Cerca: Sviluppo e Competitività, grandi opere

9 risultati

Risultati

I giovani propongono il fare

Come uscire dall’attuale crisi economica? L’analisi e la proposta di Idiano D'Adamo, uno dei vincitori dell’edizione 2008 del Premio TesiPA (organizzato dal Consorzio NuovaPA e dedicato al tema dell’innovazione nella pubblica amministrazione). Con un'attenzione particolare alla questione energetica.

“Agire oggi per il benessere di domani” è l’unico metodo per far fronte alla crisi che si è abbattuta sul sistema economico spazzando via i progetti di tante famiglie ed imprese. La situazione può cambiare percorrendo due strade: da un lato stimolare il consumo, per il quale è necessario creare opportunità occupazionali, e dall’altro ridurre gli enormi costi dovuti ad un non efficace utilizzo delle risorse.

Leggi tutto
  • Cod. 22C
  • 13/05/2008
  • 15:00 - 18:00

Voler decidere: la sfida delle amministrazioni per lo sviluppo

(in collaborazione con ANCI- Ideali Fondazione europea delle città)
  • Cod. 19S
  • 14/05/2008
  • 10:00 - 13:00

Investimenti in infrastrutture: dal dire al fare

(in collaborazione con Associazione Pimby)

Investimenti in infrastrutture energetiche: tra rischi e opportunità

Carmine Biello porta al dibattito la sua esperienza ventennale nel campo dello sviluppo di strutture energetiche e gli insegnamenti che ne ha tratto. Anche se bisogna lavorare ancora tanto per trovare una soluzione, sicuramente non si può prescindere dal consenso. Tuttavia è bene anche tenere a mente i rischi che la diffusione del processo decisionale può comportare.

Leggi tutto

Un processo decisionale efficace e democratico per le realizzazioni infrastrutturali

Per coniugare la necessità di colmare il gap infrastrutturale italiano con la giusta richiesta di partecipazione al processo decisionale di tutti i livelli istituzionali e dei cittadini dei territori interessati Astrid ha elaborato da tempo la proposta di una semplice procedura innovativa. Bassanini ne illustra i due aspetti, che ruotano sulla fase di decisione strategica e su quella di localizzazione, e la aggiorna esprimendo la necessità di una legge sul dibattito pubblico.

Un processo virtuoso per la realizzazione delle infrastrutture

Partendo dall’analisi della questione della Val di Susa Mauro Moretti nel suo intervento spiega come il problema delle infrastrutture non sia tecnico ma politico. La sua possibile risoluzione viene – per l’AD di Ferrovie –dalla realizzazione di una pianificazione territoriale d’area vasta all’interno della quale inserire la localizzazione delle singole infrastrutture. In quest’ottica Moretti sprona anche la stampa affinché dia qualche informazione di servizio positiva su ciò che si è realizzato invece di inseguire sterilmente le polemiche su ciò che non si riesce a fare.

Le condizioni di sviluppo di una moderna rete infrastrutturale

Giovanni Castellucci individua la questione delle resistenze sul territorio come prima causa dei ritardi nella realizzazione delle infrastrutture in Italia. A suo avviso la Pubblica Amministrazione deve evitare quelle procedure che danno un eccesso di potere a chi tutela gli interessi forti locali a scapito di quelli della collettività. In attesa dell’approvazione della Convenzione proposta da Autostrade al Governo il gruppo sta elaborando un piano per costruire la quarta corsia su un terzo della rete autostradale italiana entro il 2018.

Grandi opere e infrastrutture: i costi del non fare e le ragioni del fare

Com'è noto, è difficile in Italia realizzare grandi infrastrutture. Dati Oice (2007) segnalano che i tempi di realizzazione in Italia sono i più lunghi d'Europa e, nello stesso tempo, i costi sono tra i più alti. La difficoltà italiana a procedere è motivata (anche) da buone ragioni. Tuttavia esse non considerano i ''costi del non fare'' e la perdita di competitività che ne conseguono per il Paese.Leggi tutto

Infrastrutture: comunicare per ottenere credibilità

La costruzione delle opere in Italia deve fare i conti anche e soprattutto con un problema di credibilità dei politici quanto delle imprese, sostiene Andrea Prandi, Direttore relazioni esterne e comunicazione di Edison. Secondo un recente sondaggio, l’80% delle persone è favorevole a nuove infrastrutture. Allo stesso tempo, però, viene rilevato un deficit di fiducia nei confronti della politica, delle aziende e, più in generale, delle informazioni in proposito. Non è solo con la maggioranza che si fanno le opere, c’è bisogno di un consenso diffuso.Leggi tutto