Cerca: Editoriale, società della conoscenza

5 risultati

Risultati

Libera conoscenza nella scuola? Tanti ostacoli, ma anche primi passi da incoraggiare

Sentire parlare nei siti della PA di licenze Creative Commons e di copyleft, ossia in sintesi della lotta contro l’abuso del diritto d’autore e per la libera conoscenza, non è comune in Italia, figuriamoci poi in un mondo non certo innovativo come quello della scuola. Voglio, quindi, dedicare questo editoriale ad incoraggiare gli sforzi in questo senso del sito Innovascuola, anche se è solo un inizio e c’è ancora molta strada da fare e molte insidie da superare. Le forze trasversali della reazione sono infatti qui particolarmente agguerrite e astute.

Leggi tutto

L'ignoranza non è una virtù… Neanche per i legislatori!

Ho detto più volte, anche negli ultimi editoriali, che da questa crisi non si esce né con la rottamazione di mobili, automobili e frigoriferi né con una politica per l’edilizia di cui temo dovranno pagare le conseguenze le prossime generazioni. La chiave è sì l’infrastruttura, ma quella intelligente della rete in cui siamo drammaticamente tra gli ultimi in Europa per disponibilità e per uso.

Leggi tutto

Nostalgia del futuro

Come ogni fine anno, puntualmente, l'indagine sulla qualità della vita nelle città italiane de Il Sole 24 ORE ci restituisce un'Italia divisa, dove i primi posti della classifica sono contesi dalle ricche province del Centro e del Nord e gli ultimi, alternandosi, dalle diverse province siciliane: quest'anno Caltanissetta (preceduta da Palermo, Agrigento e Trapani), Agrigento nel 2007, Catania nel 2006, Messina nel 2004 e nel 2003. Città, come Catania, che eppure sembrava potessero vivere un nuovo rinascimento per poi ricadere, invece, nello sprofondo di una marginalità economica e culturale.

Leggi tutto

Facebook, internet e social networking in ufficio, roba da fannulloni?

Un articolo interessante di Vittorio Zambardino ieri su Repubblica raccontava che qualche azienda e pubblica amministrazione italiana e straniera ha deciso di impedire ai propri dipendenti di usare Facebook in ufficio e ha anche chiuso o limitato molto l’accesso agli altri strumenti di social networking e, in alcuni casi, anche la libera navigazione su Internet. Motivo: distrae i dipendenti dal lavoro.
In questi giorni di discussioni sulle regole di base del comportamento nel pubblico impiego mi sembra un tema interessante.

Leggi tutto

Innovazione vo’ cercando…

Parliamo di innovazione, di quella che c'è e di quella che non c'è, di quella che dovrebbe proporci la politica e di quella che cerchiamo di proporvi noi: a proposito, tra pochi giorni arriva il nuovo sito www.forumpa.it : tutto in ottica web 2.0, con nuovi canali tematici  e nuove funzionalità.

Leggi tutto