Cerca: Accountability, facebook

10 risultati

Risultati

Washington DC, dai social arriva il voto in pagella

Il nuovo Alcoholic Beverage Regulation Administration si prende una bella F; raggiungono appena la sufficienza il Department of Motor Vehicles e il Department of Public Works. E la libreria pubblica? Si merita una A. Ricordate le vostre pagelle scolastiche? Un difficile banco di prova per i meno diligenti, alzi la mano chi ne avrebbe fatto volentieri a meno. L’amministrazione di Washington D.C. lancia Grade.DC.Gov, piattaforma che monitorando le lamentele e i commenti postati dai cittadini sui social trae suggerimenti, ma anche giudizi. E così se a luglio 2013 la media era bassa, oggi le cose vanno meglio perché nel Distretto di Columbia la pagella non fa più paura, anche se i voti li danno i cittadini.

Leggi tutto

Social network e PA, a volte funziona: guardate il Comune di Milano

Il Comune di Milano si distingue sui social per la capacità di coinvolgere, attraverso elementi ludici e visivi, i propri cittadini. Un bell'esempio di social PA a cui hanno contribuito due giovani comunicatori: Paola Bonini, responsabile del social media team, e Alessio Baù, responsabile dei contenuti, che ci spiegano come si crea un racconto della città con volontà politica, formazione e..indovinate? Partecipazione civica. Entriamo in modalità display.

Leggi tutto

Le pa e i social network: ecco la prima ricerca quali-quantitativa

L’affezione degli italiani ai social network ha avuto un impatto tangibile sulle aziende commerciali, ma quanto sta influendo sulla capacità delle Pubbliche amministrazioni di ripensare il rapporto col cittadino? Per comprendere lo stato della presenza sui social media dei comuni capoluogo, io e Giovanni Arata (ricercatore freelance già noto per i rapporti su Facebook e Twitter della serie #socialPA) abbiamo svolto un'indagine quali-quantitativa sulle loro performance. Grazie allo strumento di analisi Social Analytics di Blogmeter, per la prima volta, siamo riusciti a raccogliere oltre 200.000 dati prodotti dalle attività di queste amministrazioni su Facebook e su Twitter nell'arco di 3 mesi (1 novembre 2012 - 31 gennaio 2013).
Ecco le evidenze principali emerse, che potranno essere approfondite scaricando la ricerca completa.

Leggi tutto

Facebook PA. La sintesi di Giovanni Arata @Barcamp InnovatoriPA 2012

Facebook PA è il rapporto curato da Giovanni Arata, ricercatore free lance, che mappa e analizza la presenza delle amministrazioni italiane (comuni, province e regioni) sul più popolare social network. Le presenze si attestano tra 1200 -1300 su ben 21 milioni di account italiani registrati, ma ci sono alcune good news. Ad esempio in un tessuto caratterizzato da molti piccoli centri, come quello italiano, ci sono piccoli comuni e province che fanno un lavoro egregio sui social media. E i funzionari, sono abbastanza social? E, ancora, chi gestisce Facebook nelle diverse amministrazioni? La sintesi nell’intervista a Giovanni, a margine dei lavori del Barcamp InnovatoriPA 2012, il 18 maggio a FORUM PA 2012.

Leggi tutto

Si può fare Customer Satisfaction su Facebook?

Si può fare customer satisfaction su Facebook? Con 21 milioni di italiani su Facebook (dati al 29 febbraio 2012, vincos.it) la domanda, per le amministrazioni impegnate sul fronte del miglioramento dei servizi, si fa legittima per non dire urgente. Con Giovanni Arata, analista internet e freelancer che da tempo monitora la presenza delle amministrazioni italiane sui principali social network, Facebook per l’appunto e Twitter, abbiamo provato a rispondere. In teoria ma soprattutto in pratica.

Leggi tutto

Come ti truffo lo Stato a tempo di musica. E poi con Facebook mi faccio beccare

Due signore liguri risultavano “malate” e quasi immobili da tempo, invece la sera si scatenavano in balli e canti e poi postavano le loro prodezze sulla bacheca personale del social network: così sono state scoperte dalla Guardia di Finanza e denunciate per truffa ai danni di Inps e Inail. Morale: le bugie hanno le gambe corte, e anche per questo scatenarsi in discoteca non conviene. Fra l’altro, essere presi in giro e a suon di musica, di questi tempi, è del tutto insopportabile.

Leggi tutto

Non sempre i cittadini vogliono alzare il telefono. Su Facebook per migliorare i servizi pubblici locali

Che milioni di cittadini siano su Facebook non è una novità. Che ci passino tanto tempo con le motivazioni più disparate non è propriamente affare della pubblica amministrazione, se non fosse che questo frequentatissimo spazio sociale può essere facilmente usato per migliorare i servizi pubblici. Così si accende la lampadina dell’eureka statunitense, ancora una volta, e succede che il team CivicPlus, specializzato nel web delle amministrazioni locali, sviluppa un'application che si chiama Citizen Request Tracker (CRT), gratuita e facile da scaricare dal proprio profilo Facebook. Per fare cosa? Per inviare segnalazioni di malfunzionamento o incuria (dall’illuminazione pubblica ai cani randagi) nella propria città, mantenendo traccia delle richieste, delle risposte e delle comunicazioni di follow up. 

Leggi tutto

Se i social network ti si rivoltano contro: il caso della moschea di #Sucate

Chi frequenta i social network si sarà accorto che da ieri pomeriggio circolano curiosi messaggi su un fantomatico (ed inesistente) quartiere di Milano di nome “Sucate” e sulla sua via principale: via Giandomenico Puppa. Sono gli strascichi di una piccola gaffe fatta su Twitter dall’uscente sindaco di Milano Letizia Moratti. Un esempio di come usare in maniera poco corretta gli strumenti sociali della rete possa causare più danni che benefici.

Leggi tutto

Più di 500.000.000 i cittadini su Facebook, e la PA? Elizabeth Linder, Facebook Europe

Elizabeth Linder Responsabile Public Policy di Facebook Europe ci è venuta a trovare al Barcamp Innovatori PA 2011 a FORUM PA 2011.
Il tema della giornata era “PA e social web”…dunque nessuno può negare di aver pensato, per associazione di idee, a Facebook innanzitutto. E così lei, arrivata direttamente da Londra dove lavora, si è detta entusiasta di essere presente in questa occasione un po’ speciale di incontro e lavoro collaborativo tra gli innovatori della PA italiana.

Leggi tutto

I politici non sanno usare la rete

La politica italiana ha scoperto la rete? A giudicare da una ricerca della Sapienza di Roma coordinata dal professor Stefano Epifani sembrerebbe proprio di no, o meglio, i politici l’hanno scoperta ma non sanno usarla e la temono. Scarso uso dei blog, poco coinvolgimento degli utenti, un po’ di facebook giusto per seguire la moda, ma davvero poco marketing relazionale. E pensare che qualcuno negli Stati Uniti ci ha vinto le elezioni con internet…

Leggi tutto