Cerca: Sviluppo e Competitività, creatività

Risultati 11 - 20 di 36

Risultati

One dream, One city. Il Comune di Milano per le giovani eccellenze

Ornella De Carli presenta il progetto One dream, One city del Comune di Milano. “L’obiettivo – spiega – è promuovere le  giovani eccellenze che arrivano a Milano insieme a quelle che abbiamo già sul territorio, offrendo loro il massimo in termini di percorso formativo insiem all’esperienza delle nostre eccellenze, dalla moda alla cultura alla gastronomia al design” . Grandissima l’adesione al progetto da parte del tessuto imprenditoriale, economico ed accademico della città.

Leggi tutto

Gestire e misurare il talento. Un approccio imprenditoriale

Il punto centrale nella riflessione di Gabriele Valli è la gestione del talento. “ In questo – spiega - è fondamentale il ruolo delle imprese”.” E’ importante – continua - promuovere la misurabilità del talento, in un'ottica di responsabilità imprenditoriale”. Ricordando  la sua esperienza di” giovane talento”, presenta l’associazione Informale, di cui è co-fondatore,  impegnata nella costruzione di comunità omogenee di giovani imprenditori creativi .

Le città come attrattori di talenti. Questione di politica e di risorse umane

In tema di attrattività e sviluppo di talenti in Italia, sono due le linee di riflessione seguite da Luca Bolognini. Da un lato la questione politica, dall’altro quella umana. Se sulla prima il bilancio è disastroso, perché – spiega – le istanze e le prospettive dei portatori di interesse under35 non trovano spazio, sulla seconda vanno precisate le “caratteristiche” del talento. “I talenti autodefiniti non servono, ma è il contesto che deve riconoscerli come tali. La sfida per i territori è aiutare talenti a nascere, coltivarli e coltivarli nel momento in cui ci sono.”

I territori come attrattori di talenti. Il punto di vista di un politico

Tra ansia da bilancio e autocritica, Nicola Zingaretti porta il punto di vista di un politico locale in tema di innovazione e attrattività nei territori italiani. “Questi temi – ammette – dovrebbero entrare nell’agenda politica tanto più in momenti di crisi come l’attuale.

Leggi tutto

Riportiamo il talento nelle città italiane: Dialogo con Irene Tinagli a FORUM PA 2010

In Italia c’è posto per le nuove generazioni di talenti? Le nostre città possono diventare dei centri di attrazione per quelle persone che, lavorando con le loro idee e le loro competenze, sono un motore fondamentale in un'economia sempre più smaterializzata? È una riflessione fondamentale per un Paese come il nostro che, già prima della crisi globale, era scarsamente competitivo a livello internazionale: un Paese bloccato, con gravi difficoltà a livello di infrastrutture, di investimenti in innovazione, di mobilità sociale.

Leggi tutto

Talenti e creatività per superare la crisi. Irene Tinagli a FORUM PA 2010

Fuga di cervelli, Paese bloccato, invecchiamento della classe dirigente: tutte espressioni che vengono spesso associate all’Italia e che non depongono certamente a favore della nostra capacità di competere a livello internazionale. Ma dove sta l’origine di questi problemi? Come mai in Italia i talenti non vengono formati, attratti e valorizzati? E qual è, in questo scenario, il ruolo delle città e dei territori? Irene Tinagli, via skype da Madrid, ci aiuta a riflettere sulla situazione italiana e sulle strategie da adottare per investire, finalmente, sulle competenze e sulla creatività degli individui. Un tema sfaccettato, che Tinagli - ricercatrice presso l’Università Carlos III di Madrid, nominata Young Global Leader dal World Economic Forum nel marzo 2010 - ha affrontato nel suo libro “Talento da svendere” (Einaudi, 2008) e che sarà approfondito a FORUM PA 2010, nell’evento “Le città come attrattori di talenti”, in programma il 17 maggio alle ore 15.

Leggi tutto

Premio Kublai, la creatività a servizio dello sviluppo del territorio

 

C'è tempo fino al 15 dicembre 2009 per candidarsi alla seconda edizione del Kublai Award, con cui il Ministero dello Sviluppo Economico premia il miglior progetto creativo legato allo sviluppo locale. L’iniziativa, istituita nel 2008 nell’ambito del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione economica del Ministero (DPS), è attuata da Invitalia.

Leggi tutto

Il Libro bianco sulla creatività

Nel nostro Paese si contano 12 settori che possono rientrare nella stima della ""creatività"", con un apporto del 9,5% in termini di Pil e del 11,8% in termini di occupazione. Così la creatività in maniera sempre crescente lega a sé le sorti e le trasformazioni di molti territori. Il libro, presentato da Stefano Rolando, cerca di fare un inventario e un’analisi di quanto c’è e fa 50 raccomandazioni “per governare al meglio una parola difficile”.

Progetta il tuo Hub Ideale: dalla Provincia di Milano un invito ai creativi

Imprese e scuole della moda e del design, professionisti della creatività, studenti e aspiranti imprenditori potranno dare un contributo di idee per la realizzazione di spazi e servizi utili a rafforzare e qualificare la loro presenza professionale sul territorio milanese. Attraverso un focus group/laboratorio e un gioco di condivisione on line che prevede anche alcuni appuntamenti dal vivo, la Provincia di Milano chiama a raccolta i creativi milanesi, stimolandoli a fornire spunti e suggerimenti per la progettazione dell’Hub Ideale.

Leggi tutto

Mind in Italy, da Cnr e Regione Lombardia una risposta alla “fuga dei cervelli”

I giovani che vogliono dedicarsi alla ricerca scientifica sono una grande risorsa per il territorio. Per dare una risposta concreta alla fuga dei cervelli e offrire opportunità lavorative a giovani ricercatori Consiglio Nazionale delle Ricerche e Regione Lombardia promuovono l’iniziativa “Mind in Italy”, finalizzata all’inserimento di diplomati e laureati in programmi triennali di sviluppo, da realizzarsi in Lombardia, attraverso assegni di ricerca, dottorati e master.

Leggi tutto