Cerca: Sviluppo e Competitività, Atti FORUM PA 2007, internazionalizzazione

Risultati 21 - 28 di 28

Risultati

L’accordo Ministero – ICE – CRUI

Questa iniziativa prende le mosse da un accordo firmato nell’Aprile 2001 fra CRUI, ICE e Ministero per il Commercio Estero, afferma Gianfranco Caprioli. Obiettivo strategico del Ministero era dare maggiore internazionalizzazione all’economia, con conseguente attrazione di investimenti e aumento del grado di presenza italiana all’estero. Le nostre imprese medio-grandi sono già internazionalizzate, ma rimane una schiera di 110mila imprese esportatrici con meno di 50 dipendenti che costituiscono la ricchezza e, al contempo, la debolezza della nostra economia.

Trasferimento di know-how e formazione nell’ambito della protezione solare: una collaborazione tra Italia e Brasile.

La fotoprotezione è un argomento fondamentale soprattutto con l’approssimarsi della stagione estiva, afferma Cecilia Anselmi. Basta ricordare quali siano gli effetti biologici delle radiazioni sulla cute, eventi acuti da una parte, come la pigmentazione, eventi cronici, dall’altra. Studi epidemiologici hanno dimostrato che il problema è particolarmente sentito anche in Brasile, nonostante la popolazione non appartenga ad uno di quei fototipi a rischio 1 e 2, occhi chiari e pelle chiara.

Leggi tutto

Qualità e valorizzazione dei prodotti agro-alimentari tipici italiani: l’esempio della Provincia di Teramo

La provincia di Teramo, pur essendo molto piccola, è caratterizzata da una notevole diffusione di piccole e medie imprese, oltre che da una forte vocazione agro-alimentare, afferma Orazio Di Marcello. La collaborazione con l’Università e il mondo scientifico, infatti, mira proprio alla costruzione di un sistema che valorizzi i nostri prodotti grazie anche ai solidi legami, sviluppati nel corso del tempo, con le aree del Mediterraneo, Sud America, Canada e Stati Uniti dove si registra una forte presenza di abruzzesi.Leggi tutto

L’accordo Ministero – ICE – CRUI: una case history

I Paesi nostri diretti concorrenti dispongono, nel settore della promozione delle imprese, quindi della promozione del sistema Paese in senso lato, di fondi 3 volte superiori rispetto a quelli allocati al nostro Ministero e all’ICE, afferma Massimo Mamberti.Leggi tutto

Re-made in Italy for China: design ed eco-innovazione nelle imprese italiane come motori di internazionalizzazione verso la Cina

Loredana Di Lucchio presenta finalità, criticità e risultati della ricerca condotta dall’Università La Sapienza, con la collaborazione di aziende, associazioni di categoria e onlus per capire come le piccole e medie imprese italiane manifatturiere possano portare i loro prodotti sul mercato cinese e ottenere una capacità competitiva che, data la tipologia di mercato, è un obiettivo difficile da raggiungere.Leggi tutto

Il rapporto Università-imprese

Il tema del sostegno alle imprese, in particolare alle piccole e medie imprese, sui mercati esteri è soltanto un aspetto di un tema più generale, quello dei rapporti tra imprese e università, sostiene Davide Bassi. Le piccole e medie imprese sono diffuse su tutto il territorio e sono la spina dorsale della nostra economia, è quindi importante per il nostro sviluppo prestare attenzione verso la realtà che rappresentano.Leggi tutto

Trasferimento di know-how e formazione nell’ambito della protezione solare: una collaborazione tra Italia e Brasile.

Microna è una piccola impresa italiana, riconosciuta dal Ministero della Salute e dal Ministero dell’Università e della Ricerca, spiega Silvia Gatti, che si occupa di servizi, tecnologie innovative.

Leggi tutto

Metodologia e presentazione di progetti di internazionalizzazione

Marinella Loddo ha curato la parte relativa alla gestione dei progetti e degli studi di fattibilità presentati all’ICE e, dalla lettura dei bandi 2005 e 2006, sono emerse alcune osservazioni di carattere generale e metodologico che oggi espone per facilitare le aggregazioni di impresa per futuri investimenti all’estero. L’esame dei progetti ha infatti evidenziato l’assenza di quella forma strutturale necessaria, nella presentazione del progetto stesso, che a volte ci ostacola nella partecipazione ai bandi di carattere europeo e internazionale, nonostante la validità delle idee progettuali.