Cerca: comunicazioni obbligatorie

7 risultati

Risultati

Pubbliche amministrazioni e imprese: dal 2013 rapporti completamente informatizzati

A partire dal 1° luglio 2013 i rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese si instaureranno solo attraverso gli strumenti telematici. Lo dice il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 luglio scorso e pubblicato qualche giorno fa in Gazzetta Ufficiale. Nuovi obblighi già a partire da oggi e sanzioni per i dirigenti inadempienti. Finalmente, dopo 6 anni dall'emanazione della prima versione del Codice della PA digitale, la pa senza carta comincia a diventare uno scenario possibile.

Leggi tutto

Il Sistema Informatico delle Comunicazioni Obbligatorie: dati e valutazioni

Il Decreto Interministeriale 30.10.2007 ha reso obbligatorio per i datori di lavoro, pubblici e privati, la comunicazione esclusivamente tramite servizi informatici delle informazioni relative ad assunzioni, proroghe, trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro al Ministero del Lavoro, tramite la rete dei Centri per l’Impiego. Flavio Nicola Iodice presenta il Sistema Informatico delle Comunicazioni Obbligatorie, lo strumento informatico web-based messo a disposizione dei datori di lavoro, dei soggetti abilitati e degli intermediari per l’assolvimento dell’obbligo.

Leggi tutto

La cooperazione applicativa nell’esperienza del Sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie.

Grazia Strano presenta l’esperienza della cooperazione applicativa sul Sistema informativo delle comunicazioni obbligatorie costituito dal Ministero del Lavoro e Previdenza Sociale in collaborazione con Regioni e Province. Il Sistema permette a tutti i datori di lavoro di effettuare una comunicazione online ai servizi per l’impiego e di rendere i dati disponibili a tutti gli Enti interessati.

Leggi tutto

Un sistema federato per semplificazione e monitoraggio del mercato del lavoro

Grazia Strano - Direttore generale per l'Innovazione Tecnologica del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Meno burocrazia e più dati a disposizione per monitorare gli andamenti del mercato e realizzare politiche tarate sulle reali esigenze del paese. Qualche regione è ancora in difficoltà ma tutti i problemi sono in via di risoluzione, assicura Grazia Strano, direttore generale per l'Innovazione Tecnologica del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.

Leggi tutto

La telematica a supporto del mercato del lavoro

Il 1° marzo le comunicazioni obbligatorie che i datori di lavoro, o i consulenti in loro vece, devono trasmettere agli organi competenti viaggeranno solo in via telematica. E' quanto prevede un decreto firmato dai ministri Damiano e Nicolais per eliminare adempimenti burocratici ormai superflui ed effetturare un monitoraggio del mercato del lavoro utile a realizzare politiche basate sulla conoscenza puntuale delle esigenze del Paese.

Leggi tutto

Il punto di vista delle Regioni e Province sul tema dell'invio telematico delle comunicazioni obbligatorie

Sergio Battisti è fortemente coinvolto nel processo di trasformazione dei centri per l’impiego e di creazione di un sistema informativo sul lavoro basato sulla comunicazione obbligatoria on line. La Finanziaria 2007 ha posto l’obbligatorietà alle aziende di procedere con la comunicazione obbligatoria on line agli enti preposti i quali a loro volta hanno sollevato la questione sulla necessità di realizzare un sistema, certamente più complesso, per la gestione di un’unica comunicazione destinata a tutti gli Enti coinvolti.

Leggi tutto

ADELINE - il sistema delle comunicazioni obbligatorie di FVG, Provincia di Trento e Campania: tre anni di esperienza

Alessandra Nassivera presenta il sistema Adeline, progetto nato a partire dal 2002 seguendo i dettami forniti dai processi di e-government per la compilazione e l’invio delle comunicazioni obbligatorie in formato elettronico. A questo progetto hanno partecipato attivamente alcune regioni tra cui la capofila è la Regione del Friuli Venezia Giulia. Attualmente il sistema Adeline è in una fase di adeguamento rispetto alle indicazioni contenute nella Finanziaria.