Cerca: Efficienza, servizi pubblici locali

Risultati 1 - 10 di 18

Risultati

Multiutility a confronto: è possibile rendere i servizi pubblici più intelligenti?

Lampioni e cassonetti intelligenti, smart grid, mobilità elettrica e telecontrollo, riduzione degli spechi alimentari e marketing digitale. Le soluzioni più “smart” dal punto di vista tecnologico per i cittadini le gestiscono le multiutility ossia tutte le aziende che sul territorio gestiscono e distribuiscono i servizi, dai rifiuti all’erogazione dell’acqua del gas o dell’elettricità. Il 17 ottobre a SMART City Exhinbition 2013 i più grandi attori del sistema si sono incontrati per discutere sui servizi intelligenti. Perché una città è smart solo se i suoi cittadini la percepiscono come tale.

Leggi tutto

Servizi pubblici tra garanzia di accesso e riduzione dei costi. Seminari formativi a FORUM PA 2012

Il tema della gestione dei servizi pubblici e degli "aiuti di stato" è di estremo interesse per tutti gli amministratori locali e i tecnici. Amministrazioni centrali e regionali, enti locali, camere di commercio, ed ogni altro ente che attribuisce incarichi per lo svolgimento di servizi pubblici, i loro responsabili e i dipendenti, così come le imprese incaricate e i loro manager sono interessati dalla entrata in vigore del nuovo pacchetto e dalla nuova filosofia che sta alla base dello stesso. Il 20 dicembre 2011, la CE ha adottato il nuovo pacchetto di norme sugli aiuti di Stato per i servizi di interesse economico generale che sostituisce il cosiddetto "pacchetto Monti-Kroes" del luglio 2005. Il Dipartimento per le Politiche Europee organizza a FORUM PA 2012 una serie di seminari fromativi che puntano a fare chiarezza e a fornire un sapere utile e necessario a chi si trova a dover affrontare amministrativamente questo tema. Valerio Vecchietti, Dirigente del Servizio concorrenza e aiuti di Stato del Dipartimento per le Politiche Europee ci offre una piccola anticipazione di quello che ci sarà.

Leggi tutto

Più privato nei servizi pubblici: i comuni virtuosi smantellati dal decreto Ronchi

In Italia spesso fanno più notizia le inefficienze, gli sprechi e la cattiva gestione dei servizi pubblici che le buone prassi che, invece, ci sono e sono numerose, ma che ora rischiano di essere cancellate a causa di un decreto. La denuncia parte da Marco Boschini dell’Associazione dei “Comuni Virtuosi*” che, preoccupato, chiede di non fare “d’ogni erba un fascio”.

Leggi tutto

Introduzione al convegno “Servizi Pubblici e sostenibilità: un contributo del Formez”

Il sistema pubblico si trova in una fase di innovazione, di trasformazione delle modalità di produzione e gestione dei servizi. All’interno di questa fase, che vede attivi i processi di esternalizzazione, liberalizzazione, incremento di competitività; la gestione eco-compatibile delle risorse è stata considerata come una delle variabili della qualità della servizio offerto dalle PA, capace di incidere, nel complesso, sulla qualità della vita del cittadino. Tina Quarto – FORMEZ – introduce il testo di ultima pubblicazione del Formez: “Sostenibilità, competitività ai servizi pubblici”.Leggi tutto

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi è uno strumento con il quale l’azienda descrive i livelli di prestazione del servizio offerto e le modalità con cui, rispetto a quei livelli, intende articolare la propria offerta gestionale, indicando gli strumenti con i quali misurare il servizio erogato per consentire all’utente eventuali reclami e modalità di ristoro rispetto all’inefficienza della gestione dei servizi offerti. La Carta dei Servizi si configura, dunque, come uno strumento di relazione tra il gestore del servizio pubblico e gli utenti.Leggi tutto

Pubblico, privato e... : cosa non può mancare nei servizi pubblici

In un momento così triste in cui tante vite sono finite in un rogo infernale a Viareggio credo che, tenendo alla larga le polemiche e le facili strumentalizzazioni da sciacalli, non possiamo però fare a meno di interrogarci, da osservatorio specializzato sull’azione pubblica quale noi siamo, sulla direzione che rischia di prendere l’intero comparto dei servizi pubblici. E intendo per servizio pubblico non tanto o non solo i servizi offerti dalle PA o da società di capitale pubblico, ma ovviamente tutti quei servizi che garantiscono diritti inalienabili dei cittadini: istruzione, salute, giustizia, mobilità, cultura, accesso alla rete, partecipazione, informazione...

Leggi tutto

Progetto IQuEL: servizi pubblici efficienti, misurare per credere

Per sapere se un servizio è veramente efficiente servono essenzialmente due controprove: il grado di soddisfazione degli utenti e indicatori condivisi per verificarne la qualità. Questa è la filosofia di IQuEL (Innovazione e Qualità erogata e percepita dagli Enti Locali), un progetto, di cui è capofila il Comune di Parma, nato per mettere a punto un sistema che definisca e quantifichi il grado di efficienza dei servizi resi dalla pubblica amministrazione ai cittadini e contribuisca così a migliorare le modalità di erogazione.

Leggi tutto

Practice 1: Patrimoni scolastici & Società in house

La ASUB Spa è una delle prime società in Italia costituita in house providing, con la finalità di portare avanti un programma di censimento, monitoraggio, manutenzione del patrimonio immobiliare scolastico della Provincia di Napoli, con logiche di multiservice e global service.Leggi tutto

Gli appalti e l’in house

Quello dei rapporti tra gli appalti e l’in house è uno dei settori in cui l’intreccio fra diritto privato e diritto pubblico è maggiore ed in cui sono più evidenti gli aspetti di criticità. Marco Lipari nel suo intervento sull’affidamento in house e sullo schema delle società miste illustra il quadro di riferimento normativo sia di derivazione comunitaria che di diritto interno evidenziandone le incertezze interpretative.

Ruolo e prospettive delle aziende di servizi pubblici

Bruno Spadoni riflette sugli esiti delle riforme degli enti pubblici locali. Si tratta di un processo riformatore molto lungo. Le imprese risentono del periodo di maggiore instabilità dell’assetto normativo. Spadoni analizza il disegno di legge Lanzillotta e sottolinea come, al pari del decreto Burlando e del decreto Letta, si collochi sul filone della sussidiarietà e della concorrenza nel mercato. Leggi tutto