Cerca: sistemi IT

Risultati 1 - 10 di 13

Risultati

I sistemi di virtualizzazione

Sacchetti analizza le varie tecnologie di virtualizzazione applicativa, di sistema e dei desktop evidenziando il contesto nel quale si sviluppano, i vantaggi che esse comportano in termini di risparmio di tempo e risorse impiegate e all'utilizzo che trovano all'interno di aziende con particolare attenzione alle strutture sanitarie.

Sanità e IT: un caso concreto. Come risolvere le problematiche SISS attraverso l'adozione delle tecnologie di virtualizzazione

Giuseppe Branca spiega quali attività sono state condotte all'interno di un'azienda ospedaliera per realizzare un sistema informativo basato sulle tecnologie di virtualizzazione, evidenziando criticità e aspetti migliorativi dell'operazione, sia in termini di risorse umane e finanziarie utilizzate, di riduzione dei tempi di assistenza e, conseguentemente, di maggiore efficienza dei servizi resi all'utente.

Linea Amica: risolvere nel presente e analizzare il futuro per migliorare la P.A.

Il Ministro Brunetta racconta come è nata l’idea di Linea Amica e ne anticipa gli sviluppi: mettendo in rete i contact center delle Pubbliche Amministrazioni si possono mettere insieme anche le loro banche dati costruendo la più grande banca dati di domande e di risposte d’Europa. Ciò permetterà di avere uno spaccato dell’offerta dei servizi dello Stato con l’evidenziazione di dove essa non combacia con i bisogni dei cittadini.Leggi tutto

Tracciare percorsi per un’efficace utilizzo delle ICT nelle Aziende Sanitarie

Del Favero introduce il convegno legando l’evento al lavoro del Tavolo Permanente sull’Innovazione in Sanità nato nel novembre del 2008 per monitorare lo stato dell’arte della penetrazione delle ICT in sanità e per prepararsi ad attuare su scala nazionale la progettualità del Dipartimento dell’Innovazione e delle Tecnologie, che nel Piano di e-gov 2012 ha inserito un punto (il n.4) molto ambizioso in campo sanitario.

Innovare in sanità con azioni di sistema

Francesco Pignatale sottolinea l’elemento critico dovuto alla mancanza di un budget specifico dato all’informatizzazione nelle Aziende Sanitarie e nelle Aziende Ospedaliere ed esprime il suo apprezzamento per l’iniziativa del Tavolo Permanente, che auspica poter dare delle indicazioni che vadano a sistema superando la logica dei tanti progetti pilota che tali sono rimasti.

Prontezza e decisione per la nascita della sanità elettronica

Isabelle Poncet auspica che una volta che il progetto sui LITIS avrà assegnato gli score alle varie Aziende Sanitarie ad essi corrispondano dei modelli organizzativi, infrastrutturali e applicativi atti a colmare i gap che verranno evidenziati. Le aziende – continua la Poncet – si aspettano che la partecipazione del Tavolo Permanente al Tavolo interministeriale di governance possa generare azioni più operative e tempi di realizzazione certi.

Introduzione al progetto sui Livelli di Innovazione Tecnologica In Sanità (LITIS)

Angelo Rossi Mori descrive la visione di fondo che è alla base dello studio del gruppo di lavoro sui LITIS. L’obbiettivo del progetto, spiega Rossi Mori, è quello di avere un modello di riferimento per misurare e governare il livello di innovazione tecnologica nelle Aziende Sanitarie; per realizzarlo il gruppo di lavoro ha adottato un approccio definito “copernicano” che mette al centro la salute e i suoi bisogni per individuare le tecnologie innovative che devono ruotarvi intorno.

La visione di SAP per una sanità in rete

Enrico Molinari confrontando le esperienze italiane con quelle internazionali fa notare come in Italia, ancor prima che per una sanità in rete, non si sia fatto ancora abbastanza sul fronte delle Aziende Sanitarie a livello di governance interna per l’efficienza e l’efficacia. Oggi – dice Molinari – le Aziende italiane utilizzano trenta o quaranta sistemi per gestire gli stessi processi per cui in altri Paesi se ne usano uno o due ma seguendo di volta in volta esigenze tattiche e puntuali senza una scelta strategica di lungo periodo è molto difficile fare innovazione.

Paradosso della produttività dell’IT:possono le nuove tecnologie incidere sull’efficienza degli utenti?

Obiettivo dell'incontro è quello di approfondire in che misura l'informatica contribuisce all'incremento di produttività. Massimiliano Ferrini parte, quindi, dal paradosso della produttività dell’IT secondo cui l’introduzione ed l'uso intensivo delle nuove tecnologie non produce una crescita proporzionale in termini economici, per spiegare i motivi per cui l'informatica è percepita oggi come un costo.Leggi tutto

L'infrastruttura IT di INPDAP e la scelta della piattaforma Citrix

Giovanni Leonetti descrive le caratteristiche dell'infrastruttura informatica di INPDAP e le scelte architetturali operate per offrire servizi ad un bacino di utenza molto vasto, che conta 3 milioni e mezzo di iscritti ed 10.000 amministrazioni. L'obiettivo è quello di conseguire un miglioramento progressivo dei servizi offerti non soltanto grazie all'adeguamento tecnologico ed al miglioramento della portabilità di applicazioni, ma anche lavorando sugli aspetti organizzativi, gestionali e culturali.Leggi tutto