Cerca: Governance, Atti FORUM PA 2010

Risultati 101 - 110 di 123

Risultati

Il regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici: le novità nel settore dei lavori pubblici

Con l’imminente varo del regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici si completa la riforma nel vasto settore degli appalti pubblici e della contrattualistica in generale. Il regolamento introduce rilevanti modifiche nel settore degli appalti di lavori. Il master è diretto in particolare all’illustrazione delle novità in tema di attestazione SOA (aumento delle categorie specialistiche, delle classifiche di iscrizione, rafforzamento dei compiti dell’Autorità, ecc.), sul versante della qualificazione in gara in relazione alla subappaltabilità delle S.I.O.S.

Leggi tutto

Il regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici:le novità nel settore dei lavori pubblici

Con l’imminente varo del regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici si completa la riforma nel vasto settore degli appalti pubblici e della contrattualistica in generale. Il regolamento introduce rilevanti modifiche nel settore degli appalti di lavori. Il master è diretto in particolare all’illustrazione delle novità in tema di attestazione SOA (aumento delle categorie specialistiche, delle classifiche di iscrizione, rafforzamento dei compiti dell’Autorità, ecc.), sul versante della qualificazione in gara in relazione alla subappaltabilità delle S.I.O.S.

Leggi tutto

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "sociali"

Nella sfera sociale sono notevoli i cambiamenti che il 2.0 introduce, come spiega Fiammetta Mignella Calvosa nel suo intervento. Cambia la relazione, la percezione e la misurazione dello spazio così come la percezione e la misurazione del tempo. Cosa succede alle relazioni e ai modi di lavorare quando il 2.0 si cala nella PA? Alla catena delle funzioni si sostituisce quella delle responsabilità, al principio del precedente la partecipazione e le regole condivise. Si aprono  - però  - anche nuove questioni sociali mentre si delineano nuovi ruoli.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Lo scenario

Domenico Laforenza introduce il convegno “Comunicare 2.0: dalla carta al bit”, sottolienando i grandi cambiamenti che il 2.0 sta portando in campo sociale ed economico. Al centro della sua riflessione gli hot topics del web 2.0 summit di San Francisco. “Le opportunità sono incredibili – afferma – ma su questa strada ci sono questioni che vanno tenute sotto controllo.” Una su tutte, la privacy.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Il caso Registro.it

Anna Vaccarelli presenta il Il Registro.it, il nuovo sistema di registrazione dei domini a suffisso .it e la campagna di comunicazione che porta lo stesso nome. "Registro.it  ha portato una serie di cambiamenti importanti - spiega - in termini di procedure, di immagine e di comunciazione". Presentando la campagna di comunicazione collegata, ne illustra gli obiettivi: contribuire alla diffusione della cultura di Internet  e a un uso consapevole della rete oltre che alla valorizzazione dei nomi a dominio a suffisso .it .

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "legali"

Patrizio Menchetti offre una dettagliata presentazione dell’impatto giuridico di un apporccio 2.0 alle attività di comuncazione.  In sintesi, sono due le aree interessate: privacy e tutela dei minori e proprietà intellettuale. Nel dare i riferimenti giuridici a livello nazionale e comunitario, individua le responsabilità emergenti in materia civile  e penale così come  le principali sanzioni amminsitrative.

Comunicare 2.0: dalla carta al bit. Gli aspetti "informativi"

Attraverso l’esperienza del CNR, Marco Ferrazzoli affronta la questione del “quanto pesano digitale, affini e dintorni nella comunicazione di un ufficio stampa della Pa”. In questo contesto riporta i lavori in corso al CNR, sottolineando i passi in avanti verso un approccio 2.0 pur riconsocendo le criticità: dalle resistenze interne all’insufficienza di relazioni con il mondo di blog e social network.

Banche Dati e fiscalità: la condivisione dei dati diventa centrale

I progetti ELIS-FIS, ELIS-CAT  spesso vengono visti principalmente come strumenti per la lotta contro l’evasione fiscale, ma l’obiettivo più importante e fondante di tali progetti è rappresentato dalla lotta all’elusione fiscale. Lo strumento, alla base del raggiungimento di questo obiettivo, è la realizzazione di banche dati che siano ordinate, complete, integrate e sottoposte a continui aggiornamenti attraverso meccanismi automatici.

Leggi tutto

Il portale territoriale del contribuente e l’integrazione nel progetto ELISA. Il caso del Comune di Padova

Alberto Corò riporta le modalità con cui il Comune di Padova ha effettuato l’integrazione del Portale Territoriale del Contribuente nel progetto ELISA

Federalismo Fiscale ed Enti Locali: il ruolo delle Regioni

In un contesto di attuazione del federalismo fiscale, le regioni si trovano tra l’incudine e il martello: si trovano cioè tra il modello di uno stato che vuole trasferire le competenze ma non il potere della conoscenza e i comuni che, avendo l’obbligo di svolgere delle funzioni, chiedono supporto e coesione dalle regioni stesse.

Leggi tutto