzontale, sotto l’ombrello dell’articolo 118 della Costituzione. Riportiamo liberamente i passaggi fondamentali della riflessione e della proposta concreta di Arena: un Piano di coordinamento e promozione delle iniziative di cittadini attivi sul territorio, perché come lui stesso dice, siamo utopici, ma utopici operativi.

Leggi tutto

“Sette Città” per Bologna: quando l’urbanistica diventa partecipata

BOLOGNA ( Italy)

by il CAMA

Quanto è importante la partecipazione della società civile ai processi e alle decisioni che portano le pubbliche amministrazioni a modificare il volto delle città? Molto, secondo il Comune di Bologna, che ha portato avanti con cittadini, associazioni e rappresentanti del mondo economico e sociale, un lungo e articolato confronto pubblico sulle strategie di trasformazione urbanistica della città. L’occasione è stata offerta dalla redazione del Piano Strutturale Comunale (PSC), il nuovo strumento per il governo del territorio, che sostituirà l'attuale Piano regolatore generale del 1986 e che stabilisce gli orientamenti generali per lo sviluppo urbanistico della città nei prossimi vent’anni.

Leggi tutto

Verso il Network degli Urban Center italiani

asheville parking

Gli Urban Center in Italia iniziano a costituirsi sul finire degli anni '90. I modelli teorici sono gli Urban Center americani o i centri espositivi dedicati alla città e all'architettura che si aprono in moltissime città europee durante la grande fase della rigenerazione urbana della fine degli anni '80. In realtà gli Urban Center italiani hanno alcune specificità. In particolare, essi sono strutture spesso inquadrate all'interno degli enti pubblici che governano i territori e sono sorretti da finanziamenti pubblici, con rare eccezioni di co-finanziamenti pubblico-privati.

Leggi tutto