Cerca: Sviluppo e Competitività, Atti FORUM PA 2011

Risultati 61 - 70 di 230

Risultati

Presentazione degli APQ nel contesto della Regione Lazio

La sentiment analysis del Comune di Milano

Il Comune di Milano ha messo a punto un sistema per la gestione della reputazione online della città. Si tratta di un approccio innovativo alla sentiment analysis automatizzata, presentato e premiato nell’ambito dell’iniziativa “Turismo e cambiamento” e in questa occasione presentato da Maria Chieppa.

La vision del Dipartimento sviluppo e competitività turismo

“Abbiamo ben chiaro che la competitività del settore turistico italiano passa di necessità per un importante processo di innovazione, che l’innovazione non coincide con l’introduzione di tecnologie e che il risultato finale deve portare a superare la frammentarietà degli interventi e dell’offerta che contraddistingue il settore del turismo in Italia”. Così Giovanna Degrassi introduce la visione su cui sta lavorando il Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del Turismo presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Trasparenza e valutazione per una PA che riconosca il merito e persegua l’efficienza

Il Ministro Brunetta ripercorre i punti salienti della riforma introdotta con il D.lgs. 150/09 leggendone i diversi passaggi sotto il profilo della trasparenza. Dalla pubblicazione sui siti istituzionali delle consulenze, degli stipendi e dei curricula dei dirigenti, alla divulgazione dei dati sull’assenteismo, dagli obblighi introdotti con il nuovo CAD alle azioni di semplificazione, tutta l’attività del Ministero dal suo insediamento – spiega Brunetta – è stata rivolta a rendere l’azione amministrativa misurabile, valutabile e per questo “rendicontabile”.

Per una Cultura dell’Integrità nella Pubblica Amministrazione

Gustavo Piga insieme a Giorgio Bernardo Mattarella gestisce dal maggio 2010 il progetto “Per una Cultura dell’Integrità nella Pubblica Amministrazione”, promosso dalla SSPA con l’obiettivo di diffondere una cultura di intolleranza verso la corruzione attraverso un programma “aperto” di informazione e formazione. Nel suo intervento, Piga presenta l’evoluzione del progetto, insistendo fortemente sull’attività preliminare di definizione scientifica del fenomeno svolta nei primi mesi di sviluppo.

Familiarmente e suoi obiettivi : integrazione, coordinamento e buone prassi.

Angelo Mari compie alcune considerazioni di carattere generale sui lavori svolti durante la giornata, partendo dal concetto di integrazione, nato a partire dalla legge 328. Secondo il relatore, dalle riflessioni è emerso che è necessario passare dalle 3 tipologie finora considerate - istituzionale, gestionale e professionale - , ad un sistema di condivisione, quindi dalla separatezza ad obiettivi comuni.

Leggi tutto

Inquadramento generale degli APQ

Voglio Vivere Così. Il modello di Regione Toscana per la promozione turistica e culturale

Lanciato nel 2008  "Voglio Vivere Così" è il programma di promozione turistica e culturale di Regione Toscana basato su un'infrastruttura tecnologica d'avanguardia e finalizzato a creare sinergia permanente tra settori pubblico e privato, facendo dialogare le filiere del turismo, della cultura e della produzione. Comunicato con strumenti 2.0, fondato sulla convergenza tra Internet, multimedialità e azioni sul territorio, "Voglio Vivere Così" raggiunge turisti di tutto il mondo facendoli approdare sul portale www.turismo.intoscana.it.

Leggi tutto

Un nuovo indirizzo per il turismo italiano

Spesso la pubblica amministrazione non sembra organizzata in dipartimenti quanto piuttosto in compartimenti stagni. Questo deficit di comunicazione – commenta Edoardo Colombo – è particolarmente evidente nel settore del turismo, per sua natura trasversale a una serie di interventi e politiche che vanno dai trasporti all’ambiente ai beni culturali. Nel suo intervento propone un nuovo indirizzo di lavoro, già adottato dal Comitato per l'Innovazione nel Turismo, che lui stesso coordina  per il Ministro del Turismo.

Leggi tutto

Misurare per capire: l’approccio open data per un serio programma di lotta alla corruzione

ISTAT ha siglato con la Scuola Superiore di Pubblica Amministrazione un accordo per avviare un progetto di ricerca finalizzato a misurare il fenomeno della corruzione in Italia. Finora, dice Giovannini, si è fatto poco in questo senso, anche perché la misurazione è tutt’altro che semplice, e non può limitarsi agli episodi di reato. Mettere le informazioni su internet – continua – non risolve il problema della trasparenza, perché solo se i dati vengono messi a disposizione in formato elaborabile possono essere utilizzati per fare accountability.

Leggi tutto