Cerca: Qualità della vita, Atti FORUM PA 2011

Risultati 1 - 10 di 93

Risultati

Le nuove sfide nella tutela dei dati sanitari sul web

L’intervento di Luigi Montuori si concentra sui rischi per i dati sulla salute dei cittadini, derivanti dall’uso che oggigiorno si fa del web. Il Garante si è mosso su due versanti differenti: il primo è quello dell’utente, cercando di diffondere cultura e conoscenza consapevole dei pro e dei contro degli strumenti informatici, mentre il secondo è quello dei gestori dei siti web (pubblici o privati), obbligando al rispetto di una serie di accorgimenti per un utilizzo corretto.

Dalla carta al bit: ma i dati di salute sono protetti e gestiti nel rispetto dei diritti del cittadino?

Filomena Polito nel suo intervento mostra le sue preoccupazioni sull’andamento che sta prendendo l’informatizzazione del sistema sanitario. Giusto per fare un esempio il Ministro non ha ancora pubblicato le norme sul Fascicolo Elettronico Sanitario a fronte di un sistema che già da anni si confronta con questi temi individuando soluzioni “personali”. Per non parlare delle nuove norme del CAD che impongono una serie di obblighi oggi praticamente sconosciuti al mondo della sanità.

Leggi tutto

Lo stato attuale dei servizi di telemedicina in Italia

Dopo aver illustrato il reparto di telemedicina dell’Ospedale S. Giovanni Addolorata  - uno dei pochissimi in Italia e per altro non ancora ufficialmente riconosciuto - Michelangelo Bartolo  propone un’analisi quantitativa delle iniziative avviate in Italia. Nel nostro Paese sono catalogati 362 servizi di telemedicina, ma di questi: circa il 40% risulta concluso; circa l’8% ha la stessa data di inizio e di fine; soltanto il 10% riporta dati di attività; alcuni non sono mai iniziati; qualcuno è finito su striscia la notizia come spreco conclamato….

Leggi tutto

Nuovi modelli organizzativi del sistema sanitario toscano e trattamento dati automatizzato

Gioacchino Bellone, dopo aver presentato l’ESTAV - l’ Ente per i Servizi Tecnico-amministrativi di Area Vasta - Nord Ovest della Toscana, illustra l’architettura di sistema ideata per tutelare la sicurezza del dato nei processi di assistenza e di cura. Chiave del sistema è il consenso informato da parte del cittadino all’utilizzo del dato, anzi a tre utilizzi differenti del dato. Tuttavia inserire un elemento così vincolante introduce una criticità nel sistema.

Leggi tutto

Aspetti applicativi relativamente ai dispositivi medici in rete e loro integrazione nel sistema d’ospedale

L’intervento di Cinzia Spagno si sofferma su un particolare aspetto della sicurezza dei dati in sanità: quello dei sistemi medici in rete. La sanità, infatti, è un mondo estremamente eterogeneo che coinvolge diverse professionalità e questa complessità introduce una serie di difficoltà nel conciliare sicurezza del paziente e sicurezza del dato.

Leggi tutto

E-health e ICT security: stato dell'arte e criticità

Nel suo  intervento Graziano De’ Petris propone una riflessione su come internet e le nuove tecnologie hanno cambiato il modo di comunicare e di condividere le informazioni. Non bisogna mai dimenticare, però, che questa facilità di connessione mette a rischio la sicurezza dei dati che possono essere facilmente “rubati” o diffusi per errore. Questo discorso è maggiormente valido per chi tratta dati di tipo sanitario o clinico.

Leggi tutto

Soluzioni Smart per le città: la sicurezza urbana

La soluzione ha l’obiettivo di migliorare la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini, e al tempo stesso la vivibilita’ dei quartieri.  Oltre all’introduzione di sistemi di video sorveglianza nei punti chiave della città è possibile trasformare le immagini video in “meta dati” per correlare eventi e generare informazioni (videoanalisi). Inoltre l’analisi statistica dei dati permette di ottimizzare e migliorare il livello di sicurezza fornito nelle aree controllate, in modo proattivo e di identificare potenziali rischi per la sicurezza pubblica.

Leggi tutto

Il CRM nell’epoca del Cloud Computing Come i modelli di fruizione as-a-service stanno modificando il concetto di CRM

Da qualche anno a questa parte si assiste ad un cambiamento profondo del significato di CRM: mentre in origine il CRM vedeva la centralità esclusiva del Cliente, oggi si ha modo di apprezzare, anche guardando alle dinamiche del settore pubblico, come questa centralità venga affiancata con quella di Processo. La relazione con il Cliente non è più qualcosa che ha valore solo in quanto tale, ma viene invece esperita attraverso i processi che lo vedono partecipe.

Leggi tutto

Integrazione tra servizi e integrazione tra istituzioni sul territorio

Intervenendo al convegno “Percorsi di salute: nelle cure primarie, tra territorio e ospedale. Integrazione, sostenibilità e pdta territoriali”, Leopoldo Di Girolamo sottolinea due temi su cui lavorare per realizzare un decisivo efficientamento del Ssn, migliorando al tempo stesso la qualità e l’appropriatezza dei servizi socio-sanitari erogati al paziente. Il primo grande tema è il progressivo spostamento di risorse e competenze dall’ospedale al territorio, il secondo è l’endemica ristrettezza i bilancio per i Comuni che si traduce in un taglio consistente alle spese per il sociale.

Leggi tutto

Il casemix delle cure primarie: scarsa variabilità è sinonimo di appropriatezza? Esperienze di ricerca a confronto, tra Veneto e FVG

Intervenendo al convegno “Percorsi di salute: nelle cure primarie, tra territorio e ospedale. Integrazione, sostenibilità e pdta territoriali”, Paolo Piergentili presenta i risultati intermedi della Ricerca dal titolo “Valutazione  della qualita' assistenziale  e dei costi del medico di famiglia basata su metodologie di risk adjustment”, partita nel 2007 e finanziata dal Ministero della salute. “Il punto da cui siamo partiti  - spiega Piergentili – è che per togliere centralità all’ospedale bisogna dare nuova centralità al medico di medicina generale”.

Leggi tutto