Cerca: Efficienza, project management

Risultati 1 - 10 di 11

Risultati

Lavorare per progetti nella PA "riformata": l’esperienza del Policlinico di Modena

Quali sono gli strumenti per una corretta gestione aziendale all’interno delle pubbliche amministrazioni? E quali i cambiamenti necessari per poter applicare davvero la riforma Brunetta? Secondo Gianfranco Baraghini - direttore dell’ufficio Programmazione, controllo, direzione e sistema delle regole aziendali del Policlinico di Modena - la differenza tra il dire e il fare si può riassumere in quattro parole d’ordine: semplicità, responsabilità individuale, trasparenza e valutazione del merito. Esattamente le parole che stanno alla base del progetto di project management adottato dalla Direzione Generale del Policlinico di Modena e di cui Baraghini è responsabile.

Leggi tutto

Project Management e Pubblica Amministrazione

Project Management e Pubblica Amministrazione
13 Novembre 2008 - Roma, ore 09.00 - 13.00
Aula Magna della LUISS Business School, Via Pola, 12

Leggi tutto

3 miliardi di investimenti nell’e-Government, troppi o troppo pochi?

Ieri è stato presentato il rapporto 2008 dell’Assinform che, tradizionalmente, fa il punto sullo stato di salute del settore ICT in Italia.  Bisogna dire che, come ahimè spesso succede in questo periodo, i dati non sono gran che confortanti.

Leggi tutto

Le caratteristiche e le fasi di implementazione del Portale Nazionale delle Scuole

Per Rosita Bacchelli il portale federale nell’ambito del progetto “Scuola e servizi” nasceva con un carattere sperimentale e doveva essere necessariamente scalabile perché non era possibile prevedere il grado di risposta delle scuole all’iniziativa. Il progetto, gestito da un gruppo costituito dal responsabile dell’Amministrazione, dal responsabile del fornitore CINECA e dalla Redazione Centrale, prevede una elaborazione progressiva eseguita con la tecnica della pianificazione a finestra mobile.

Leggi tutto

Capability Maturity Model Integration: origini, esperienze e prospettive

Il modello CMMI è un capability maturity model per i processi di sviluppo e manutenzione del software, afferma Luigi Buglione, che trae origine da un testo di Philip Crosby, intitolato ‘Quality is free’ e apparso nel 1979. Crosby formulava una matrice di maturità organizzativa, una ‘Quality Management Maturity Grid’, basata su criteri misurabili in una scala di 5 livelli. Questa griglia venne rielaborata nel 1985 per il mondo software da un gruppo di ricercatori dell’IBM nella ‘Process Grid’.Leggi tutto

Il supporto della società Schema nel processo di selezione di Unioncamere

Cristiana Genta racconta in che modo la società Schema ha supportato Unioncamere nel processo di selezione. Nel momento in cui sono state definite le posizioni ricercate e si è passati alla pianificazione delle fasi del processo valutativo, la società di consulenza si è occupata della costruzione delle prove all’interno del laboratorio formativo e del loro coordinamento, gestione e monitoraggio. Nel condurre queste attività c’è stata una forte collaborazione con la committenza per garantire in qualsiasi momento la coerenza con il contesto generale di riferimento.

Il modello COBIT 4.1

Leonardo Nobile presenta COBIT, Control OBjectives for Information and Related Technology, un modello orientato ai processi per il governo dell’IT che si focalizza sugli obiettivi di business e sulle modalità con cui l’IT supporta il loro raggiungimento.Leggi tutto

Introduzione all’ITIL - Information Technology Infrastructure Library

Annamaria Iannelli presenta l’attività dell’associazione IT SMF per diffondere ITIL in Italia. ITIL è uno standard che si propone di portare ordine e sistematicità nell’ambito dei servizi IT per consentire l'erogazione di servizi di qualità nel rispetto del controllo dei costi. Nato nel 1989 nell’ambito del CCTA (Organismo tecnico del Governo inglese), ITIL è, in sostanza, un insieme di indicazioni e di linee guida per organizzare ed erogare al meglio (best practice) i servizi informatici.Leggi tutto

L’attività del PMI

Vi è una differenza sostanziale tra standard e applicazione: lo standard è la filosofia che sta dietro l’applicazione, afferma Annamaria Felici. Il PMI lavora sulla realizzazione degli standard e attualmente è impegnato sul nuovo release del PMBOK del 2008, sullo standard di program management, quello di portfolio management, lo standard dei modelli di maturità, il PM3 che, rispetto al CMMI, è ampliato a livello mondiale, e sui modelli di competenze.Leggi tutto

Il caso Inail: una best practice

Alessandro Di Agostino ci parla dell’impostazione adottata dall’Inail in tema di requisiti, test e collaudo del software. I progetti realizzati dall’Inail sono in genere piuttosto grandi e durano almeno un anno. È ovvio che i requisiti tendono a cambiare nel corso del tempo, tanto più in considerazione del fatto che ogni progetto è suddiviso in subprogetti, ognuno dei quali con dei propri requisiti. Il sistema è quindi complesso e vi agiscono partner diversi per arrivare ad un collaudo che generalmente è unico.Leggi tutto