Cerca: Qualità della vita, Atti FORUM PA 2007, diritto alla salute

9 risultati

Risultati

Sanificazione globale indoor: innovazione e risparmio

Vittorio Collesano affronta il tema della sanitizzazione degli ambienti indoor e della necessità di ridurre i rischi di infezioni e contagio all’interno sia degli ambienti sanitari che in tutti quei luoghi ad alta frequentazione di persone e quindi con maggiori rischi. Oggi è necessario studiare soluzioni mirate per la salvaguardia della salute degli operatori e degli utenti evitando che agenti patogeni entrino in contatto con tali ambienti.

Le risposte adattive allo stress negli anziani

Salvatore Rinaldi nel suo intervento affronta il tema dei disturbi neurovegetativi i cui sintomi nel passato erano di difficile identificazione. Tali disturbi, successivamente chiamati disturbi psicosomatici, depressivi o dell’adattamento, si manifestano già dai primi anni di vita ma sono più evidenti in età avanzata. Fondamentalmente si tratta di un’alterazione dei meccanismi di sopravvivenza.

Leggi tutto

La sfida del futuro: il Distretto per garantire continuità assistenziale sul territorio

Stefano Inglese introduce e modera il convegno “Il cittadino al centro del sistema: continuità assistenziale, presa in carico, empowerment del paziente” mettendo in evidenza il ruolo che potrebbe assumere il Distretto nell’ottica di creare un luogo che sia di incontro tra la domanda di salute dei cittadini e l’offerta del SSN e in cui si faccia una reale programmazione.

Leggi tutto

Donne, quale salute quali diritti

Aldo Morrone presenta una serie di dati relativi alla distribuzione della ricchezza nel mondo che vede una concentrazione di risorse in alcune ristrette aree. Fornisce dati che dimostrano come la povertà sia direttamente collegata all’insorgere delle malattie e come le malattie stesse siano affrontate in relazione a imperativi economici e stereotipi culturali, spesso sessisti. Preannuncia un’incombente e prossima estensione verso i paesi europei e nordamericani delle malattie che finora sono rimaste confinate in specifiche aree del mondo.

Leggi tutto

Introduzione al convegno. La visione del Ministero della Salute

Donato Greco introduce il convegno “Le biotecnologie e le scienze della vita per la promozione della salute” esponendo il punto di vista del Ministero della Salute che guarda, con particolare interesse, all’evoluzione delle tecniche e alle applicazioni in questo campo. Oggi le biotecnologie, e tutto ciò che deriva da esse, sono una realtà dalla quale non si può prescindere.

Vaccinazioni dell'adulto e Medici delle cure primarie

Claudio Cricelli affronta il tema delle vaccinazioni nei soggetti sani e negli adulti e della loro importanza per la prevenzione di malattie. Oggi il SSN ha un differente approccio nei confronti delle vaccinazioni per i bambini e per gli adulti; questo divario secondo Cricelli andrebbe colmato. L’ultima parte dell’intervento è dedicata alla vaccinazione HPV, per le adolescenti di 12 anni, per prevenire il tumore al collo dell’utero.

L'INPS e il ruolo nelle politiche delle vaccinazioni per la TBC

Massimo Piccioni presenta l’attività dell’INPS e il suo ruolo nel campo della prevenzione e dell’assistenza durante la malattia, in particolar modo per i casi di tubercolosi. Piccioni si sofferma su cosa è previsto oggi dalla legge in materia di prevenzione alla TBC e su che tipo di assistenza viene erogata.

I farmaci innovativi

L’intervento di Stefano Vella verte sul concetto di innovazione, nell’ambito dei farmaci e dell’apporto che le biotecnologie possono dare, da tre punti di vista: commerciale, tecnologico e terapeutico. In questi anni si è assistito ad una forte crescita dei farmaci biotecnologici ma ottimi risultati sono stati ottenuti esclusivamente per le malattie gravi. L’innovazione deve avere un impatto forte in alcune aree come quella dei farmaci o delle terapie. L’Europa si sta muovendo attraverso il progetto “Innovative Medicines Initiatives”. Leggi tutto

La sindrome dell'edificio malato

Borghesi analizza i problemi di salute e di confort che presentano gli ambienti confinati di tipo non industriale. Tra gli effetti dell’inquinamento dell’aria indoor sulla salute vi è la “Sindrome da Edificio Malato”, una patologia che colpisce principalmente coloro che lavorano in edifici con impianti di ventilazione degradati che, anziché ricambiare l’aria, riciclano aria viziata portando batteri, gas nocivi ed altro materiale inquinante.Leggi tutto