Cerca: rapporto caio

6 risultati

Risultati

Rapporto Caio: senza continuo impegno del Governo gli obiettivi DAE non saranno raggiunti

Presentato a Palazzo Chigi, il rapporto "Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide". Alla presentazione ha partecipato il Presidente del Consiglio Enrico Letta. Il rapporto è stato illustrato dal commissario di Governo per l'Agenda Digitale, Francesco Caio, da Gérard Pogorel, professore emerito dell’Università ParisTech di Parigi e da Scott Marcus, già advisor della Federal Communication Commission.

Decisivo per il raggiungimento degli obiettivi UE 2020 un ruolo attivo del Governo per il monitoraggio dei piani degli operatori e l’uso dei fondi Strutturali Europei.

Leggi tutto

Mr. Agenda digitale: luci, ombre e crepuscoli

La notizia, data da Enrico Letta con un tweet, di aver arruolato Francesco Caio come “Mister Agenda Digitale” e insieme la nuova governance dell’Agenda digitale che riporta al diretto controllo della Presidenza del Consiglio dei Ministri tutto il processo di attuazione sono senz’altro due positive novità che non possiamo che accogliere con soddisfazione. Avevamo certamente bisogno di un coordinamento “alto” delle attività per l’Agenda e la figura e il curricolo di Caio ci lasciano ben sperare accanto a queste luci vedo però alcune ombre che rischiano di far fallire l’intera operazione.

Leggi tutto

Niente soldi, niente governance: addio alla banda larga?

Due giorni fa Il Comitato Nazionale per la banda larga si è svuotato. Aiip, Fastweb, Wind, Vodafone, Teletu, Tiscali, Welcome Italia e British Telecom, infatti, per protestare contro le linee guida per il passaggio alla fibra ottica pubblicate dal Comitato stesso a inizio settembre, hanno dichiarato di voler abbandonare il tavolo. In pratica rimane solo Telecom.

Leggi tutto

Rapporto Caio: censimento delle reti, scorporo telecom e “banda larghina”

L’infrastruttura a banda larga è una necessità per il paese e la politica deve fare la sua parte. Questa, in estrema sintesi, la risposta che Francesco Caio ha offerto, con il suo Rapporto, al suo committente: il Ministero per lo Sviluppo Economico, nella persona di Paolo Romani, già Sottosegretario, ora Viceministro alle Comunicazioni.
Al rapporto Caio, infatti, si chiedeva di analizzare quale fosse l’attuale situazione del nostro paese in tema di infrastrutture di rete, che tipo di scenari si profilassero all’orizzonte e che tipo di direzione si dovesse dare alle politiche pubbliche in tema di sviluppo della rete.

Leggi tutto

Banda larga: per Brunetta non servono maggiori investimenti

Lo scorso 9 giugno il ministro Brunetta ha sostenuto la necessità di innovare la PA valorizzando le risorse e le infrastrutture che già esistono. L'innovazione a costo zero, sostiene Brunetta, è possibile, ma come la mettiamo con lo sviluppo della banda larga e dei servizi interattivi sulla rete su cui l'Italia arranca?

Leggi tutto

Il "Rapporto Caio": Portare l’Italia verso la leadership europea nella banda larga

Il 12 marzo scorso è stato consegnato al Governo il Rapporto di Francesco Caio (intitolato Opzioni di politica industriale per la banda larga) che analizza, in un centinaio di pagine, la politica industriale del nostro Paese riguardo la rete e si interroga sulle strategia per capire dove l’Italia vuole collocarsi tra 5-6 anni nel mercato della broad band, in termini di copertura e penetrazione della fibra per le comunicazioni.

Il Rapporto Caio suggerisce tre opzioni:

Leggi tutto