Cerca: Sviluppo e Competitività, tutela del diritto d'autore

Risultati 1 - 10 di 13

Risultati

"Premio Creatività 2012": c’è tempo fino al 7 giugno per partecipare al concorso del MiBAC

Il “Premio Creatività 2012” vuole incoraggiare i giovani a realizzare un’opera dell’ingegno e, allo stesso tempo, avvicinarli ai temi della legalità e della creatività e, in particolare, sensibilizzarli all’importanza del rispetto del diritto d’autore. Il concorso – indetto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti culturali ed il Diritto d’autore con il supporto del Formez P.A., e di concerto con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca nell'ambito dell’iniziativa “Registro Pubblico Generale delle opere protette dalla legge sul diritto d’autore, una prova in più per la creatività” – è rivolto agli studenti che abbiano compiuto i 16 anni di età. Il termine per la presentazione dei moduli di iscrizione e delle opere è stato prorogato al 7 giugno 2012 alle ore 12.00.

Leggi tutto

Ieri la "notte della rete" per far sentire la voce degli utenti all'AGCOM. On line i video dell'evento

Mondo del web mobilitato per la libertà di espressione in Rete e contro l'approvazione - che dovrebbe arrivare proprio oggi - della delibera dell'Autorità Garante per le Comunicazioni in materia di diritto d'autore. Ieri a partire dalle 17 a Roma ha preso il via 'La notte della rete' una manifestazione organizzata sulla rete contro quella norma che, se approvata, consentirebbe all'Autorità delle comunicazioni di rimuovere direttamente i contenuti accusati di violare il diritto d'autore da siti e blog senza passare per la giurisdizione ordinaria.

Leggi tutto

Dalla tutela del diritto d’autore alla censura in rete. Storia e analisi del regolamento AGCOM

Il 6 luglio prossimo si saprà se l’AGCOM avrà raccolto o meno le osservazioni e le critiche mosse al regolamento per tutelare il diritto d’autore in rete. Se ciò avverrà probabilmente sarà anche grazie al tam-tam mediatico che in questi giorni si è scatenato in rete, sui siti di informazione, sui blog e sui social network contro una proposta che mette in pericolo la libertà di espressione in rete e le opportunità di sviluppo economico derivanti dalla condivisione dei contenuti on line. Vediamo di capire meglio di cosa stiamo parlando e di farci spiegare da Luca Nicotra di Agorà Digitale le ragioni di un no così duro e perentorio.

Leggi tutto

Libertà della rete ed equo compenso per gli autori

Elisa Grandi inizia il suo intervento sottolineando come l’Italia abbia una normativa sul diritto d’autore vecchia di settant’anni. In questi anni il mondo è cambiato soprattutto con l’avvento della rete e, anche se ancora troppo spesso si associa alla libertà della rete il concetto di gratuito, stanno nascendo sistemi di equa retribuzione delle opere d’ingegno. Le regole non sono necessariamente limitazioni alla libertà, ma sono soprattutto meccanismi necessari per garantire l’offerta stessa di contenuti in rete.

Leggi tutto

Il music cloud: un nuovo modello per la distribuzione di contentuti musicali in rete

Il mercato della musica sta cambiando a ritmi vertiginosi. Enzo Mazza analizza il tema del “cloud computing” come nuovo modello di business per la distribuzione della musica in rete, anche se a dire il vero i modelli sono più di uno dalle piattaforme come i-tunes, agli accordi tra case discografiche e youtube. Il tema cardine di un’agenda digitale di un paese è quello dei contenuti che sono un prodotto che traineranno il resto dei consumi digitali.

Leggi tutto

Le nuove norme per i reati di violazione del diritto d'autore

Tommaso D’Onofrio si focalizza sul tema dei reati di violazione del diritto d’autore e sulle recenti modifiche del Decreto Legislativo 231/01. In particolare D’Onofrio spiega come alla luce delle variazione introdotte nel 2009, un’organizzazione (pubblica o privata, anche se ditta individuale) che non preveda nella propria struttura un protocollo specifico per impedire reati di violazione del diritto d’autore, è soggetta a pene che vanno da sanzioni pecunarie a sanzioni interdittive.

Leggi tutto

Un offerta legale in rete per il settore cinematografico

Mario Gallavotti si concentra sul settore cinematografico, basato sul sistema delle finestre temporali che scandisce il mercato dei diversi supporti su cui viene distribuito un film (sala cinematografica, dvd, paytv, televisione…). Gallavotti sostiene la necessità di queste finestre ed anzi ritiene sia necessaria una nuova regolamentazione che richiami questo modello, perché il modello di business del cinema è ancora legato ancora al successo al botteghino e le finestre temporali evitano che un mercato cannibalizzi il “successivo”.

Leggi tutto

Il diritto d'autore alla luce dei cambiamenti introdotti dalle nuove tecnologie

Mario Fabiani focalizza il suo intervento sulla storia del diritto d’autore nelle reti. Storia abbastanza recente che si può far risalire a qualche decina di anni fa con l’avvento delle tecnologie della convergenza che hanno reso le opere di ingegno liquide e non rintracciabili, facendo perdere all’autore il controllo della loro distribuzione. Ma non è solo la convergenza ad aver rappresentato un pericolo per le norme di tutela del diritto d’autore.

Leggi tutto

Come affrontare i costi di transazione nella diffusione on line delle opere di ingengno

Pierfarncesco Attanasio concentra il suo intervento sui progetti di digitalizzazione di massa, come quelli avviati da Google e dai sistemi bibliotecari nazionali, che hanno dato vita ad un dibattito sul come remunerare correttamente il titolare del diritto d’autore dell’opera. Il punto è che i costi di transazione sono un problema. Tuttavia si tratta di un problema che in passato è già stato risolto utilizzando forme di gestione collettiva dei diritti.

Leggi tutto

Il ruolo della SIAE per lo sviluppo di un'offerta legale dei contenuti in rete

Le nuove tecnologie, non si succedono, ma si affiancano continuamente, producendo innumerevoli nuove forme attraverso le quali le opere dell’ingegno vengono diffuse e offerte al pubblico. Così Paolo Agoglia apre il suo intervento sottolineando la difficoltà per il legislatore di adeguarsi a questo contesto nella tutela del diritto d’autore. L’intuizione della SIAE in questo ambito consiste, allora,  nella creazione di licenze speciali per internet per alimentare l’offerta legale di contenuti della rete.

Leggi tutto