Cerca: Accountability, Atti FORUM PA 2007

Risultati 61 - 70 di 159

Risultati

Comunicare la salute: l’innovazione per la prevenzione e la promozione della salute

Per Giuseppe Fattori è fondamentale comunicare la salute: stili di vita appropriati, un’alimentazione varia, attività fisica. In Europa 5 milioni di persone muoiono per malattie cardiovascolari e un altro milione di cancro, per cause che già conosciamo - ipertensione, tabacco, alcool. È quindi fondamentale comunicare bene, tenendo conto soprattutto della concorrenza, della pubblicità televisiva per bambini che ne altera la piramide alimentare, così come dei modelli televisivi che pubblicizzano il tabacco.

Leggi tutto

Presentazione del libro: Comunicare bene per amministrare meglio, volume 02

Angelo De Vivo – Responsabile della Comunicazione Istituzionale della Provincia di Milano – presenta il volume ‘Comunicare bene per amministrare meglio’, realizzato in collaborazione con Daria De Carlini, e frutto di un percorso che la Provincia ha iniziato nel 2005 con l’istituzione del premio ‘Comunicami’.

Leggi tutto

L’importanza della comunicazione nel rapporto tra i cittadini e le proprie istituzioni: l’esperienza del Comune di Senago

Enrico Chiesa, sindaco del Comune di Senago, illustra le tappe fondamentali del percorso che ha portato il suo Comune a vincere l’edizione 2006 del premio Comunicami. ‘Comunicare bene significa amministrare bene’: la mancata condivisione degli obiettivi, delle motivazioni di scelte o proposte contribuisce a mantenere la distanza tra i cittadini e le proprie istituzioni.

Leggi tutto

Quando e come sarà possibile parlare di una leadership al femminile?

Eugenio Occorso introduce il tema della giornata: un viaggio attraverso quella parte del mondo femminile che è riuscito ad affermarsi attraverso iniziative di imprenditoria o nel mondo della pubblica amministrazione. Il fil rouge della giornata tesse una sola grande domanda: quando e come sarà possibile parlare di una leadership al femminile?

L’impatto del web 2.0 sulla gestione della conoscenza, l’organizzazione della PA e i servizi ai cittadini

Raffaele Mastrolonardo spiega cosa si intende per web 2.0 e cita alcuni dati, raccolti da società di ricerca e motori di ricerca, che danno conto della dimensione e della tipologia di contenuti presenti su questa rete evoluta. Come possono essere usate queste tecnologie per produrre e gestire la conoscenza nella Pa? Nel secondo intervento esamina le caratteristiche/obiettivo del web 2.0. Nel terzo accenna ai rischi per la PA derivanti dall’identificazione dell’identità e di apertura in modalità “wiki”.Leggi tutto

La sussidiarietà in pratica: audit civico e bricolage solare termico

Francesca Moccia illustra le attività del tribunale dei malati per l’audit civico dei servizi sanitari. 5 regioni italiane hanno introdotto l’audit civico come un sistema ordinario di valutazione dei servizi sanitari. Daniela Re, vicepresidente dell’associazione “Rete” per l’autocostruzione del solare termico, illustra le attività dell’associazione.

I cittadini attivi: uno scrigno di conoscenza, soluzioni e motivazioni.

Giustino Trincia fa riferimento a cinque ambiti nei quali ritiene occorra implementare il principio di sussidiarietà orizzontale: la semplificazione amministrativa; la regolazione del mercato; il ruolo negoziale delle organizzazioni civiche per dirimere le controversie; la nascita e la diffusione di servizi di informazione, assistenza e intervento a favore dei cittadini; i sistemi di promozione e verifica della qualità basati sull’impegno civico.Leggi tutto

Una valutazione del processo di semplificazione in atto

Secondo Ivan Malavasi, per le imprese ed il mercato il costo principale e più insopportabile è quello della non certezza. I percorsi decisionali della Pubblica Amministrazione devono diventare trasparenti e prevedere una chiara attribuzione di responsabilità: semplificare significa dare certezza ad imprese e cittadini. L’entusiasmo messo in campo non va sprecato e la CNA è disposta a mettere a disposizione le proprie competenze e la propria presenza sul territorio, circa settemila sedi, per favorire ed accelerare questo processo.

Web 2.0 e Pubblica Amministrazione: l’opportunità di passare da un’organizzazione verticale ad una trasversale

Antongiulio Bua ribadisce l’opportunità offerta dal web 2.0 per ridefinire l’organizzazione della pubblica amministrazione al suo interno e nei rapporti con i cittadini. Sostiene la necessità di mutuare le caratteristiche di collaborazione e condivisione della conoscenza che contraddistinguono wikipedia e importarle all’interno della pubblica amministrazione identificando delle leadership interne per validare i contenuti inseriti in maniera orizzontale dalla struttura.Leggi tutto

Per andare oltre il bricolage di sussidiarietà occorre superare la dicotomia pubblico-privato

Tiziano Treu ritiene che le esperienze locali siano molto importanti nella determinazione della cultura e delle pratiche di sussidiarietà. Per andare oltre il bricolage di sussidiarietà occorre una sistematizzazione più ampia. Nel nord Europa esiste il PPP (Public Private Partnership) che Treu ritiene una vera miniera a cui il nostro Paese dovrebbe attingere anche per rompere le catene ideologiche che vedono opposti il settore pubblico e quello privato. Treu accenna alle varie forme di sussidiarietà possibili.Leggi tutto