Cerca: Sviluppo e Competitività, reti e network

Risultati 61 - 70 di 75

Risultati

Il consolidamento delle reti per lo sviluppo: i distretti della creatività dell’Emilia Romagna

La situazione di cambiamento che la regione Emilia Romagna sta affrontando in termini di priorità strategiche, passa dalla ridefinizione del documento programmatico generale, il piano territoriale regionale (PTR). La fase attuale è una fase di passaggio dal sistema metropolitano policentrico ad un’unica grande area, che diventerà una regione-sistema. Con le prime valutazioni si è deciso di attuare il DUP attraverso la realizzazione di intese su scala provinciale che vedano il coinvolgimento degli enti locali, dei comuni e delle parti sociali.Leggi tutto

Infrastrutture sulla conoscenza: le relazioni tra poli formativi e reti di partenariato

Alla Regione Lazio è affidato il coordinamento degli Assessori regionali all’Istruzione e alla Formazione e questo compito viene affrontato nell’ottica dello sviluppo di una governance che valorizzi ciò che si è attivato a livello locale in questo campo avendo però a cuore lo sviluppo di un sistema educativo unitario. L’Assessore Costa illustra a questo proposito l’esperienza laziale dei Poli di Alta Formazione Tecnica Superiore realizzati con un’ampia partnership e una grande discussione con i territori.

Nuovi strumenti di partecipazione e cooperazione tra le amministrazioni e i cittadini per sostenere lo sviluppo dei territori

I temi affrontanti in questo progetto riguardano innanzitutto il confronto tra PA e privato, un discorso innovativo che mette la PA in concorrenza con i privati. Altri temi centrali sono la trasparenza della PA, i cittadini/clienti, l’esigenza di una PA più efficiente ed efficace nella sua azione, più vicina ai bisogni dei cittadini, e soprattutto con meno costi di quelli attuali. Si può dire che oggi la PA fa miracoli, perché con le risorse che ha a disposizione è veramente difficile dare tutte le risposte che i cittadini si aspettano.Leggi tutto

Luca De Biase, giornalista de Il Sole 24Ore – Nòva

foto luca de biase

L’organizzazione dal basso o bottom-up, che caratterizza la società italiana, ha spesso rappresentato un limite per il nostro Paese. Un limite che in passato si è cercato di superare rincorrendo altri modelli organizzativi, ma che nella Società della conoscenza può essere sfruttato come punto di forza.

Leggi tutto

Gaudenzio Garavini e Roberto Conte, innovare sul territorio

Released to Public: Solar System Montage (NASA)

by David Shapinsky

Leggi tutto

Comunicare “la città” dentro e fuori la città

Un ente territoriale, come il Comune di Napoli, deve comunicare una varietà di aspetti e informazioni non solo ai propri cittadini, ma anche all’estero e ciò nell’ottica di attrarre investimenti da parte di imprese così come flussi turistici nazionali ed internazionali.

Leggi tutto

Lo Sportello Regionale per l’Internazionalizzazione delle Imprese

La Regione Piemonte già da diversi anni porta a termine con successo dei progetti di internazionalizzazione sia con SPRINT, lo Sportello Regionale per l’Internazionalizzazione delle Imprese, sia con altre iniziative realizzate in concorso con il Ministero del Commercio Estero, il Sistema Camerale interno o con il Sistema Camerale estero.Leggi tutto

Prospettive, obiettivi e condizioni per lo sviluppo della Banda Larga in Italia

Il Ministro traccia un quadro della situazione italiana e internazionale degli investimenti e delle scelte di sistema da affrontare in futuro in tema di Banda Larga. Per lo sviluppo della nostra economia sono indispensabili il miglioramento delle reti di prossima generazione e il riconoscimento dell’accesso alla rete come diritto universale.

Leggi tutto

L’accordo Ministero – ICE – CRUI

Questa iniziativa prende le mosse da un accordo firmato nell’Aprile 2001 fra CRUI, ICE e Ministero per il Commercio Estero, afferma Gianfranco Caprioli. Obiettivo strategico del Ministero era dare maggiore internazionalizzazione all’economia, con conseguente attrazione di investimenti e aumento del grado di presenza italiana all’estero. Le nostre imprese medio-grandi sono già internazionalizzate, ma rimane una schiera di 110mila imprese esportatrici con meno di 50 dipendenti che costituiscono la ricchezza e, al contempo, la debolezza della nostra economia.

Trasferimento di know-how e formazione nell’ambito della protezione solare: una collaborazione tra Italia e Brasile.

La fotoprotezione è un argomento fondamentale soprattutto con l’approssimarsi della stagione estiva, afferma Cecilia Anselmi. Basta ricordare quali siano gli effetti biologici delle radiazioni sulla cute, eventi acuti da una parte, come la pigmentazione, eventi cronici, dall’altra. Studi epidemiologici hanno dimostrato che il problema è particolarmente sentito anche in Brasile, nonostante la popolazione non appartenga ad uno di quei fototipi a rischio 1 e 2, occhi chiari e pelle chiara.

Leggi tutto