Cerca: e-learning

Risultati 81 - 90 di 93

Risultati

Organizzazione, competenza e tecnologia nella PA

Quando la PA si pone obiettivi strategici, afferma Alberto Marinelli, deve tenere in considerazione che organizzazione, competenze e tecnologie sono fattori interdipendenti. Si parla molto di e-Government e di tutte le strategie d’intervento per favorire la trasformazione digitale della PA, ma le aspettative rispetto alle potenzialità delle tecnologie sono ingenue, poiché esse sono solo dei fattori abilitanti che possono risultare utili o non servire affatto.

Leggi tutto

Verso un modello di sviluppo territoriale

I workshop e le attività svolte per lo Sportello per la Montagna e per la sperimentazione di uno Sportello per il Cittadino in area montana fanno parte di un progetto empowerment, finanziato dal Dipartimento della Funzione Pubblica e gestito dal Formez, in collaborazione con Uncem, Formautonomie, Formambiente e Consorzio Lazio ’92.

Leggi tutto

Il modello di Formazione

Il primo breve intervento di Walter Gatti è incentrato sull’utilità della formazione e dell’e-learning nella TV Digitale e sul senso del T-Learning nei processi formativi universitari. Walter Gatti, nel secondo intervento, presenta la K Communication e la sua attività e i progetti realizzati di T- Learning con particolare attenzione agli aspetti formativi sulla piattaforma del Digitale Terrestre e all’elemento di interattività che trasforma l’utente da passivo ad attivo.

Un centro servizi per il digitale a Torrevecchia Teatina

Maurizio Preziuso presenta Udanet e l’attività di gestione dell’infrastruttura telematica nell’ambito dell’e-learning svolta all’interno dell’Università Telematica “Leonardo Da Vinci” dal un punto di vista tecnico e funzionale.

La programmazione della formazione, premessa essenziale per una amministrazione che cambia

Una delle problematiche principali in materia di formazione nell’ambito delle pubbliche amministrazioni è quello della programmazione delle attività formative.Leggi tutto

Come funzionano i Pocket Salute

Luca De Marchi presenta i Pocket Salute con una rappresentazione video al termine del suo intervento. L’idea di realizzare questo progetto nasce dall’esperienza della ULSS 8 di Asolo maturata precedentemente nel settore dell’e-learning e messa successivamente a disposizione per l’educazione alla salute. Il progetto ha visto il costituirsi di un Comitato Scientifico e l’identificazione di un partner per la realizzazione del programma. L’obiettivo è di mettere la tecnologia al servizio dell’educazione alla salute e quindi delle politiche di inclusione sociale.

Esperienze e prodotti digitali a servizio della popolazione

Jacopo Viscuso introduce il convegno “Le tecnologie digitali e multimediali applicate all’educazione alla salute per la coesione sociale” che vuole essere un momento di raccolta di esperienze e prodotti digitali applicati al settore dell’educazione, dell’e-learning e della sanità resi possibili grazie a strumenti informatici dedicati. Si affronteranno le problematiche legate all’implementazione di questi prodotti.

Una scuola in ospedale

Programmazione ed effettuazione di videolezioni realizzate tra i bambini ospedalizzati e le scuole primarie e secondarie di primo grado. Partecipano inoltre alle videolezioni bambini oncologici dimessi dal nosocomio ma costretti a lunghe degenze a casa tramite l'ausilio di pc portatili acquistati tramite i fondi del progetto.

Interior Architecture Online (IAOL): un percorso formativo integrato su metodi e tecniche di progettazione nell’area dell’architettura di interni

L’iniziativa IAOL è nata dalla cooperazione tra la Facoltà di Architettura Civile del Politecnico di Milano, l’Università di Tianjin e le imprese di Assolombarda, afferma Chiara Molina. Obiettivo del progetto era studiare e sviluppare la ricerca e la didattica nel campo dell’Architecture Design e questa esperienza si è dimostrata estremamente innovativa, grazie proprio al rapporto instauratosi tra il Politecnico di Milano e le aziende radicate nel territorio, che ci hanno dato notevole supporto nell’interpretazione delle esigenze delle città.

Qualità e valorizzazione dei prodotti agro-alimentari tipici italiani: progettazione ed erogazione di un percorso formativo

Andrea Fantini espone i contenuti del progetto che ha coinvolto le Facoltà di Agraria delle Università di Teramo e Bari. Il progetto si è articolato in diverse fasi, dall’indagine sulla conoscenza dei prodotti tipici agroalimentari italiani, in particolare l’olio extravergine d’oliva e il vino Montepulciano d’Abruzzo, condotta sui consumatori del Brasile all’organizzazione di un corso di formazione a distanza della durata di 150 ore, al termine del quale - Ottobre 2006 - è stato offerto agli allievi un periodo di stage da svolgere in Italia.