Cerca: Qualità della vita, Atti FORUM PA 2009, politiche per il lavoro

3 risultati

Risultati

Verso una visione integrata del welfare

Il Presidente Mastrapasqua sottolinea l’importanza dell’approccio globale del libro bianco, dove per la prima volta la previdenza, la salute, l’assistenza, l’inclusione, la formazione, la produzione e la ricchezza vengono insieme valutate e studiate. All’interno della cornice lì delineata, dentro la quale si ritiene e si auspica che l’Italia si muova, Mastrapasqua sostiene la necessità di impegnarsi in una giusta educazione al welfare perché – dice – noi trasformiamo le risorse in prestazioni ma raramente trasformiamo le risorse e le prestazioni in un’azione preventiva.

Presentazione del libro bianco

Il Ministro Sacconi presenta il libro bianco “La vita buona nella società attiva” fornendone alcune chiavi di lettura. Quella che chiama la sua rivoluzione conservatrice è incentrata sul motto “omnium rerum mensura homo”: tutto l’impianto si basa sulla centralità della persona in sé e nelle sue fondamentali proiezioni relazionali. L’obbiettivo è quello di modificare un modello sociale rivelatosi di carattere risarcitorio e viziato da un intervento largamente successivo per giungere ad un nuovo modello che permetta di lavorare a monte della formazione del bisogno.

Il nuovo modello di welfare per un cittadino non più solo

Gianni Alemanno esprime vivo apprezzamento per il libro bianco sostenendo che è la prima volta che un’autorità governativa evidenzia il fatto che la modernizzazione non può discendere semplicemente da elementi di aggiustamento tecnico ma deve discendere da una scelta di valori. Lo sforzo di non considerare l’individuo come un soggetto a se stante ma di prenderlo in considerazione all’interno del sistema di relazioni dentro cui si trova è per Alemanno un passo importantissimo.Leggi tutto