Cerca: Qualità della vita, rifiuti tecnologici

9 risultati

Risultati

CDC RAEE

CDC raeeNome applicazione - CDC RAEE

Amministrazione proponente - Centro di coordinamento RAEE

Leggi tutto

Rifiuti elettronici: il 71% degli italiani non ne sa nulla

È la raccolta il vero problema dei rifiuti elettrici ed elettronici in Italia. È quanto emerge dalla ricerca commissionata da Ecodom all’Istituto di ricerca Ipsos.

Leggi tutto

I rifiuti elettronici li raccoglie il negoziante

Raccolta e smaltimento dei rifiuti elettronici più semplice ed efficiente con l’accordo tra il Centro di Coordinamento RAEE, l’ANCI e le Organizzazioni del Commercio.

Leggi tutto

L’orografia del mondo nuovo: crescono le montagne di spazzatura elettronica

"Recycling - from E-Waste to Resources", ovvero come trasformare la spazzatura elettronica in un'opportunità di sviluppo. E' un obiettivo ambizioso ma raggiungibile, almeno secondo il rapporto dell'Agenzia Onu per l'ambiente che ha analizzato i dati di undici paesi in via di sviluppo per calcolare la quantità di rifiuti elettronici attualmente prodotti, fare una stima di quelli futuri e individuare soluzioni in grado di trasformare la minaccia per la salute del pianeta e dei suoi abitanti in un’opportunità per smaltire i rifiuti elettronici in maniera corretta, recuperare le sostanze che ancora possono essere utilizzate e creare opportunità di lavoro. Per ora solo una cosa è certa: le montagne di tecno-spazzatura continuano a crescere.

Leggi tutto

ICT e sostenibilità

E-waste, ovvero spazzatura elettronica. A lungo ignorati, i rifiuti IT, che mostrano il più alto tasso di crescita fra i rifiuti municipali e industriali, sono diventati finalmente oggetto di discussione e di regolazione normativa.
In Italia è operativo da quest’anno il decreto sui RAEE (Rifiuti Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), che attua la direttiva europea WEEE (Waste Electrical and Electronic Equipment) del 2002.

Leggi tutto

Il computer sostenibile: come evitare di essere sommersi dall’e-waste

Introdotta da Diego Gavagnin, direttore editoriale QE Quotidiano Energia, Giovanna Sissa racconta come è nata l’idea del libro "Il computer sostenibile" e mette in evidenza le problematiche trattate, che coinvolgono la vita di tutti noi. Non è più possibile ignorare le montagne di rifiuti elettronici, i cumuli di spazzatura tecnologica che si vanno accumulando (non solo metaforicamente) nelle nostre città. Negli ultimi anni qualcosa è cambiato nello scenario dell’Ict: ci si è resi conto che anche questo settore inquina, e molto. Non a caso è nato il termine “e-waste”, spazzatura elettronica.Leggi tutto

ICT e sostenibilità ambientale: dall’inferno al paradiso?

Oggi siamo finalmente consapevoli che l'ICT può creare notevoli problemi all'ambiente: con l'introduzione del termine e-waste (spazzatura elettronica) si è spezzata la percezione per cui il prefisso "e" potesse individuare esclusivamente parole associate a un senso positivo, di sviluppo, come e-government, e-democracy, e-commerce, e-learning, etc. I computer inquinano: lasciano un'impronta ecologica durante la fase di produzione e di funzionamento, dovuta al consumo energetico e alla produzione di CO2, e anche durante la fase di smaltimento a fine vita.

Leggi tutto

Eco-guida ai prodotti Hi tech. L’IT è più verde?

L'Eco-guida di Greenpeace ai prodotti elettronici verdi, pubblicata per la prima volta ad agosto 2006, oggi include una lista di 18 grandi produttori internazionali di personal computer, cellulari, TV e Consolle, posti in differenti posizioni a seconda delle politiche di sostituzione delle sostanze pericolose e ritiro/riciclaggio dei beni a fine vita. L'Eco-guida, aggiornata ogni tre mesi, nasce con l'obiettivo di spostare il settore Hi tech verso produzioni più sicure e di responsabilizzare il produttore sull'intero ciclo di vita di un bene di consumo, incluso i rifiuti elettronici prodotti.Leggi tutto

Computer e RAEE. Ruolo dei Comuni e stato dell'arte

Basta con lo spettacolo di televisori, computer, aspirapolvere ed elettrodomestici di ogni tipo abbandonati accanto ai cassonetti dell'immondizia. Questa è la parola d'ordine a cui si ispirano le nuove normative riguardanti la raccolta e lo smaltimento dei Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), con l'obiettivo di cambiare cattive abitudini pericolose per la salute e per l'ambiente.

Leggi tutto