Cerca: Governance, Atti FORUM PA 2007

Risultati 1 - 10 di 133

Risultati

Analisi statistica quale strumento di programmazione – Rapporto annuale della Provincia di Roma

L’intervento di Teresa Ammendola è teso a rendere note le modalità e scopo dell’ingresso dell’analisi statistica all’interno delle Amministrazioni locali.

Leggi tutto

Analisi del Rapporto annuale statistico della Provincia di Roma

Aldo Santori, mostra in che modo e a quale scopo, all’atto pratico, i dati relativi ad una determinata popolazione vengano analizzati sotto l’aspetto demografico, lavorativo, economico e della mobilità. Analizzando, infatti i dati relativi alla popolazione della provincia di Roma e della Regione Lazio, relativi al periodo dal 1991 ad oggi, sono state elaborare previsioni e proiezioni dei possibili scenari futuri relativi all’incidenza della popolazione nel territorio.Leggi tutto

Lo scambio di informazioni tra l’Agenzia del Territorio e il demanio marittimo

Antonio Iovine illustra la struttura e la missione dell’Agenzia del Territorio. Spiega come è avvenuto il passaggio di dati dal Ministero dei Trasporti all’Agenzia e viceversa. Sottolinea come la cartografia informatica aggiornata riesca a dare evidenza della linea demaniale marittima. Descrive l’acquisizione informatica dei fabbricati e spiega il meccanismo e i servizi di interscambio dati tra il sistema informativo dell’Agenzia del Territorio e il sistema del Demanio marittimo.

Il Sistema Informativo del Demanio come strumento a supporto della gestione del territorio

Cosimo Caliendo presenta il sistema informativo del Demanio Marittimo e ne spiega l’architettura e le finalità tra le quali rappresentare le caratteristiche geometriche del territorio e dare evidenza del loro uso. Descrive la collaborazione con il Catasto per la raccolta di dati e informazioni. Parla del mutamento degli assetti istituzionali e organizzativi a seguito del trasferimento alle Regioni le funzioni in materia di demanio marittimo. Illustra i servizi che possono essere resi ai cittadini attraverso il sistema informativo del demanio marittimo.

Il sistema informativo del Demanio marittimo: una banca dati integrata

Luigi Mete descrive il quadro delle amministrazioni coinvolte nella definizione del sistema informativo del Demanio marittimo (SID). Spiega che questo consta di una banca dati intergrata capace di gestire dati di natura cartografica e amministrativa. Descrive la mole di beni censiti. L’univoca identificazione dei beni del demanio marittimo sul territorio ha reso possibile la ricostruzione documentata della linea giuridica che separa il demanio marittimo da terzi. Illustra le fasi di acquisizione dei dati e i vincoli di interessi. Spiega le funzionalità del SID.

Il sistema informativo per la gestione del demanio marittimo: controllo del territorio e servizi ai cittadini

Alberto Migliorini parla del sistema informativo per la gestione del demanio marittimo e ne evidenzia la caratteristica di interoperabilità che ne amplia le funzionalità estendendole anche alla lotta all’abusivismo. Definisce gli aspetti positivi per il miglioramento delle capacità di gestione e controllo del territorio e sottolinea l’opportunità di offrire un’informazione integrata ai cittadini. Aggiunge la necessità di definire un sistema che sia in grado di rispondere alle esigenze proposte dal contesto di riferimento.

Il Cnipa e il progetto di gestione del demanio marittimo

Elettra Cappadozzi descrive le fasi del progetto per la gestione del demanio marittimo. Considera positivamente il lavoro fin qui svolto, grazie anche al fatto di avere adottato una metodologia uniforme sul territorio nazionale. Descrive alcuni aspetti del sistema informativo del demanio marittimo (SID) e ne sottolinea le caratteristiche di interoperabilità con altri sistemi e banche dati. Parla della standardizzazione dei dati territoriali contenuta nel codice per l’amministrazione digitale.

Il censimento degli archivi amministrativi e le disomogeneità del sistema italiano

Carmelo Carlino evidenzia la situazione a macchia di leopardo in cui si trovano le Province italiane. Aggiunge che la costituzione di un ufficio di statistica provinciale è un importante strumento di controllo interno. Traccia i confini operativi e evidenzia opportunità e problematiche del progetto di censimento degli archivi. Porta la testimonianza della collaborazione al progetto della provincia di Genova. Sottolinea la necessità di individuare ruoli di responsabilità per gestire le banche dati prodotte.

I sistemi informativi e le ricerche statistiche: strumenti fondamentali per la semplificazione della pubblica amministrazione.

Manlio Calzaroni descrive la costituzione del Sistema Statistico Nazionale (Sistan) e lo spirito che anima l’Istat nel progetto di censimento degli archivi amministrativi delle Province. Sottolinea la necessità di sviluppare una cultura della collaborazione interistituzionale. Accenna al progetto “Cento indicatori per cento Province” in riferimento alla possibilità di scardinare le ataviche barriere autoreferenziali interne alle amministrazioni.

Leggi tutto

Gli archivi amministrativi delle pubbliche amministrazioni una risorsa da censire

Gaetano Palombelli illustra un progetto sviluppato dal CUSPI (Coordinamento degli uffici di statistica delle province) con il supporto dell’ISTAT per il censimento degli archivi amministrativi delle Province. Spiega che l’obiettivo del progetto è consolidare l’uso degli archivi come risorsa indispensabile alla produzione statistica, per la semplificazione e per la riduzione degli oneri per i cittadini. Presenta il progetto “Cento indicatori per cento Province”. Propone l’agenda della giornata e i relatori ospiti.