Cerca: Efficienza, istruzione

Risultati 1 - 10 di 11

Risultati

  • Cod. ws.115
  • 28/05/2015
  • 16:00 - 17:45

SCHOOL IS COOL: #sipuòfarecon ... i percorsi digitali condivisi tra Molise ed Emilia Romagna

in collaborazione con Regione Molise e Regione Emilia-Romagna
  • Cod. ws.21
  • 28/05/2015
  • 11:45 - 12:15

Erasmus +. Il Programma dell’Unione per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport

Serve un nuovo modello educativo, l'educazione per la vita

È dal 1977 che in Italia non si registra un tasso di disoccupazione giovanile così elevato, oltre il 35 per cento. Il lavoro è finito? Come aveva predetto anni fa l’economista Jeremy Rifkin, c’è sicuramente un lavoro che è finito, quello legato alla carriera e agli scatti di anzianità, all’occupazione unica di tutta una vita. Insieme alle nuove generazioni, a partire dalla scuola, dobbiamo imparare ad essere job creator, il lavoro si crea. Ma come? Da dove cominciamo? Se è vero che i mestieri del futuro non esistono ancora, non bastono le competenze digitali. Serve un nuovo modello educativo e uno strumento per diffonderlo sul territorio, dal basso. Per questo abbiamo lanciato la Rete nazionale delle Palestre dell’Innovazione, per una cultura diffusa dell’educazione per la vita. Servono conoscenze, competenze e valori.

Leggi tutto
  • Cod. lab.48
  • 10/05/2011
  • 15:00 - 15:30
  • Padiglione 9
  • Stand 1A

Un episodio di Archeologia Industriale posto alle sorgenti del Volturno “La cartiera S. Bernardo”

  • Cod. lab.124
  • 17/05/2010
  • 13:30 - 14:30
  • Padiglione 8
  • Stand 8A

Eventi d’Autore. Leggere CON la PA.

Promuovere la cultura scientifica e tecnologica nella Scuola

Bruno Pagnani presenta il tema del convegno, che ha l’intento di promuovere la cultura scientifica e tecnologica nella scuola, considerata un sottosistema del sistema Paese e che, pertanto, deve essere contestualizzata. Parlando di divulgazione scientifica, si può paragonare la scuola ad un sistema di equazione. È importante considerare la scuola come una variabile dipendente per cui, se ogni variabile influenza tutte le altre variabili, solo trovando un punto di equilibrio si può giungere alla risoluzione del sistema.

L’esperienza di Microsoft Italia nella promozione della cultura tecnologica

Stiamo assistendo, oggi, ad una profonda trasformazione dal punto di vista sociale che ha come denominatore comune la tecnologia. Se pensiamo alla comunicazione con strumenti di messanging, al processo di pubblicazioni di idee tramite blog possiamo vedere come il fenomeno stia cambiando le attività sociali. La scuola, in qualità di sottosistema, si è ambientata in questa realtà sociale, anche se, ancora oggi, non si è diffusa quella tecnologia che permette di supportare la conoscenza nelle forme più avanzate a disposizione.Leggi tutto

La gestione integrata dei patrimoni scolastici comunali: l’esperienza del Comune di Reggio Emilia

Sandra Piccinini presenta l’esperienza di Reggio Emilia che nel 2003 ha affidato il sistema educativo da zero a sei anni all’Istituzione Scuole e Nidi d’Infanzia, uno strumento previsto dalla legge per la gestione dei servizi pubblici non a rilevanza imprenditoriale. Si è trattato del primo processo di innovazione gestionale poiché all’Istituzione, che ha un proprio bilancio di 25 milioni di euro, sono state affidate 32 tra scuole e asili nido ed un patrimonio immobiliare formato da 62 immobili che accolgono più di 5000 bambini.Leggi tutto

La cultura scientifica e tecnologica come metodo ed approccio scientifico sperimentale

Nel nostro Paese, afferma Berlinguer, sia nell’apprendimento delle giovani generazioni che nella vita dell’amministrazione, è indispensabile introdurre la cultura scientifica intesa come mentalità, approccio, metodo scientifico e tecnologico e, quindi, cambiare il modo di lavorare e di apprendere. L’impianto scolastico e l’impianto amministrativo, interfacciati specularmente, hanno sempre lavorato per verità rivelate, ponendo l’operatore nella condizione inerme e non creatore della realtà, che applica le direttive degli altri.Leggi tutto

Ruoli fondanti dei percorsi tecnico-scientifici nelle scuole

Nel suo intervento, Sedioli evidenzia come si renda necessario valorizzare il metodo induttivo e affermare l’essenzialità della pratica dei laboratori. Il tema della gestione dei laboratori è altamente delicato in quanto investe la responsabilità della scuola in materia di aggiornamento, non solo di tipo materiale e strumentale quanto piuttosto di evoluzione della tecnica che, di per se, è in grado di cambiare il rapporto formativo tra conoscenze teoriche e capacità di tradurre tali conoscenze in operatività.