Cerca: Articolo, Città e territorio, Accountability

Risultati 21 - 30 di 35

Risultati

Responsa e SMART City Exhibition: una partnership per rendere più smart il dialogo con i cittadini

Sarà possibile seguire la manifestazione in diretta streaming? Al termine dell'evento sarà disponibile un report con idee e progetti? Ecco le prime curiosità emerse dalla rete e pubblicate sul sito di SMART City Exhibition (la nuova manifestazione di FORUM PA e Bologna Fiere, in programma a Bologna dal 29 al 31 ottobre 2012) grazie alla partnership avviata con Responsa, startup nata nel Venture Incubator H-FARM Ventures.

Leggi tutto

La città davvero intelligente (e resiliente)

Una città può dirsi davvero intelligente, quando sa dialogare. Un dialogo che deve esistere fra le tecnologie, ma anche fra gli enti del territorio e, soprattutto, tra cittadini e tra questi e le istituzioni. Ma se, dal punto di vista tecnologico, il tema dell’interoperabilità è finalmente al centro di molti progetti, purtroppo la comunicazione e collaborazione fra le pubbliche amministrazioni, anche a livello locale, resta spesso a livello d’intento.

Leggi tutto

Community organizer superstar. Alle origini dell’auto-organizzazione di comunità

Il community organizing è legato alla Chicago industriale degli anni ’30 e al nome del sociologo Saul Alinsky che ne ha fatto un vero e proprio metodo di lotta per le comunità spossessate del diritto al selfrule, quintessenza della democrazia americana. Da allora il community organizing ne ha fatta di strada, arruolando negli anni ‘80 un giovane Barack Obama e arrivando, con le modifiche del caso, nell’Europa odierna della Big Society. Ne parliamo con Mattia Diletti, Ricercatore presso la Facoltà di Scienze Politiche, Università La Sapienza di Roma.

Leggi tutto

Dai brogli elettorali ai disastri naturali, ecco i “testimoni 2.0” delle crisi nel mondo

Ushahidi in lingua Swahili significa “testimoni” ed è anche il nome di una “piattaforma di informazione collettiva”, rigorosamente gratuita e open source, nata proprio in Kenya nel 2008, per rispondere al black out dell'informazione “ufficiale” e diffondere informazioni e denunce sui brogli e sulle violenze e gli scontri che si stavano verificando nel Paese dopo le elezioni presidenziali. Come funziona? In pratica, chiunque può segnalare attraverso diversi canali – via email, facebook o twitter, ma anche semplicemente via SMS – quello che sta avvenendo e dove; le testimonianze vengono poi raccolte dalla piattaforma, indicizzate e inserite su una mappa interattiva. Uno strumento che, quindi, favorisce l'informazione, ma anche la trasparenza e il controllo sociale e che, in questo senso, verrà nuovamente utilizzato domenica prossima, 23 ottobre, questa volta in Bulgaria, dove sono in programma le elezioni presidenziali e amministrative e dove, secondo un sondaggio dell'associazione Transparency international, un cittadino su 5 è disposto a vendere il proprio voto.

Leggi tutto

Dalla rete più di 500 idee per Cagliari

L’Ideario per Cagliari è un’iniziativa nata dal basso dopo l’elezione a sindaco di Massimo Zedda nel maggio scorso, con l'obiettivo di dare un seguito alla grande partecipazione popolare che ha caratterizzato le ultime elezioni amministrative. Attraverso una piattaforma collaborativa si possono proporre le proprie idee per migliorare la città, ma anche commentare e votare le proposte degli altri utenti. E sembra proprio che i cittadini di Cagliari abbiano accolto con entusiasmo questo invito: dal 1° giugno ad oggi sono state inviate 530 idee, con 2.736 commenti, e più di mille utenti registrati.

Leggi tutto

Urbanistica partecipata, a Genova si discute della nuova autostrada

Wooohooooo for fall!!!!!!!!

