Cerca: Governance, GIS

5 risultati

Risultati

iSIT - Piani Regolatori del S.I.T.R.

isitNome applicazione - iSIT - Piani Regolatori del S.I.T.R.

Amministrazione proponente - Regione Siciliana - Assessorato del Territorio e dell'Ambiente

Leggi tutto

La cooperazione interregionale sui sistemi informativi geografici

L'Assemblea del Cisis nella seduta del 12 settembre 2007 ha approvato il nuovo Statuto che prevede l'inserimento della componente dei sistemi informativi geografici, che costituivano il Centro Interregionale di coordinamento e documentazione per le informazioni territoriali, assicurando in tal modo una sempre maggiore funzionalità del Centro nell'interesse degli Associati e garantendo il necessario supporto alla Commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome.Leggi tutto

Innovazione cooperativa: il caso Italia 3D

Come esempio di cooperazione applicativa, viene presentato il sito web Italia 3D, che si basa su un software prima sperimentato e applicato dalla sola regione Sardegna e poi messo a disposizione delle altre regioni. Si tratta di uno strumento molto utile dal punto di vista turistico e informativo. Il software permette la navigazione tridimensionale sui diversi territori, insomma una specie di “google earth italiano”.

Leggi tutto

I sistemi informativi come strumenti per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali

I sistemi informativi, realizzati nell’ambito del patrimonio culturale ed orientati al cittadino come utilizzatore finale, non rappresentano solo un servizio per la valorizzazione dei beni culturali ed archeologici, ma, come sostiene l’architetto Recchia, sono anche legati alla domanda, ancora inespressa, di tutela e conservazione, al quale si sta tentando di dare una risposta, attraverso il lavoro della Commissione.Leggi tutto

Il sistema informatico geografico della Regione Campania

De Caro descrive l’esperienza che la Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Regione Campania ha messo in atto, attraverso una campionatura dei suoi siti d’interesse, con l’obiettivo di realizzare un sistema informatico geografico territoriale, su base cartografica georeferenziata, come uno strumento per la conoscenza, controllo e salvaguardia delle aree archeologiche e di creare un ambiente tecnologico, in collaborazione con gli organi istituzionali di tutela, con gli enti locali, e con le istituzioni di ricerca, come servizio di pubblica utilità.