Foto di Tina Keller

Se ne parla da circa trent’anni, ma fino ad oggi la realizzazione della Gronda di Genova, o Gronda di Ponente - il nuovo tratto autostradale che, raddoppiando l’attuale autostrada costiera A10, dovrebbe eliminare gli ingorghi e i rallentamenti che oggi si verificano nel tratto Voltri-Genova ovest – è rimasta solo un’ipotesi. Ora, invece, sembra che l’idea stia per concretizzarsi: Autostrade per l’Italia ha presentato la proposta di cinque tracciati alternativi, sui quali il Comune di Genova ha deciso di avviare un dibattito pubblico, dal 1° febbraio al 30 aprile 2009, per garantire la massima informazione e trasparenza sul progetto e per permettere a tutti i soggetti interessati (cittadini e associazioni) di chiedere chiarimenti, discutere ed esprimere il proprio punto di vista.

Leggi tutto

Comuni e Conti chiari: l'analisi di Civicum

Transparant

Foto di Luc De Leeuw

Presentando l’Analisi dei bilanci di 23 Comuni italiani rappresentativi per area geografica e dimensioni, in una lettura per politiche e in un’ottica di benchmarking, Civicum si fa portavoce di una nuova prospettiva: aiutare i cittadini a comprendere e valutare le scelte della propria amministrazione. Muoviamo verso l’amministrazione 2.0, eppure alcuni Comuni rispondono: “grazie, ma la trasparenza non ci interessa”, mentre l'auto-amministrazione si attesta al primo posto nelle voci di spesa corrente, con valore medio del 27%. Grandi assenti dai bilanci comunali, i derivati.

Leggi tutto

I reggiani per esempio. A Reggio Emilia si sperimenta un nuovo modo di fare politica

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo articolo di Annalisa Gramigna, esperta di comunicazione pubblica.

Un cop de mà

Foto di Jose Téllez

A Reggio Emilia si cambia registro. Va in scena la responsabilità sociale della società civile raccontata da cittadini, associazioni, imprese, scuole e parrocchie che hanno aderito a I reggiani per esempio inviando loro iniziative, progetti ed esperienze.

Leggi tutto

Democrazia partecipativa: quando il cittadino è protagonista

Colores de madera.

Foto di Oswaldo Ordóñez

Negli ultimi anni è cresciuta, anche in Italia, l’attenzione delle amministrazioni locali nei confronti della partecipazione dei cittadini ai processi decisionali. Si stanno diffondendo forme innovative di democrazia partecipativa, come il bilancio partecipativo, che presuppone un coinvolgimento forte nelle scelte principali di governo del territorio, in quanto le proposte avanzate dai gruppi di cittadini possono incidere su una certa percentuale del bilancio comunale. Di questa e di altre forme di coinvolgimento (laboratori di progettazione partecipata, Agenda 21, giurie dei cittadini, e così via) si parlerà a Modena dal 21 al 23 gennaio prossimi, nel corso della prima edizione di ParteciP.A. il salone della Democrazia Partecipativa, organizzato dall'Ufficio Partecipazione del Comune di Modena in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Modena, la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e Agenda 21 Italy.

Leggi tutto

In 200 a Roma per dire la loro sul bilancio della Regione Lazio... E l'assessore ascolta!

Radioheads

Foto di Thomas Hawk

«In che modo l’assessorato intende intervenire sul patrimonio scolastico?» «Come sosterrete le famiglie nell’acquisto dei libri di testo?» «E’ possibile immaginare delle agevolazioni alle aziende per ridurre il lavoro precario?» «Perché non redistribuire le risorse risparmiate grazie all’utilizzo e alla diffusione delle energie rinnovabili?»
Con queste domande 200 cittadini, nel corso di un’intera giornata, sabato 8 novembre, hanno incalzato il Presidente Marrazzo e gli Assessori regionali Luigi Nieri, Alessandra Tibaldi, Filiberto Zaratti, Silvia Costa.
Non si è trattato di una manifestazione di protesta ma dell’ultimo atto del processo di partecipazione al bilancio regionale 2009 del Lazio.

Leggi tutto